Litfiba - ultimo girone a Napoli

Il tour della Band dei Litfiba ha fatto tappa anche a Napoli, è l’ultimo girone consistente in una s...

Giappone, Il fumetto che ha vinto il premio Manga Taisho 2022

L’ultima edizione del Manga Taisho, uno dei più prestigiosi premi giapponesi dedicati al fumetto,&nb...

John Lennon era stato deriso, ma aveva ragione

Domenica primo maggio, a Roma, si è tenuta una delle manifestazioni musicali più attese: il concerto...

DC Comics ha annunciato tutte le ultime novità del 2022

Durante una conferenza al Comicon di Napoli 2022, Panini Comics ha annunciato i fumetti DC...

Spellbound a Napoli: un percorso introspettivo tra arte e cinema

“Spellbound: scenografia di un sogno” è un percorso museale nella basilica di Santa Maria Maggiore a...

Comicon 2022, Planet Manga annuncia i manga in uscita nei prossimi mesi

La Planet Manga ha annunciato al Comicon 2022 quali saranno le novità dei prossimi mesi.   ...

Ultimi Articoli

Previous Next
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Litfiba - ultimo girone a Napoli
Maggio 15
Il tour della Band dei Litfiba ha fatto tappa anche a Napoli, è l’ultimo girone consistente in una serie di spettacoli voluta da Piero Pelù e dal suo storico collaboratore Ghigo Renzulli, non solo per mettere sotto scacco il coronavirus, ma sopratutto per salutare definitivamente tutti quei fans che, nel corso degli anni, li hanno sostenuti. Noi di Mygeneration abbiamo deciso di partecipare alla festa, sabato 7 maggio, proprio nell’ultimo concerto delle due tappe napoletane, spostate di pochi giorni a seguito di una brutta bronchite avuta dal frontman.   L’attesa non ha fatto altro che aumentare la voglia di rock’n roll degli spettatori e, a giudicare dalla serata, i Litfiba hanno soddisfatto tutti esibendosi con una performance eccezionale dal punto di vista musicale e specialmente Pelù è apparso fisicamente più in forma del solito, mostrandosi a torso nudo e zombando a più non posso. La band ha selezionato per questa tournée 42 brani, un lavoro, a detta di Pelù, non semplice perché tutto il loro repertorio comprende circa 150 brani.   La fatica ha dato i suoi frutti poiché alla casa della musica è stata eseguita una scaletta che ha appagato le gioie sia degli irriducibili che di quelli che da poco li hanno scoperti e che, in calcio d’angolo, hanno fatto in tempo a vederli dal vivo. L’arena hanno intonato e ballato i pezzi più importanti del gruppo, come Fata Morgana, Spirito, El Diablo e Regina di cuori, ma il momento più emozionante è stato quando coralmente si è cantata Bella ciao.   Tra un brano e l’altro non sono mancate invettive contro i signori della guerra e contro Putin e Biden che non stanno facendo niente affinché la “pace sia l’unica vittoria” né sono mancati tributi ad amici e colleghi come a Ringo De Palma (il loro primo batterista), a Candelo Cabezas (il percussionista scomparso nel 1997) e a Erriquez della Bandabardò.   Un nostro ringraziamento speciale va all’organizzazione interna della casa della musica che ha installato la postazione per i disabili vicinissima al palco e che ha permesso agli stessi di partecipare all’evento serenamente.   Setlist della serata:   Eroi nel Vento Tex La preda Dimmi il nome L’ impossibile Apapaia Bella ciao Sparami Istanbul Il volo Fata Morgana Spirito Regina di cuori Il mio corpo che cambia Ci sei solo tu Ritmo 2# Barcollo Gioconda Lacio Drom Cangaceiro Pioggia di luce Lulu & Marlene Proibito El Diablo
Giappone, Il fumetto che ha vinto il premio Manga Taisho 2022
Maggio 13
L’ultima edizione del Manga Taisho, uno dei più prestigiosi premi giapponesi dedicati al fumetto, è stata vinta dalla serie Darwin Jihen, scritta e disegnata da Shun Umezawa.   Darwin Jihen viene pubblicato in Giappone sulle pagine della rivista Afternoon, etichetta della casa editrice Kodansha, a partire da giugno 2020. Ad oggi conta circa 3 volumi e in Italia verrà pubblicato da Dynit. Dello stesso autore, in Italia sempre Dynit ha già pubblicato Sotto un cielo di collant, raccolto in un unico volume.   La storia ruota attorno a Charlie, un ibrido umano-scimpanzé. A seguito di un attacco da parte di un’organizzazione terroristica chiamata Animal Liberation Front al laboratorio di ricerca dove era nato, Charlie è stato cresciuto da genitori umani e conduce la vita di un normale adolescente.   L’anno scorso il premio è andato alla serie Frieren. Oltre la fine del viaggio di Tsukasa Abe, Kanehito Yamada (pubblicata in Italia da J-Pop), nel 2020 da Blue Period di Tsubasa Yamaguchi (pubblicata in Italia da J-Pop) e nel 2019 da Astra Lost in Space di Kenta Shinohara (pubblicato in Italia da Star Comics).   Il comitato di selezione del premio ha la particolarità di essere composto da librai, ed è eleggibile qualunque manga uscito in Giappone nel corso dell’anno precedente, che conti un massimo di otto volumi usciti.      Link alle immagini: https://www.animeclick.it/news/94266-taisho-awards-2022-vince-darwins-incident-di-shun-umezawa - https://www.gonagaiworld.com/darwin-jihen-darwins-incident-e-il-vincitore-del-manga-taisho-2022/
John Lennon era stato deriso, ma aveva ragione
Maggio 08
Domenica primo maggio, a Roma, si è tenuta una delle manifestazioni musicali più attese: il concertone a Piazza San Giovanni, organizzato da Cgil, Cisl e Uil dopo due anni di stop per pandemia. Il ritorno di questo evento atteso dal pubblico ha sancito la voglia di tornare alla normalità e in più attraverso quella piazza si è lanciato un messaggio importante: il “no” alla guerra, attraverso la voce del gruppo ucraino Go_A che ha intonato insieme ai rifugiati dal fronte Imagine Però il nobile intento è stato accompagnato dal pensiero voluto proprio dai neocon americani in cui descrivono i russi come barbari, incivili e invasori. C’è da chiedersi se l’ex Beatle sarebbe stato d’accordo con questa narrazione. Un dubbio amletico che non verrà mai risolto perché John è stato assassinato, tornando a casa sua, nel dicembre 1980 e quindi, non sapremo mai quale sarebbe stato il suo atteggiamento.   Ed è questo l’intento di questo articolo, non descrivere fatti di cronaca, o riempire, come nel nostro caso una rubrica, ma fare una riflessione. Naturalmente non solo Lennon, ma tutta la sua generazione trovava fastidioso il fatto che per risolvere controversie internazionali si dovesse ricorrere all’uso delle armi e sentiva la necessità di dare alla storia un nuovo percorso senza guerre e sopraffazioni, a prescindere da chi avesse torto o ragione ed è per questo che molti di loro usarono la parola “amore”, non per indicare l’atto sessuale, ma per indicare quel sentimento di fratellanza e pacifica convivenza con i propri simili. All’epoca nessuno capì questo messaggio, i giovani furono bollati e derisi come fricchettoni, perdigiorno o più genericamente hippies, ma intanto senza le loro iniziative come le marce della pace o i bed-in la guerra sarebbe stato un pericolo costante.   A John piaceva quell’ambiente sopra le righe e quel modo di pensare al punto che verso la fine degli anni ‘60 inziò a frequentare molti personaggi della contro-cultura come Angela Davis, John Sinclair e Timothy Leary e quando convolò a nozze con Yoko Ono diede vita prima al bagism – un sit-in pacifico che vedeva la coppia rinchiusa in sacchi , non per viltà, ma perché si udisse soltanto la voce di protesta contro ciò che accadeva in Vietnam e contro le guerra , e dopo al bed-in con la neosposa prima ad Amsterdam e poi a Montreal. Parte di queste iniziative possono essere viste nel il videoclip di Give peace a chance. Imagine è tutt’ora il manifesto del “Lennon pensiero” e chi lo indica semplicemente come canzone comunista non capisce quali erano i propositi di John e qual era il clima che si respirava all’epoca.   Ed è proprio John a spiegarci la genesi di un brano immortale, di una canzone concepita come una preghiera e come un augurio a tutta l’umanità futura che non si distingua più in ragazze, sesso o religione e che finalmente sarebbe stata conscia del fatto che la pace si ottiene soltanto se c’è la volontà di porre sullo stesso piano sia la propria identità culturale che quella altrui e rendersi conto che sulla terra vivono attualmente quasi 8 miliardi di persone che devono condividere tutto ciò che hanno e che il loro agire non deve essere condizionato da una possibile ricompensa o punizione ultraterrena.       Immagine presa dalla Wikipedia online
DC Comics ha annunciato tutte le ultime novità del 2022
Maggio 06
Durante una conferenza al Comicon di Napoli 2022, Panini Comics ha annunciato i fumetti DC Comics che pubblicherà nei prossimi mesi del 2022. Di seguito, tutti i fumetti annunciati:   Shadows of the Bat Ad agosto su Batman 54 inizierà la saga di Mariko Tamaki e Ivan Reis.   Shadow War A novembre su Batman 60 inizierà l’evento.   Dark Knights of Steel maxi serie scritta da Tom Taylor che cala i personaggi DC in un contesto fantasy alla Trono di spade. Sarà pubblicata su Batman/Superman a partire dal numero 25 in uscita a luglio.   Batman vs. Bigby con l’incontro tra i personaggi di Fables e Batman sarà pubblicata a settembre.   Batman ’89 ispirato al film di Batman diretto da Tim Burton negli anni Ottanta, sarà pubblicato a novembre.   Batman: The Knight di Chip Zdarsky e Carmine Di Giandomenico, che rinarra le origini di Batman, sarà pubblicata in due volumi a partire da ottobre.   The Joker: A Puzzlebox di Matthew Rosenberg, Jesus Merino e Ulisses Arreola, un noir metropolitano in cui Joker fa la parte di un testimone di un crimine, sarà pubblicato entro la fine dell’anno.   Catwoman: Lonely City mini serie scritta e disegnata da Cliff Chiang per la linea Black Label di DC Comics, incentrata su Catwoman e ambientata in un mondo in cui Batman non esiste, sarà proposta in cartonato a ottobre 2022.   Batman: Beyond the Dark Knight nuovo capitolo dell’universo alternativo di Batman ideato da Sean Gordon Murphy, sarà pubblicato in cartonato a dicembre 2022.   Batman: La setta un classico di Jim Starlin e Bernie Wrightson, sarà riproposto in un volume cartonato a settembre.   Batman: Legacy storico crossover scritto da Chuck Dixon e Alan Grant, sarà ripubblicato in più volumi cartonati a partire da novembre 2022.   Tales of the Batman le storie scritte da Steve Englehart e illustrate da Marshall Rogers negli anni Settanta, saranno proposte in cartonato ad agosto.   Batman: The Doom That Came to Gotham elseworld horror scritto da Mike Mignola, sarà pubblicato in cartonato a settembre.   Ciclo di storie di Batman scritto da James Tynion IV sarà proposto in volumi cartonati a partire da ottobre 2022.   Justice League Incarnate scritta da Joshua Williamson e seguito dell’evento Infinite Frontier, sarà pubblicata a partire da giugno su DC Crossover 18.   Justice League vs. The Legion of Super-Heroes crossover scritto da Brain Bendis, sarà pubblicato da settembre a novembre sui numeri 21, 22 e 23 di DC Crossover.   Wonder Woman: Il processo delle amazzoni il più recente evento dedicato a Wonder Woman inizierà a essere pubblicato a partire da novembre su Wonder Woman 33 e si concluderà a febbraio 2023 su Wonder Woman 36.   il mini crossover tra Jon Kent e Dick Grayson  A dicembre su Superman 43 sarà pubblicato  scritto da Tom Taylor.   Challengers of the Unknown storia del 1991 di Jeph Loeb e Tim Sale, sarà pubblica in un volume cartonato ad agosto.   Freccia Verde firmato da Mike Grell nel 1987 sarà pubblicato in un volume unico a settembre.   Human Target scritte da Peter Milligan  Le serie Vertigo di  a partire dal 1999 saranno pubblicate in volume a novembre . Kid Eternity classico della linea Vertigo degli anni Novanta scritto da Grant Morrison e disegnato da Duncan Fegredo, sarà pubblicato in volume cartonato deluxe a settembre.   Marshal Law realizzato da Pat Mills e Kevin O’Neill negli anni Novanta, sarà proposto in un cartonato deluxe a ottobre.   Promethea di Alan Moore e J.H. Williams III sarà riproposto a dicembre in un’edizione absolute di tre volumi con cofanetto.   Sandman Mistery Theatre serie spin-off di Sandman di Neil Gaiman, sarà riproposta a ottobre in un cofanetto di 8 volumi, venduti anche separatamente.     Link alle immagini: https://fumettologica.it/2021/10/fumetti-dc-panini-lucca-comics-2021/
Spellbound a Napoli: un percorso introspettivo tra arte e cinema
Maggio 05
“Spellbound: scenografia di un sogno” è un percorso museale nella basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta a Napoli che culmina con l’esposizione in anteprima europea dello Spellbound, una scenografia creata nel 1945 da Salvador Dalì per il film “Io ti salverò” (In inglese Spellbound) di Alfred Hitchcock. La mostra sarà aperta al pubblico ogni giorno dalle 10:00 alle 20:00 fino al 30 settembre 2022 e prevede un percorso che si basa sull’intreccio dell’arte surrealista del maestro catalano e sul cinema thriller del regista britannico.   Paranoia, perdita della memoria, fase onirica, psicoanalisi e recupero della memoria: queste sono le fasi in cui è scandito il viaggio tra le meravigliose opere di Dalì, impreziosite da esperienze multimediali di grande effetto che colpiscono il visitatore nell’intimo, portandolo verso profonde riflessioni psicologiche. In esposizione, inoltre, sono presenti circa 100 opere provenienti da tutto il mondo; molte di queste sono presentate per la prima volta in Italia. Si possono ammirare sculture in bronzo, opere in vetro Daum, grafiche, libri illustrati, oggetti di design e arredi surrealisti dal valore inestimabile. Le opere provengono dalla grande collezione privata di Salvador Dalì che si trova a Barcellona.   Lo “Spellbound: Tela di un Sogno” è una grande tela realizzata da Dalì e si estende per circa 11 metri con un’altezza di 5 metri. Essa rappresenta degli occhi vitrei, un’iconografia surrealista per eccellenza. Per Dalí, infatti, l’occhio è lo strumento per mostrare allo spettatore le cose invisibili, l’interiorità individuale e permette di interpretare il tema della doppia immagine. L’omonimo film “Spellbound” è un thriller del 1945 di Alfred Hitchcock dove viene affrontato per la prima volta il tema della psicoanalisi applicata alla risoluzione di un enigma. Per la sequenza onirica che servirà a dare un’identità all’assassino del film, il regista ha chiesto l’aiuto di Salvator Dalì, che, con il suo surrealismo, sfrutta il subconscio come mezzo per sbloccare il potere dell’immaginazione.   La collaborazione tra Salvador Dalí e Alfred Hitchcock è nata dalla determinazione di Hitchcock di voler creare una scena di sogno che non riprendesse i tipici cliché cinematografici. Il regista decise di far parlare la scenografia e volle fortemente la collaborazione di Dalí per realizzare i sogni con grande chiarezza e intensità visiva, più intensi del film stesso. La mostra alla Pietrasanta risulta dunque un perfetto connubio tra i due grandi maestri, un’esperienza unica, intima e suggestiva. Si potranno ammirare opere meravigliose e usufruire di un voice over per essere guidati negli spazi bui della nostra mente affrontando un percorso psicologico e intimo. Per questo evento è previsto l’acquisto di un biglietto elettronico nominativo da mostrare all’ingresso.               Link alla foto: https://www.bloginternettuale.it/wp-content/uploads/2022/04/Spellbound-Salvador-Dali-Alfred-Hitchcock-mostra-Napoli-Basilica-della-Pietrasanta-LAPIS-Museum-2022-900x500.jpg
Comicon 2022, Planet Manga annuncia i manga in uscita nei prossimi mesi
Maggio 04
La Planet Manga ha annunciato al Comicon 2022 quali saranno le novità dei prossimi mesi.   Fireworks: il manga e il romanzo di Shunji Iwai e Makoto Fūgetsu Uscita: luglio e agosto <La storia è ambientata nel periodo delle vacanze estive, durante le quali un gruppo di ragazzi decide di andare a vedere i fuochi d’artificio dal locale faro per stabilire se, guardandoli da quella prospettiva, siano rotondi o più piatti. Nel frattempo uno degli amici, Norimichi, si disinteressa alla diatriba sulla forma dei fuochi quando riceve un improvviso invito da Nazuna, la ragazza che gli piace… lei gli propone di scappare via insieme e staccarsi dagli altri.>   Excuse me dentist di Shō Yamazaki Uscita: agosto <Due clan yakuza si dividono la città da generazioni: i Kokuyo-kai con i suoi uomini in nero e gli Shinju, generalmente vestiti di bianco. Sul confine che delimita il territorio dei due clan c’è un piccolo studio dentistico gestito da una graziosa dentista. Uno yakuza sta per cadere sotto l’incantesimo della giovane donna. Ma le apparenze ingannano…>   Love Emotion Theory di Kyoko Aiba Uscita: agosto <Ryoma ha una caratteristica speciale: è in grado di leggere le emozioni delle altre persone con uno sguardo. Ma un giorno incontra Aoyama, i cui sentimenti sono nascosti dietro un fitto alone di mistero.>   Night of the Living Cat di Hawkman e Mecha-roots Uscita: agosto <Un’esplosione pandemica del virus NN ha trasformato gli esseri umani in gatti, costringendo i sopravvissuti a lottare per la loro sopravvivenza. In un mondo governato dai gatti, un uomo che ha perso molti dei suoi amici a causa dei felini lotta per salvare l’umanità.>   Tougen Anki di Yura Urushibara Uscita: settembre <Ichinose Shiki ha vissuto tutta la sua infanzia ignorando di essere un erede del sangue di Oni. Un giorno, quando un uomo sconosciuto cerca di ucciderlo, il suo padre adottivo decide di rivelargli la verità. In un mondo in cui Oni e Momotarou non sono mai riusciti a convivere, seguiamo Ichinose nella sua lotta per il potere e per unire le due razze.>   Boichi short stories di Boichi Uscita: settembre Una raccolta di storie di stampo fantascientifico scritte e disegnate da Boichi.   Pink to Mameshiba di Tomo Kurahashi Uscita: settembre <Ken è un fan hardcore del gruppo idol Planet. Un giorno, mentre sta preordinando gli ultimi articoli del suo gruppo preferito, il giovane venditore lo riconosce: è un suo studente nella scuola dove lavora. Ken implora il ragazzo di tacere sul suo hobby e il diabolico studente concorda ponendogli una condizione: che da quel momento diventi il suo docile cane.>   Hello Morning Star di Tomo Kurahashi Uscita: settembre <Sebbene un tempo fossero “più che amici”, oggi, Atsuto e Yuuki sono rivali facenti parte di due idol band sulla cresta dell’onda; il serio è impassibile Yuuki è un membro dei Real, mentre l’allegro Atsuto milita negli L-Planet. L’atmosfera tra i due è sempre molto tesa, ma per quanto cerchino di ignorarsi a vicenda, finiscono per vivere sotto lo stesso tetto per prepararsi ad un film in cui reciteranno insieme. La convivenza forzata li porterà a riavvicinarsi?>   Urasekai picnic di Iori Miyazawa ed Eita Mizuno Uscita: settembre <La storia è ambientata nel mondo moderno, ma esiste una porta che può trasportare le persone “dall’altra parte” dove strane leggende metropolitane prendono vita. Alla ricerca di soldi e di una persona importante, Sorawo e Toriko mettono piede nell’ignoto.>   Blue Sky Complex di Kei Ichikawa Uscita: settembre <Narasaki è uno studente come tanti che vorrebbe passare il tempo leggendo in solitudine. Purtroppo però, il professore responsabile della sua classe gli affida il compito di tenere d’occhio Terashima, un noto delinquente. I due passano molto tempo insieme e a poco a poco si sentono attratti l’uno dall’altro>   The Spy’s Wife di Kiyoshi Kurosawa e Masasumi Kakizaki Uscita: settembre <Yusaku Fukuhara gestisce un’azienda commerciale a Kobe, e percependo una sorta di fermento nell’aria, lascia a casa la moglie Satoko per trasferirsi in Manciuria col nipote, ed è propri lì che vede accadere qualcosa di sconvolgente. Yusaku decide di rivelare l’incidente al mondo intero ed agisce in tal senso. L’uomo viene accusato di essere un traditore, ma Satoko crede in lui e giura di rimanergli accanto, non importa quali saranno le conseguenze.>   Okaeri Alice di Shuzo Oshimi Uscita: ottobre <Yohei, Kei e Yui sono amici d’infanzia fin dai tempi della scuola materna. Giunti alle scuole medie, tuttavia, i tre ragazzini, un tempo timidi e tranquilli, si ritrovano di colpo in mezzo al tumulto di tutte le pulsioni e passioni della prima adolescenza. Se Yohei inizia a vedere finalmente Yui come una ragazza (pergiunta molto attraente!), lei sembra invece provare qualcosa per Kei… che è tutt’altro che indifferente. Il cuore di Yohei non è però l’unico a spezzarsi: sia lui che Yui rimangono spiazzati dall’improvviso trasferimento di Kei, avvenuto senza neanche un ultimo addio ai due amici d’infanzia. Al momento del passaggio alle scuole superiori, il rapporto fra Yui e Yohei si è fatto ormai molto distante. I due ragazzi finiscono però in classe insieme, ed è qui che fanno la conoscenza di una ragazza dai lunghi capelli biondi. La sorpresa? Quella ragazza è proprio Kei!>   The Elusive Samurai di Yūsei Matsui Uscita: ottobre <Tokiyuki Houjou è il prossimo successore dello shogunato di Kamakura, un ragazzino di otto anni privo di talento tranne che nel sapersi nascondere. Un giorno, la vita spensierata del ragazzo viene bruscamente sconvolta quando Takauji Ashikaga prende brutalmente il potere, mettendo fine al regno dei Kamakura. Tokiyuki, salvatosi dall’attacco, deve sfuggire a coloro che cercano di ucciderlo reclutando compagni che possano aiutarlo a riportare lo Shogunato Kamakura al suo antico splendore.>   Diamond in the Rough di Nao Sasaki Uscita: novembre <In un mondo dove le pietre assumono un’importanza fondamentale, un artigiano, esperto nel trattare minerali, durante la visita a un villaggio sotterraneo incontra un ragazzo il cui piede sinistro è pietrificato. I due intraprendono un viaggio per salvare la famiglia del ragazzo.>   Un Sandwich a Ginza e Una Bistecca a Shitamachi di Jiro Taniguchi e Yoko Hiramatsu Uscita: ottobre e dicembre <Due saggi culinari realizzato dal compianto maestro Taniguchi e da Yoko Hiramatsu, usciranno rispettivamente ad ottobre e dicembre.>   Mieruko-chan di Tomoki izumi Uscita: dicembre <Il manag da cui è stato tratto l’omonimo anime prodotto dallo studio passione. La storia di una ragazza che vede gli spiriti, ma che fa di tutto per ignorarli e continuare a vivere una vita normale! La serie verrà pubblicata a partire da dicembre.>   Berserk (volume 41 in edizione limitata) di Kentaro Miura Uscita: dicembre <L’ultimo volume del capolavoro manga del compianto Kentaro Miura, scomparso ormai quasi un anno fa. L’edizione limitata sarà disponibile a partire da dicembre.>   Soul Eater The Perfect Edition di Atsushi Ohkubo Uscita: dicembre <Perfect Edition del famoso manga shonen di Atsushi Ohkubo. L’edizione sarà simile a quella della Perfect Edition di Fullmetal Alchemist, mentre l’uscita dei volumi avrà una cadenza bimestrale a partire da dicembre.>     Link alle immagini: https://www.anidaily.it/annunci-di-planet-manga-al-napoli-comicon-2022/ - https://anime.icrewplay.com/fireworks-anteprima-anime-per-lamerica/ - https://www.animeclick.it/manga/36343/haisha-san-atattemasu - https://www.animeclick.it/manga/43175/renai-kanjouron - https://www.animeclick.it/manga/37044/nyaight-of-the-living-cat - https://www.animeclick.it/manga/32929/tougen-anki - https://www.animeclick.it/manga/38666/boichi-original-sf-tanpenshuu - https://www.yaoitalia.it/pink-to-mameshiba/ - https://www.animeclick.it/manga/32095/hello-morning-star - https://www.animeclick.it/manga/26976/ura-sekai-picnic - https://www.amazon.it/Blue-Sky-Complex-Livre-Collection/dp/2368776214 - https://www.animeclick.it/manga/33245/supai-no-tsuma - https://www.animeclick.it/manga/32593/okaeri-alice - https://www.animeclick.it/manga/35120/nige-jouzu-no-wakagimi - https://www.animeclick.it/manga/35786/aragane-no-ko - https://www.amazon.it/sandwich-Ginza-Yoko-Hiramatsu/dp/2809714479 - https://www.amazon.it/Mieruko-chan-3-Tomoki-Izumi/dp/1975324315 - https://www.tuttogiappone.com/prodotto/berserk-41-edizione-speciale-con-stampa-su-tela-e-cd-audio/ - https://www.amazon.it/Soul-Eater-Perfect-Atsushi-Ohkubo/dp/1646090012 -
La decisione storica della corte costituzionale: in Italia doppio cognome per i propri figli
Maggio 03
La Corte Costituzionale con una sentenza storica ha superato una tradizione patriarcale allineando finalmente l’Italia agli altri Paesi europei. Lo scorso 27 aprile, infatti, è stata dichiarata illegittima la norma che attribuisce in modo automatico ai nuovi nati il cognome paterno. L’assegnazione automatica sarà invece quella del cognome di entrambi i genitori nell’ordine da loro scelto. I giudici, dunque, hanno dichiarato incostituzionale la legge che non consente ai genitori, di comune accordo, di attribuire al figlio il solo cognome della madre e quella che, in mancanza di accordo, assegna il solo cognome del padre. La Corte ha preso tale decisione poiché le regole attuali violano gli articoli 2,3 e 117, primo comma, della costituzione, quest’ultimo in relazione agli articoli 8 e 14 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.   La sentenza della Corte costituzionale sul cognome materno non è ancora stata pubblicata ma ha già trovato applicazione. Il 29 aprile, infatti, il Tribunale di Pesaro ha per la prima volta in Italia assegnato il cognome materno ad una bambina la cui madre chiedeva il riconoscimento del proprio cognome nonostante l’opposizione del padre. Questa è la prima decisione di un palazzo di giustizia in Italia sul doppio cognome dopo la pronuncia della Corte Costituzionale. Grazie a tale cambiamento sarà riconosciuta l’uguaglianza e la parità dei diritti dei genitori e diminuirà la discriminazione di genere. Ci sarà il diritto all’identità personale e l’identificazione del bambino come appartenente a entrambi i rami genitoriali. Ci sarà una presa di coscienza del fatto che, le norme che derivano da consuetudini sociali discriminanti, possono essere cambiate. Questo nuovo provvedimento, infatti, non risarcisce un’ingiustizia ma di sicuro la termina.   Se da una parte la conquista dell’attribuzione del doppio cognome rappresenta un passo avanti nel riconoscimento dei pari diritti nella coppia, dall’altra sicuramente questa possibilità comporta una serie di difficoltà. Prima tra tutte l’obbligo per il bambino, in età adulta, di firmarsi con entrambi i cognomi sui documenti ufficiali. La firma troppo lunga, infatti, è un limite soprattutto quando si utilizzano i sistemi informatici che si bloccano dopo l’inserimento di un certo numeri di caratteri. Un altro aspetto sfavorevole si concretizzerà nel futuro se il bambino, ormai adulto, vorrà dare anche lui un doppio cognome al figlio. In quel caso ci troveremmo di fronte all’ipotesi di un bambino con quattro cognomi. Sarà dunque necessario un meccanismo per evitare di accumulare un eccesso di cognomi nelle generazioni a venire, nel caso si decida di conservare i cognomi di tutti e due i genitori. Sebbene ci siano alcune problematiche da risolvere, questa decisione rappresenta senza dubbio un miglioramento sociale simbolico. Nonostante ciò, il vero rispetto della parità di genere e i giusti insegnamenti dovranno sempre essere trasmessi dalla famiglia e dai suoi comportamenti concreti.         Link alla foto: https://blog.phonehouse.es/wp-content/uploads/2020/08/aplicaciones-editar-fotos.jpg
Annunci Star Comics al Comicon di Napoli 2022
Maggio 03
Durante la fiera del fumetto di Napoli, il Comicon 2022, la Star Comics Edizioni ha annunciato alcuni nuovi manga che pubblicherà nei prossimi mesi.   AKAI KIRI NO NAKA KARA di Mosae Nohara <Nell’Inghilterra di fine diciannovesimo secolo, Rwanda è il figlio adolescente di una feroce serial killer. Cresciuto per anni confinato nel seminterrato di casa e sottoposto a indicibili torture fisiche e psicologiche, in seguito a una serie di vicissitudini si ritrova accolto in un orfanotrofio, circondato da adulti attenti e amorevoli e coetanei vivaci e amichevoli. L’inizio di una nuova vita? O l’inizio del risveglio del… sangue di famiglia? Un manga action straordinariamente dark, con un protagonista oscuro e controverso come non se ne erano mai visti prima.>   KEKKAI NO NOAH di Yu Satomi <Dice un proverbio che “nessuno ti dà niente per niente”. Ma quando a una serie di persone ordinarie viene offerta una vacanza su una lussuosissima nave da crociera frequentata dall’élite, nessuno scomoda i proverbi, e tutti accettano con entusiasmo. Una volta al largo, il sogno si trasforma man mano in un incubo quando strane e inspiegabili sparizioni cominciano a susseguirsi… e l’oceano intorno non lascia alcuna via di fuga! Un horror sorprendente, brutale, sconvolgente, raffinato e solidamente costruito.>   NATSUME ARATA NO KEKKON di Taro Nogizaka <Natsume Arata è un giovane funzionario dei servizi sociali per l’infanzia, il cui scopo è aiutare i ragazzi che, come lui in passato, si trovano alle prese con situazioni ambientali particolarmente difficili. Per aiutare un orfano determinato a far luce sulla morte del padre, decide di chiedere un colloquio in prigione con la donna sospettata dell’omicidio dell’uomo, attualmente in attesa di giudizio per una serie di efferati delitti. La giovane si rivela sorprendentemente diversa da come descritta, e ingaggia con Natsume una sorta di sottile sfida psicologica. Ma per provare risolvere il caso e al tempo stesso chiarire i numerosi punti oscuri sull’identità e sul passato della ragazza, Natsume ha bisogno di un pretesto ufficiale per incontrarla altre volte. E quale pretesto migliore se non chiederle… di sposarlo? Un thriller psicologico originale, appassionante e decisamente fuori dagli schemi firmato dal maestro Taro Nogizaka>   GHOST GIRL di Saiké Akissa <Nonostante abbia ancora l’aspetto di una studentessa, Chloé – attricetta horror di seconda categoria – è ormai prossima alla “fatidica” soglia dei 30 anni, e per questo è alla disperata ricerca di un’ultimissima chance per il successo. Ma durante un suo estremo tentativo di trovare l’audizione della vita, finisce invece col prendere coscienza che non è la recitazione il suo principale talento. Vittima di un improvviso assalto di spiriti famelici, scopre di poter contare su straordinarie facoltà medianiche, che attirano su di lei l’attenzione di orde di presenze raccapriccianti. Finirà davvero a combattere gli spettri a colpi di falce come la protagonista della sua fiction d’esordio? Incantevoli disegni e inquietanti suggestioni lovecraftiane caratterizzano la nuova opera di Akissa Saiké, già autore di Rosario + Vampire. Il primo volume sarà disponibile anche in edizione Variant Cover!>   KAMISAMA KISS NEW EDITION di Julietta Suzuki <A causa dei debiti del padre, Nanami Momozono ha perso tutto e si è ritrovata a dover vivere in un vecchio e decrepito tempio shintoista, ospite nientemeno che di una divinità! La condizione per poter restare è farsi carico del suo lavoro… A grande, grandissima richiesta, torna una delle serie shojo più amate degli ultimi anni in una nuova meravigliosa edizione, che ripropone i 25 volumi della serie storica in una nuova veste, composta da un totale di 13 volumi.>   USAGI NO MORI di Enjo <Tamaki e Shunta sono amici d’infanzia con un anno d’età e un centimetro d’altezza di differenza. Shunta ammira da sempre il carattere solare di Tamaki, ma poco a poco, anno dopo anno, i suoi sentimenti cominciano ad intensificarsi sempre di più… Come si evolverà il rapporto fra i due amici in questo profondo turbinio di emozioni? Da uno degli autori Boys’ Love più promettenti degli ultimi anni, una storia emozionante e coinvolgente, assolutamente imperdibile!>   KUZU NO HONKAI di Mengo Yokoyari <“Noi siamo sostituti”. I diciassettenni Mugi Awaya e Hanabi Yasuraoka sembrano la coppia perfetta. Sono entrambi popolari e sembrano stare molto bene assieme, ma nessuno conosce il segreto che condividono. Sia Mugi che Hanabi sono innamorati di qualcun altro e si frequentano solo per sfuggire alla solitudine. Mugi è innamorato di Akane Minagawa, una giovane professoressa che in passato era stata sua tutor, mentre Hanabi è innamorata di un insegnante, un giovane uomo amico della sua famiglia sin da quando lei era piccola. Con la loro intimità fisica cercano di placare la solitudine, ma basterà questo a consolare i loro cuori? Dalla mano di Mengo Yokoyari, una serie emozionante su luci e ombre dei sentimenti umani, che ha ispirato anche la celebre serie anime! Il primo volume della serie sarà disponibile anche con 4 speciali illustration card in allegato.>   AO NO HAKO di Kouji Miura <Taiki Inomata è uno studente del terzo anno delle medie, che frequenta la Eimei Academy, una scuola con un importante programma sportivo. Il ragazzo fa parte della squadra di badminton maschile ed è innamorato della giocatrice di basket Chinatsu Kano, una ragazza che si allena ogni mattina in palestra. Un giorno di primavera, per uno strano scherzo del destino, la ragazza inizia a vivere a casa di Taiki. Volendo diventare un degno compagno per Chinatsu, il giovane insegue il suo stesso sogno: partecipare alle Nazionali iniziando ad allenarsi più duramente, tutto per costruire una forte relazione con la sua nuova coinquilina. Prepariamoci a dare il benvenuto in Italia alla nuova, delicata e amatissima commedia sentimentale di «Weekly Shonen Jump». Il primo volume sarà disponibile anche in una speciale edizione con box e… gadget esclusivi!>   TATSUKI FUJIMOTO SHORT STORIES 17-21 di Tatsuki Fujimoto <Raccolta di alcune storie brevi pubblicate da Tatsuki Fujimoto nel corso della sua carriera. Disponibile in edizione Regular e Deluxe.>   LOOK BACK di Tatsuki Fujimoto <Fujino, studentessa di quarta elementare, nutre una passione viscerale per i manga, che esprime realizzando per il giornale della scuola una serie di strisce umoristiche apprezzate per inventiva e arguzia tanto dai suoi compagni quanto dagli adulti. Idolo indiscusso della sua classe, vede la sua posizione ridiscussa quando una certa Kyomoto, una compagna che si rifiuta di frequentare la scuola, comincia a pubblicare per lo stesso giornale, rivelando un’abilità grafica che lascia tutti a bocca aperta. La comparsa improvvisa di una “rivale” sconquassa la quotidianità della giovane, che inizia ora a interrogarsi sulle sue reali capacità e sulle sue aspirazioni per il futuro. Come reagirà? Che tipo sarà questa Kyomoto? Quali insospettabili porte girevoli le riserverà il futuro? Un volume unico assolutamente sensazionale, acclamato da pubblico e critica, intenso e profondamente commovente, che è valso al maestro Fujimoto il riconoscimento come uno degli autori più influenti e innovativi della sua generazione, e con cui si apre letteralmente una nuova era nel mondo dei manga mainstream. Il volume sarà disponibile in edizione Regular, Deluxe e Deluxe con box allegato dove poter inserire anche le short stories.>   Link alle immagini: https://www.starcomics.com/ - https://www.cdjapan.co.jp/product/NEOBK-2655430 - https://www.goodreads.com/book/show/48767591-3-kekkai-no-noah-3 - https://www.animeclick.it/manga/29155/natsume-arata-no-kekkon - https://www.animeclick.it/manga/33486/ghost-girl - https://newsintheshell.it/post/151630083453/il-nuovo-oad-di-kamisama-kiss-sar%C3%A0-anche - https://www.animeclick.it/manga/29185/usagi-no-mori - https://www.ebay.it/itm/272589491803 - https://www.animeclick.it/manga/38162/ao-no-hako - https://www.animeclick.it/manga/39788/fujimoto-tatsuki-tanhenshuu-17-21 - https://www.animeclick.it/manga/38824/look-back
Old enough: il confronto tra culture che l'Italia dovrebbe accogliere
Aprile 29
Si possono dire tante cose sulla globalizzazione, ma non che non abbia i suoi vantaggi, compresa anche una maggiore consapevolezza delle culture delle altre popolazioni. Con la nascita di questo villaggio globale si assiste ad un incontro culturale sempre più rapido, spesso mediato da serie televisive, piattaforme streaming e da tutto ciò che la globalizzazione ha permesso di portare su quel canale virtuale che viaggia tra una nazione e l’altra senza la necessità di doversi muovere da casa, quasi sostituendosi agli antropologi (purtroppo per me direi), a volte però anche col rischio di enfatizzare gli stessi stereotipi. Ma dopotutto gli stereotipi esistono per un motivo. Comunque, partendo da questo presupposto di incontro/scontro tra culture, non possiamo non ringraziare Netflix per aver portato sul territorio italiano il fomat televisivo trentennale con i bambini dedicato a piccoli e adulti: Old enough.   Si tratta di un reality giapponese di Nippon Tv, dove una serie di bambini tra i 2 e i 5 anni devono affrontare la loro prima commissione, con tutto quello che ne consegue. I piccoli adulti devono in questo modo prendersi le loro prime responsabilità, affrontare le proprie paure, come quella del buio, e anche superare le proprie restrizioni mentali, come raccogliere il pesce a mani nude, nonostante non sia una delle esperienze più entusiasmanti per qualcuno. E tutto questo, totalmente da soli, o meglio, senza l’aiuto dei propri genitori: i bambini infatti non sono mai lasciati a se stessi, ma sempre accompagnati dai cameramen e dai vicini, soprattutto nei pesi più piccoli, pronti ad intervenire in caso di bisogno. Il tutto è accompagnato da un’avvincente telecronaca che riesce a far sorridere (e non ridere) delle imprese dei piccoli eroi, senza mai rischiare di diventare una sorta di candid camera, prendendosi gioco di loro.   Old enough è un programma puro, genuino, che porta sullo schermo delle tradizioni a quanto pare tipiche di una nazione lontanissima da quella occidentale, in ogni senso. Old enough è per tutti: grandi e piccini. Lo spettatore adulto si commuove, mettendosi nei panni dei genitori dei piccoli bimbi, anche loro messi alla prova nel lasciarlo andare. Lo spettatore bambino, sogna e s’immedesima con loro nell’affrontare quell’impresa, eroica ai loro occhi, pronti a non deludere le aspettative di chi ha riposto fiducia in loro. Hajimete no Otsukai, che significa proprio “prima commissione”, questo è il titolo originale della serie, è il programma che tutti dovrebbero apprezzare e vedere, soprattutto in un contesto occidentale, dove ora i più piccoli vengono privati, fino all’eta realmente adulta, di qualsiasi responsabilità, negandogli in un certo senso il diritto di crescere. Anche perchè c'è da dire che i genitori dei piccoli bambini non mettono solo i bambini al proprio livello, affidandogli i compiti più “duri”, ma si pongono anche loro stessi a quello dei loro figli, abbassandosi sempre nel momento in cui parlano con loro, senza mai guardarli dall’alto in basso. Non vengono visti solo come bambini, ma piuttosto trattati con rispetto, come se fossero dei loro pari.   Tuttavia per apprezzare come dovrebbe essere il programma bisogna vederlo con gli occhi di chi sa che quello non è il proprio mondo, senza peccare di arroganza e cercando di pulirsi da quelle che sono le proprie abitudini culturali. Nella sua semplicità ogni puntata, di circa 10/15 minuti, è una grande avventura che va affrontata con coraggio e tenacia e un'estrema capacità di problem solving, che tra l’altro è la caratteristica umana che accomuna tutti gli individui di tutte le culture e nazionalità, quindi forse è arrivato anche il tempo di spingere i nostri figli a prendersi delle piccole responsabilità insegnando loro che il mondo, prima o poi, va affrontato da soli. Grazie Netflix!               Link alla foto: https://www.netflix.com/it/title/81506279
Judgment Day, cosa aspettarci al grande evento Marvel
Aprile 27
La Marvel Comics ha comunicato i dettagli sul prossimo evento che si terrà a giugno, AXE: Judgment Day, in cui si scontreranno Avengers, X-Men ed Eterni. L’albo speciale AXE: Eve of Judgment 1 sarà scritto da Kieron Gillen e disegnato da Pasqual Ferry.   Come anticipato dalla Marvel, nella storia gli Eterni si convinceranno che i mutanti siano una diramazione dei loro antichi nemici, i Devianti. Gli Avengers si ritroveranno, quindi, nel mezzo della battaglia per cercare di risolvere la situazione. Una quarta forza ancora ignota, «la più grande forza con cui sono mai entrati in contatto», offrirà il proprio giudizio.   Secondo alcune ipotesi, questa forza potrebbe essere quella dei Celestiali, antiche divinità cosmiche dell’universo Marvel, creatori di Eterni e Devianti. Gli Avengers tra l’altro hanno base proprio nel cadavere di un Celestiale, sepolto in una montagna al Polo Nord.   Probabilmente avremo qualche notizia a breve, la copertina di Eternals 11, vede infatti Capitan America, storico leader degli Avengers, scontarsi con Kingo, uno dei membri degli Eterni, con la scritta «Judgment Day Is Coming», il giorno del giudizio sta arrivando. Il 7 maggio inoltre sarà distribuito Avengers/X-Men 1, uno degli albi gratuiti previsti per il Free Comic Book Day 2022.     Link alle immagini: https://www.tomshw.it/culturapop/mavel-annuncia-judgment-day-il-crossover-tra-avengers-x-men-e-eterni/
Jean-Philippe Toussaint a Napoli tra la "Parthenope" e l'"Institut Français"
Aprile 26
Jean-Philippe Toussaint torna a Napoli. Il grande scrittore belga - si vocifera che sia tra i papabili candidati al Nobel per la letteratura - sarà ospite, infatti, di una tre giorni congiunta tra l'Institut Français e l'Università degli Studi di Napoli Parthenope (Dipartimento di Studi Economici e Giuridici e Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche). Scrittore, cineasta e artista contemporaneo, i suoi romanzi sono caratterizzati da uno stile minimalista, una scrittura basata sul ritmo, le ripetizioni, come una partitura musicale. Una scrittura molto cinematografica composta da quadri e scene.   Con la presenza di Jean-Philippe Toussaint a Napoli si inaugura, inoltre, il ciclo "Rencontres francophones", giornate di studio itineranti alla presenza di autori francesi e francofoni, iniziativa interateneo dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, dell'Università degli Studi di Padova, dell'Università Ca' Foscari Venezia, dell'Università degli Studi di Napoli Parthenope.   I lavori, che riuniranno un parterre davvero di eccezione, inizieranno il 27 aprile alle ore 15:00 presso la sede dell'Università degli Studi di Napoli Parthenope (aula T1 - P.zzo Pacanowski), con una lectio magistralis di Jean-Philippe Toussaint dal titolo Le lexique de la contemporanéité e la proiezione del cortometraggio Garder le Cap (2020) in presenza della regista Madeleine Santandrea. Il 28 aprile ore 18:00, invece, presso l'Institut Français Napoli (Salle Dumas), dialogheranno con l'autore sulla nuova edizione della traduzione italiana de La stanza da bagno (Amos edizioni), il Console Generale di Francia a Napoli, Laurent Burin des Roziers, Margareth Amatulli dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, Christophe Meurée degli Archives et Musée de la Littérature di Bruxelles e Maria Giovanna Petrillo (Università degli Studi di Napoli Parthenope). Finale col botto il 29 aprile alle ore 11:00 (Università degli Studi di Napoli Parthenope aula 2.6 - P.zzo Pacanowski) dove, ad aprire i lavori sarà Valeria Sperti dell' Università degli Studi Federico II, che modererà gli interventi di Jean-Philippe Toussaint (Écrire par images) e dei proff. Meurée (Le geste de l'écrivain); Amatulli (Mes bureaux et l'esthétique de la 'juste distance'); Petrillo (Texte d'un écrivain/texte d'un cinéaste: glissements et questions d'auteur); chiuderà il simposio, Antonio Leo (Griffe numérique d'un artiste contemporain).     La manifestazione si svolge con il patrocinio di Cerilicua (Centro di documentazione e ricerca per le lingue e le culture altre), degli Archivi e Museo della Letteratura di Bruxelles e della Sidef (Società italiana dei francesisti italiani) e prevede la partecipazione oltre che di studenti universitari e dottorandi, di alunni e insegnanti della scuola media superiore, nell'ottica della terza missione del noto ateneo campano.   "Obiettivo di tali manifestazioni scientifiche, fortemente promosse dalla nostra università, è quello di favorire il dialogo costante tra le istituzioni e, tra queste ultime e il mondo della cultura, al fine di fornire allo studente una formazione internazionale e di elevata qualificazione" – spiega Antonio Garofalo, Pro-Rettore alla Didattica e agli Affari Istituzionali della Parthenope.     Dopo il soggiorno a Napoli, l'autore farà tappa a Caserta dove, dopo aver incontrato il Sindaco, Carlo Marino e l'Assessore alla Cultura, Enzo Battarra, con la moglie Madeleine e Christophe Meurée, visiterà la Reggia, il Belvedere, Casertavecchia, con due guide d'eccezione Mario Del Barone, esperto di beni culturali e il giornalista Luigi Ferraiuolo.
Marvel, Titan: la nuova versione di HUlk
Aprile 26
Questo mese nel sesto numero della nuova serie di Hulk scritta da Donny Cates e disegnata da Ryan Ottley, esordisce una nuova versione di Hulk, definita «la più letale nella storia della Marvel».   Secondo le anteprime della casa editrice, questo nuova versione chiamata Titan prenderà il controllo dello Starship Hulk che ha esordito nel primo numero della serie e minaccerà di «distruggere il mito di Hulk fino al suo nucleo» e alimenterà la rabbia di Bruce Banner. Dalle anticipazioni, sembra che Titan sia a tutti gli effetti una nuova evoluzione di Hulk.   Nel primo numero di questa nuova serie c’è una nuova versione del personaggio, che riunisce la forza bruta di Hulk e l’intelligenza di Bruce Banner in una nuova chiave rispetto al passato. Hulk non è più infatti una manifestazione della furia distruttiva di Banner, ma una sorta di avatar creato per tenere il mondo al sicuro dal vero pericolo: la rabbia dello scienziato, scatenatasi in seguito a un evento traumatico avvenuto a El Paso, in Texas.   Con Betty Ross a fargli da coscienza nel suo inconscio, Banner si è costruito allora una sorta di base mentale dall’aspetto futuristico, dalla quale, in una postazione simile a quella delle astronavi dei film di fantascienza, “pilota” il corpo fisico di Hulk per sfogare tale rabbia contro il mondo esterno.   Link alle immagini: https://anime.everyeye.it/notizie/hulk-trasformazione-titan-terrificante-splendore-573297.html
"Schegge di Memoria" alla Fornace di Agropoli
Aprile 26
Da lunedì 25 aprile fino a domenica 8 maggio 2022, all'interno degli affascinanti spazi della Fornace di Agropoli (SA) è possibile visitare l'esposizione di militaria "Schegge di Memoria".   La mostra è dedicata al ricordo di tutti coloro che hanno lottato e sacrificato la vita in nome dei propri ideali e della patria. Nel complesso, la diversificata natura degli pezzi presentati consente di confrontarsi da un originale punto di vista con le guerre combattute tra il 1914 ed il 1945. Difatti, la rassegna di uniformi, elmetti, cimeli e buffetterie è integrata da documenti d'epoca funzionali alla comprensione degli interessanti fenomeni sociologici che si manifestarono durante i periodi bellici che marcarono la prima metà del XX secolo. Il diretto contatto con i materiali militari consegna una dimensione umana ai terribili eventi che essi evocano e svelano le indicibili sofferenze di cui gli svariati oggetti esposti sono oggi muti testimoni.     Sarà forse per l'incanto dell'ambiente che ospita la mostra, eppure durante il percorso sembrano prendere corpo e riecheggiare voci entusiaste per l'esito di combattimenti gloriosi o pare davvero di udire singhiozzi resi strozzati da cocenti sconfitte. Capita pure che guardando le incerte grafie delle lettere dei combattenti si riesca a percepire l'angoscia penosa di cui sono intrise le loro corrispondenze e viene naturale chiedersi cosa il destino riservò a quei soldati dispiegati su tutti i fronti.   Al di là delle personali suggestioni, il carattere impietoso della guerra non emerge soltanto da articoli prettamente guerreschi; esso affiora prepotente anche da oggetti a prima vista innocui e più familiari, come possono essere l'orologio da taschino distinguibile su un tavolino, la rugginosa e rigonfia borraccia metallica oppure i pacchetti di bendaggi che si utilizzavano per tamponare le ferite, reperti minori segnati anch'essi dalla violenza di quei tempi.   Per concludere, le testimonianze materiali esposte alla Fornace contribuiscono senz'altro alla conoscenza diretta delle vicende belliche d'Italia e nell'insieme costituiscono un efficace strumento di divulgazione storica e militare.   A cura di Andrea Ricci e Fabio Astone
Baglioni: il cantore dell’amore
Aprile 24
La rubrica del mese di aprile è dedicata a uno degli artisti più amati dagli italiani: Claudio Baglioni. La figura del cantante romano è così immensa che scrivere su di lui è un’impresa impegnativa per chiunque, ma lo è particolarmente per chi tenta di far comprendere alle giovani generazioni quanto sia stata vera e profonda l’opera di questo cantautore che è riuscito a parlare all’anima di chi lo ascolta. Baglioni, sebbene abbia alle spalle una carriera cinquantennale, si è fatto conoscere dai teeneger certamente non per Amore Bello, ma grazie a tutte ospitate tra Mediaset e Rai e poi come conduttore del Festival di Sanremo per 2 anni consecutivi, nel 2018 e nel 2019. Il successo del cantante romano è dovuto sì alle sue capacità musicali, ma soprattutto ai suoi brani che sembrano raccontare frammenti della nostra vita e forse è anche per questo motivo che in spiaggia, in auto o semplicemente sotto la doccia spesso si ha la voglia di intonare una delle sue hit.   Oggi ci sembra naturale parlare di Baglioni, ma come lui ha raccontato spesso, ha dovuto sudare come un matto per ottenere un primo contratto discografico presso la RCA che, nonostante le scarse vendite del primo album omonimo, credette in questa giovane promessa che iniziò a pendere il volo soltanto qualche anno dopo. Forse erano davvero altri tempi: i discografici erano disposti a investire in progetti a lungo termine e invece adesso se un artista fallisce il provino di un talent è già fuori mercato!     L’anno di svolta fu il 1973, quando fu pubblicato un brano particolare, Questo piccolo grande amore, che improvvisamente scalò la Hitparade vendendo quasi un milione di copie! Ormai anche chi non aveva orecchie per intendere doveva ammettere che c’era qualcosa di speciale in Baglioni. Lui ricorda spesso, nelle sue interviste, che tutte le volte che partecipava a un provino discografico veniva regolarmente scartato, ma fortunatamente non mollò mai la presa, forse perché così dovevano andare le cose o forse perché nel suo io viveva una strana testardaggine.   Tuttavia le critiche, nel corso degli anni, non sono mai mancate, soprattutto a causa di un repertorio, ritenuto da molti, troppo melenso, ma ci verrebbe da rispondere, soprattutto in questi tempi, che cantare l’amore fa bene all’anima e anzi sarebbe auspicabile che la parola amore si tramutasse in un virus contagioso.     foto presa dal sito Wikipedia
23 aprile: Giornata Mondiale del Libro e del Diritto D'Autore
Aprile 23
Il valore della lettura cresce costantemente e un'ottima occasione per ricordarlo è la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, un evento patrocinato dall'UNESCO nel 1996 e che ricorre ogni anno il 23 aprile. Questa ricorrenza è nata al fine di promuovere la lettura e la pubblicazione dei libri e per sottolineare l'importanza della proprietà intellettuale con l'organizzazione in ogni parte del mondo di incontri, convegni e dibattiti. Le origini della scelta di questa data sono da ricercare nella tradizione spagnola: il 23 aprile è per la Spagna la festa di San Giorgio (simile al nostro San Valentino) e prevede che per ogni libro venduto venga regalata una rosa. Per questo motivo, ad aprile, le città spagnole si riempiono di fiori, libri e bancarelle, inoltre, le librerie restano aperte fino a tarda sera. L'UNESCO ha però decretato come data il 23 aprile anche perché è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre pilastri della cultura mondiale: William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Garcilaso de la Vega. Per celebrare questa giornata, la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO ha stilato nel 2017 un elenco di libri ambientati nelle 20 regioni italiane. Una cartina che associa due libri ad ogni regione al fine di legare i romanzi al territorio e stimolare l'interesse dei lettori (in Campania, ad esempio, sono indicati La pelle di Malaparte e L'amica geniale di Elena Ferrante). Durante la Giornata del Libro, molte librerie presentano offerte speciali e sono diverse le attività organizzate in tutta Italia. Anche Napoli partecipa all'iniziativa trasformando per tutta la giornata di sabato 23 aprile il Convento di San Domenico Maggiore in un villaggio del libro. Qui l'Assessorato alla Cultura e al Turismo assieme agli autori, alle case editrici, ai librai storici e agli intellettuali incontreranno lettori e turisti dalle 10:00 alle 22:00. Sono tanti gli eventi in programma tra letture, presentazioni, laboratori, incontri con gli autori, spettacoli teatrali e animazione di strada nei pressi del Convento al fine di avvicinarsi collettivamente alla lettura. I libri e la lettura stimolano la mente, sono preziosi strumenti di apprendimento culturale e rappresentano un mezzo di conoscenza. Immergersi nei libri, oggi, è sempre più necessario per superare le incertezze e le precarietà legate alla paura dei rapidi e costanti cambiamenti nel mondo. La lettura, oltre a rappresentare un piacere e un passatempo per gli appassionati, permette di scoprire i contenuti del passato, di interpretarli e di confrontarli con il nostro presente. Leggere ci rende più empatici, ci permette di scavare nella psicologia dei personaggi e dunque rende più forte la capacità analitica del pensiero delle persone. Leggere libri ci consente di entrare in vite e mondi diversi che ci avvicinano a esperienze e realtà lontane dalla nostra, rendendoci consapevoli di quanto il mondo che ci circonda abbia mille sfaccettature.         Link all'immagine originale: https://www.quartaparetepress.it/public/uploads/2019/04/Libro.jpg
Comicon 2022, One Piece: tutti gli eventi per celebrare il volume n.100
Aprile 20
Durante Comicon 2022, il festival del fumetto di Napoli che si svolgerà dal 22 al 25 aprile, la Star Comics festeggerà con una serie di eventi la pubblicazione del numero 100 di One Piece, il popolare manga di Eiichiro Oda. Sarà allestita la mostra “One Piece Timeline Exhibition”, che consentirà di ripercorrere i momenti salienti di One Piece e di riviverne le saghe memorabili. Allestita all’interno dell’Asian Village di Comicon, l’esposizione conterrà 40 tavole del manga esposte in modo cronologico, con una timeline che guiderà i visitatori alla riscoperta degli oltre mille capitoli che compongono la storia finora. Per l’occasione, la casa editrice Star Comics allestirà un intero stand dedicato a One Piece lungo il Viale delle Fontane. Inoltre, il 20 aprile Star Comics pubblicherà la Celebration Edition di One Piece 100, che sarà al centro degli eventi del Comicon. Si tratta di un box in tiratura limitata, con finiture dorate e uno speciale doblone in rilievo sul coperchio. Oltre al numero 100, al suo interno ci sarà un messaggio di Oda per i lettori e dei gadget come un poster a colori raffigurante 50 personaggi del manga e un bracciale in tessuto. Chi acquisterà il box durante la manifestazione riceverà in aggiunta un doblone speciale in regalo. Infine, chi riceverà in fiera lo speciale zainetto vip troverà nel survival kit un poster di One Piece dedicato all’edizione 2022 di Comicon. Acquistare presso lo stand One Piece darà diritto a registrarsi a un’originale caccia al tesoro in tutte le zone della fiera. Per i veri appassionati della serie del Maestro Eiichiro Oda e per tutti coloro che vogliono mettere alla prova la loro conoscenza, la Star Comics ha creato un percorso fatto di quesiti da risolvere per vincere degli esclusivi gadget. Domenica 24 aprile presso la Sala Meeting Hiroba, si terrà un incontro incentrato sulle tappe che hanno portato alla pubblicazione di One Piece in Italia. Partendo dagli esordi su Express, magazine di fumetto creato a immagine delle leggendarie riviste giapponesi, si giungerà all’incredibile traguardo dei cento volumi dell’epopea. Interverranno nel panel i creator e studiosi Gabriele Bertoloni, Sommobuta, Francesco Toscano, e per Star Comics l’Editor Claudia Calzuola e il Publishing Manager Cristian Posocco. Nei giorni della fiera del fumetto e in quelli seguenti, un autobus verrà brandizzato con i principali protagonisti di One Piece. Sarà dunque possibile giungere alla Mostra D’Oltremare in compagnia di alcuni fra i più amati personaggi della serie. Infine per chiunque pensi di conoscere tutto dei personaggi e delle avventure della ciurma più pazza che ci sia, Comicon organizzerà un Quiz Game. Le domande saranno ispirate ai due One Piece Quiz Book pubblicati da Star Comics, volumi speciali che racchiudono domande su sulla saga di Eiichiro Oda.     Link alle immagini: https://leganerd.com/2022/04/13/comicon-2022-one-piece-100-celebrazioni/
Bao Publishing, le novità in arrivo a maggio
Aprile 20
Bao Publishing ha annunciato recentemente i nuovi fumetti in uscita a partire da maggio 2022.   Le buone maniere di Daniel Cuello <Le buone maniere è il titolo più atteso dell’anno. E non solo perché con i suoi tre precedenti volumi Daniel Cuello ha dato di volta in volta sempre maggiore prova del proprio talento, ma perché è riuscito a creare un universo narrativo unico e perfettamente coerente. Già, perché gli impiegati protagonisti del suo nuovo libro lavorano proprio nell’ufficio del partito del regime totalitario che fa da sfondo alle vicende di Residenza Arcadia e Mercedes. E cosa succede se la routine di un posto del genere, che sembra immutabile al tempo, viene improvvisamente sconvolta dalla scoperta di una falla nel sistema da parte degli stessi impiegati? Una storia sul peso delle scelte del singolo all’interno della collettività, un tassello fondamentale nell’universo narrativo di Daniel Cuello ma anche un graphic novel godibile in maniera indipendente che mischia sapientemente la commedia al dramma, dandoci un’ulteriore prova di maestria di uno degli sguardi più lucidi del panorama fumettistico italiano.>   Ogni maledetto lunedì su due (nuova edizione) di Zerocalcare <Dopo il clamoroso successo ottenuto con Strappare lungo i bordi, la serie animata per Netflix, chi non ancora conosceva le storie a fumetti di Zerocalcare ha iniziato a recuperare tutta la sua produzione per scoprire il percorso di uno degli autori più amati e narrativamente maturi del Fumetto italiano. Ecco perché BAO è orgogliosa di ripresentare Ogni maledetto lunedì su due con una nuova veste editoriale, un volume cartonato (la cui copertina è colorata da Alberto Madrigal) che uniforma la prima raccolta delle storie del blog dell’autore con il resto del catalogo. Un volume importante per scoprire lo stile più umoristico di Zerocalcare e, grazie alla storia di raccordo in cui l’autore riflette sul passaggio di ciascuno di noi dall’adolescenza all’età adulta, anche le sue tematiche più importanti.>   La vergine del bordello di Hubert e Kerascoët <Dal compianto sceneggiatore di Pelle D’uomo, La vergine del bordello è la storia di una ragazza caduta in disgrazia che trova rifugio temporaneo in una casa di tolleranza diventando in poco tempo la prostituta più richiesta di tutte… proprio perché è l’unica a non concedersi mai. Ancora una prova monumentale di Hubert, scrittore che è sempre stato attento a reinterpretare in maniera sorprendente paradigmi narrativi dati per scontati, ribaltando punti di vista e affrontando tematiche importanti attraverso la caratterizzazione psicologica di personaggi che, a partire da Bellezza fino a Pelle D’uomo passando da Gli Orchi-dei, hanno saputo conquistare milioni di lettori. Ai disegni i Kerascoët, una coppia storica del fumetto francese già da tempo ormai amatissima in tutta Italia, che conferiscono alla storia uno spessore e una delicatezza senza pari.>   La solitudine dello spazio di Tillie Walden <Sono bastati due libri, Su un raggio di sole e Mi stai ascoltando?, entrambi nel catalogo BAO, perché la giovanissima Tillie Walden mostrasse al mondo il proprio talento. Capace di creare mondi visivi potentissimi e di renderli rappresentazione metafisica del vissuto dei propri personaggi, prima ancora dei due graphic novel l’autrice americana aveva pubblicato tre racconti brevi che BAO è orgogliosa di poter raccogliere in un unico volume, La solitudine dello spazio, in cui già si preannunciavano le tematiche che, da lì a pochissimo tempo, avrebbero fatto esplodere il suo talento. Un volume importante per chi ha già amato le storie di Tillie Walden e chi invece ancora non sa che sta per conoscere la sua nuova autrice preferita.>   Calipso di Alice Berti <Roma, la città degli amori eterni, la città delle passioni fugaci. Roma, la città della dolce vita e degli intrighi. Lo sa bene Calipso, ragazza che lavora per un’agenzia governativa segreta il cui obiettivo è quello di dare maggiore peso alle denunce sporte dalle donne che hanno subito violenza senza che le loro testimonianze vengano rallentate da una burocrazia ancora troppo farraginosa. Ma i metodi di Calipso sono meno ortodossi di quanto le viene chiesto, Calipso non è vista di buon occhio. E, quando scopre qualcosa sull’organizzazione che non avrebbe mai dovuto scoprire, Calipso decide che è ora di cambiare le regole del gioco. Dopo il successo di Neon Brothers, torna la voce sempre più matura della giovanissima Alice Berti, in una spy-story adrenalinica che, sullo sfondo di una Roma immortale, racconta tematiche attuali sull’amore, sulle relazioni sentimentali e su tutto ciò che si nasconde dietro la patina di ipocrisia di cui è intrisa la nostra società.>     Dien Bien Phu 9 di Daisuke Nishijima <Dopo che Hikaru Minami, il reporter giapponese coinvolto durante la guerra del Vietnam, manda a monte i piani della Principessa durante l’offensiva del Tet, le cose sono completamente cambiate. Le vicende dei due ragazzi, che ormai stanno per giungere alla conclusione, si intrecciano ancora di più con la storia di uno dei capitoli più bui del ventesimo secolo. Un racconto epico, che cammina sul filo sottile della leggerezza senza risparmiare però gli orrori della guerra, e che fa del rigore storico uno dei suoi punti di forza. Nono di dieci volumi.>       Link alle immagini: https://www.mangaforever.net/35648/ultimi-annunci-bao-publishing -  https://mobile.twitter.com/daniel_cuello  -  https://www.amazon.it/Ogni-maledetto-luned%C3%AC-due-Zerocalcare/dp/8865431555  -  https://fumettologica.it/2022/03/fumetti-bao-publishing-maggio-2022/  -  https://fumettologica.it/2022/03/fumetti-bao-publishing-maggio-2022/  - 
Premio Strega 2022: tra i candidati il graphic novel Giorni felici di Zuzu
Aprile 12
Anche nel 2022 il fumetto sarà protagonista al Premio Strega con Zuzu, alias dell’autrice Giulia Spagnulo, in lizza con Giorni felici, pubblicato nel 2021 da Coconino Press.   Il graphi novel di Zuzu è stato presentato fra i candidati del Premio Strega 2022 da Valeria Parrella, nota giornalista sia de La Repubblica che de l’Espresso. Autrice di romanzi, quali Lo spazio bianco, pubblicato nel 2008 da Einaudi, e il più recente Quel tipo di donna. La stessa Parrella è stata due volte finalista al Premio Strega, arrivando fra i cinque finalisti nel 2005 con la raccolta di racconti Per grazia ricevuta  e terza nel 2020 con Almamarina.     In una recente intervista ha dichiarato: «Ho trovato un fumetto bellissimo che vorrei presentare, in quanto Amica della domenica, al Premio Strega 2022. È Giorni felici di Zuzu, edito da Coconino Press. Da tempo ormai credo che la nona arte sappia cogliere i momenti cogenti della nostra società con un afflato nuovo, e Zuzu, giovanissima artista, certo si colloca tra i suoi migliori talenti. […] Sono sicura che in questi tempi incerti, che tanto interrogano la nostra identità, questo libro, questo fumetto, possa essere un segnale potente di presa di coscienza. Come so che il nostro amato Premio è proprio di questi segnali che si nutre.»   Giorni felici è la seconda opera di Zuzu, la prima fu Cheese, pubblicato nel 2019 sempre dalla Coconino Press. Ha per protagonista Claudia, una giovane in bilico tra passato e futuro, tra il teatro e la magia, tra la voglia di annullarsi in una relazione e la paura di non essere all’altezza dei propri desideri.   Zuzu segue così Gipi e la coppia composta da Valerio Gaglione e Fabio Izzo, candidati nel 2020 rispettivamente con Momenti straordinari con applausi finti (Coconino Press) e Uccidendo il secondo cane (Oblomov Edizioni). Tra gli altri candidati finora annunciati per l’edizione 2022 del Premio Strega figurano autori come Vanni Santoni, Gaia Manzini, Mario Desiati, Veronica Raimo, Claudio Piersanti, Pietro Castellitto, Pupi Avati e Viola Ardone.     Link alle immagini: https://www.coconinopress.it/prodotto/giorni-felici/  -  https://www.ilfoglio.it/il-figlio/2021/11/19/news/zuzu-la-grande-giovane-voce-del-desiderio-luccicante-e-drammatico-3381680/
In arrivo nuovi documentari sui Rolling Stones
Aprile 10
Un tempo i Rolling Sones venivano chiamati dinosauri del rock e dopo quarant’anni i cantanti di “Satisfaction” non si sono ancora estinti, insomma di andare in pensione non ne hanno proprio voglia!  Nonostante la scomparsa del mitico batterista Charlie Watts, avvenuta la scorsa estate, le pietre rotolanti hanno annunciato una serie di concerti che li porterà in tour in tutt'Europa. Mick Jagger e soci hanno deciso così di fronteggiare i venti di guerra che speriamo si plachino e il coronavirus, ancora alle porte, col solito atteggiamento da rockettari.   Il tour Sixty, così chiamato perché il gruppo inglese festeggia i sessant'anni di attività, partirà il primo giugno da Madrid e terminerà a Stoccolma il 31 luglio.  Nel comunicato stampa è stata confermata anche la tappa milanese allo stadio San Siro il 21 giugno. Per i fans italiani potrebbe essere l'ultima occasione per vederli dal vivo, perché i Rolling Stones anche se sono ancora pieni di energia ed entusiasmo, certamente non sono degli highlander.   La BBC inglese, per festeggiarli, ha deciso di produrre un documentario su di loro in collaborazione con i Mercury Studios, racchiuso in quattro episodi, intitolato "My Life As A Rolling Stone” in cui ciascun membro della band potrà raccontarsi e forse svelare i tanti retroscena e gli aneddoti che certamente si sono accumulati in sessanta anni di carriera.  La TV britannica ha confermato la presenza di filmati rari e inediti sulla falsa riga dell’Anthology dei Beatles. Inoltre tra le persone intervistate figurano i nomi di Chrissie Hynde, Slash, Rod Stewart, Tina Turner e Steven Tyler.   Parallelamente il canale BBC Radio 2 trasmetterà, quest’anno, sulle sue frequenze un altro special della durata di 2 ore intitolato “Rolling With Stones“ in cui gli appassionati potranno ascoltare, - speriamo - outtakes e mix alternativi dei brani più noti. Ultimo, ma non ultimo Mick Jagger ha annunciato la pubblicazione di un nuovo brano solista, “Strange game” apparso lo scorso primo aprile e che, ormai come di consueto, può essere ascoltato attraverso le piattaforme di Streaming.     La foto di copertina è stata presa da: https://www.facebook.com/photo/?fbid=508617560632899&set=a.242789430549048    
Comicon 2022, in anteprima alcune anticipazioni
Aprile 08
Gli organizzatori del Comicon, il salone internazionale del fumetto di Napoli, hanno annunciato i primi eventi dell’edizione 2022, che si svolgerà dal 22 al 25 aprile al polo fieristico partenopeo, la Mostra d’Oltremare.   Davide Toffolo, il Magister di Comicon 2022, curerà una serie di attività culturali all’interno del programma del festival. La prima è la mostra Davide Toffolo presenta: La vita presente. L’adolescenza nel fumetto italiano contemporaneo. L’esposizione prova a indagare la rappresentazione dell’adolescenza nel fumetto italiano contemporaneo, attraverso una rassegna di opere create da dieci autori: Alessandro Baronciani, Percy Bertolini, Fumettibrutti, Lorenzo Ghetti, Roberta «Joe1»  Muci, Sara Pichelli, Ratigher, Luca Tieri, Miguel Vila, Zerocalcare.   Strappati lungo i bordi – live music show con Zerocalcare, Giancane e Gli Ultimi, che si terrà domenica 24 aprile presso il Main Stage della manifestazione, unirà musica, fumetto e animazione. Giancane, che ha firmato la colonna sonora delle serie tv Strappare lungo i bordi di Zerocalcare per Netflix, e Gli Ultimi, autori di uno dei brani, si esibiranno sul palco. Zerocalcare prenderà parte all’evento di Comicon 2022 tra un’esibizione e l’altra, parlando proprio del ruolo che la musica ha avuto nella creazione delle sue storie, di com’è stato lavorare alla colonna sonora della sua serie tv.   Per la sezione Cinema & Serie TV, domenica 24 aprile, Krista Kosonen, attrice finlandese nota per i ruoli in Beforeigners, Dogs don’t wear pants e Blade Runner 2049, presenterà in anteprima i primi due episodi della serie tv Mister 8, premiata a Canneseries – Cannes International Series Festival come Miglior Serie. Oltre a essere fumettista e Magister di Comicon 2022, Davide Toffolo è anche voce e chitarra della band Tre Allegri Ragazzi Morti. Il gruppo sarà ospite a Comicon lunedì 25 aprile per l’evento di chiusura del festival: un concerto dal vivo dove saranno presentati i brani del nuovo album in uscita nel 2022.       Link alle immagini: https://www.comicon.it/biglietti2022/
"Here’s the Sex Pistols!": La serie sull’omonima band inglese in arrivo su Disney +!
Aprile 03
Maggio sta per arrivare prima di quanto sembri e con esso anche la nuova serie basata sul memoire di Steve Jones, Lonely Boy: Tales from a Sex Pistols, chitarrista del gruppo. Sarà Danny Boyle a portare sul piccolo schermo la storia di una delle punk band più famose di sempre.   Pistols, che non ha incontrato il favore di John Lydon, tanto che aveva tentato di bloccarne l'uscita negando l'uso delle canzoni, andrà ufficialmente in onda il 31 maggio sulla piattaforma Hulu negli USA, che ha ospitato anche il remake con Zoe Kravitz del film High Fidelity, tratto dall'omonimo romanzo di Nick Horby, poi tristemente cancellato dopo una sola stagione. In Europa invece sarà possibile vederlo su Disney +.   Ad interpretare i diversi ruoli ci saranno Anson Boon, nei panni di John Lydon, o meglio Rotten, Louis Partridge in quelli di Sid Vicious, Jacob Slater (Paul Cook), Christian Lees che interpreterà Glen Matlock e infine Toby Wallace sarà Steve Jones.   A completare il tutto ci saranno anche altri due membri fondamentali del gruppo, che hanno dato al punk un contributo sociale significativo, trasformandolo da una "semplice" (termine che ovviamente non rispecchia l'essenza del movimento e che spero molti fruitori me ne perdonino l'uso) controcultura urbana a Moda, con la maiuscola, entrando a far parte del mondo delle sfilate: questi due grandi personaggi, Malcom McLaren e Vivienne Westwood, saranno rispettivamente interpretati da Thomas Brodie-Sangster, che già nel 2003 ci conquistava interpretando un ragazzino che con l'aiuto del patrigno Liam Neeson cerca di conquistare in tutti i modi la ragazza della sua vita in Love Actually, e Talulah Riley.   Danny Boyle che ha colpito dritto il cuore di intere generazioni con Trainspotting vuole quindi portare con furore sullo schermo e nelle case delle persone quel momento in cui la società britannica, secondo le sue stesse parole, è cambiata per sempre.   Noi, intanto, non vediamo l'ora di vedere cosa ne uscirà: come sarà raccontata la storia di Sid e Nancy, cosa ne penserà lo stesso Lydon (da un lato felici che il suo tentativo di boicottarne la produzione sia fallita, dall'altro timorosi di vedere i propri cuori spezzati) e magari anche la regina, ma soprattutto come la serie sarà accolta dai fan della band.         Link dell-immagine: https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Sex_Pistols_i_Norge,_1977_(6263353228).jpg#
Intervista a Claudio Poggi
Aprile 03
Nel 1990 per tutta la durata di un viaggio in camper in Sicilia ebbi la compagnia, assieme a tutta la mia famiglia, di una piccola musicassetta che continuamente mandava in loop i primi due album di Pino Daniele.  Quella musica così particolare, che miscelava sapientemente echi napoletani a quelli d’oltreoceano, mi affascinò così tanto che da allora ho sempre ascoltato con piacere quel tipo di sonorità nera andando a ripescare addirittura i pionieri del blues come Big Bill Broonzy e Muddy Waters. Con la fantasia mi rivedo in quel camper e mi accorgo di aver sempre lo stesso entusiasmo per un genere che se all’epoca mi piaceva solo musicalmente, oggi riesco anche ad apprezzarne le sfumature cariche di rabbia, figlie di delusioni e di voglia di libertà. E poiché le vie del Signore sono finite ho avuto l’occasione di intervistare il talent scout del bluesman napoletano, Pino Daniele, nonché produttore dell’album “Terra mia”, che con cordialità si è messo a disposizione di un’umile penna di un piccolo giornale online.  Con piacere gli cediamo la parola:    •Buongiorno Dottor Poggi, è noto che lei ha fatto da trampolino di lancio a Pino Daniele, Pinotto, e lo ha affiancato durante le prime scelte artistiche. Per il pubblico di My Generation può parlarci del primo incontro tra lei e il bluesman napoletano?   All’epoca c’erano giornali di musica che avevano una larga diffusione. Si scriveva tantissimo. Io ero un inviato del settimanale musicale Nuovo Sound e quindi andavo alla ricerca di nuove realtà musicali e quasi per caso mi trovai alla “Grotta” di Enzo Cervo (mitica sala prove alla Sanità N.d.R), il cantante del gruppo della Batracomiomachia in cui militava alla batteria Rosario Jermano, al basso Rino Zurzolo, al violino e chitarra classica Gianni Battelli, alle tastiere Paolo Raffone e alla chitarra Pino Daniele e qualche volta, a loro, si univa anche Enzo Avitabile con il suo sax. Restai abbastanza folgorato da questi musicisti perché presentavano un sound diverso dal solito con echi anglosassoni e comunque poco napoletani. Nel corso di una prova Pinotto mi disse «sai ho composto dei brani in napoletano, li vuoi ascoltare?» Ci demmo appuntamento a Via Roma, nei presi di Piazza Carità, dove abitavo, e tra un caffè e una sigaretta, mi consegnò la famosa cassetta da cui sarebbe nata tutta la sua storia musicale.      •Leggo dalla sua biografia online che lei ha scritto un libro per la Minimum Fax, Terra mia, scritto con Daniele Sanzone. Logicamente il libro parla di Pino Daniele. Può dirci se è stato difficile, dal punto di vista sentimentale, descrivere ricordi che l’hanno riportato certamente a momenti felici?   Il libro l’ho scritto con il mio “fratellino” (che purtroppo nella vita reale non ho mai avuto) Daniele Sanzone perché oltre ad essere un giornalista, uno scrittore, è soprattutto un musicista, autore, innamorato folle di Pino Daniele. Tra me e Daniele c’è una notevole differenza di età, ha ascoltato i miei racconti con passione invitandomi ad essere sempre più preciso.  È stato per me come uno psicologo, infatti, avevo tante remore nel tirare fuori certi argomenti, ma lui insisteva fortemente affinché spiegassi meglio cosa Pino Daniele avesse detto e fatto. Per cui ci sono stati momenti caldi in cui addirittura abbiamo sfiorato il litigio. Io avevo quasi voglia di dire “sono fatti miei”, invece lui giustamente è stato capace di tirarmi fuori un mucchio di aneddoti da cui è nata una testimonianza molto vera e sincera.  Non c’è nulla di falso in questo libro. Ho voluto raccontare le cose belle, ma anche quelle brutte che mi hanno dato dolore, così alla fine mi sono liberato e anzi ho messo a nudo degli episodi che magari non ricordavo bene, ma attraverso le chiacchierate con Daniele sono venuti fuori, dando un ottimo risultato al nostro lavoro, così come molti lettori hanno riconosciuto.   •A quale canzone di Pino Daniele è più legato?   Sono molto legato a un brano del primo album, Libertà, perché ha una doppia veste di interesse. Innanzitutto è una ballata dal sapore West Coast con una splendida chitarra elettrica finale in “prima” e in “terza” che si apre grazie ad una struggente melodia, dando un senso di liberazione. Dal punto di vista del testo Libertà è un po’ quello che noi ragazzi dell’epoca cercavamo in tutte le nostre manifestazioni, con i versi “Chiove 'ncoppa a ‘sti palazze scure/‘Ncoppa ‘e mure fracete d’a casa mia” ci dà la dimensione non tanto della sua casa del centro storico, quanto quella del suo sentirsi compresso in una città che gli andava troppo stretta. Noi giovani volevamo andare fuori Napoli, scoprire l’Europa, posti che noi vedevamo e sentivamo solo attraverso la musica, ma difficilmente raggiungibili per gli alti costi. I viaggi all’epoca, specialmente in aereo, erano molto cari. Quindi Libertà rappresenta la voglia di sottrarsi a costrizioni sia culturali che fisiche.    •Si dice che Pino Daniele fosse testardo e difficilmente tornava su suoi passi. Lei che chiave ha usato per andargli incontro?   Nessuna chiave. Eravamo due cari amici, amanti del blues, con gli stessi interessi, ma soprattutto ci accomunava l’entusiasmo di andare avanti e cercare di superare quel muro che ovviamente i ragazzi di quell’età hanno. Avevo la stessa età di Pino, ero un manager acquisito, certamente non come lo sono adesso perché non avevo conoscenze e non avevo esperienza, ma volevo condividere il suo percorso artistico. La testardaggine di Pino in qualche modo la definisco positiva, perché grazie al suo modo di essere è andato contro un certo tipo di mentalità e anche a difficoltà discografiche che inizialmente si sono poste davanti. Non dimentichiamo che il primo album (“Terra mia”) era tutto in napoletano e, nonostante contenesse novità sia nel linguaggio che nella musica, non era fruibile ad un pubblico di massa poco abituato a quel tipo di canzoni, tuttavia alla lunga ha avuto ragione. Per altri aspetti lui era uno abbastanza caparbio, nel senso che aveva le sue idee e difficilmente riusciva a cambiarle, testimonianza di ciò fu un nostro litigio a proposito di una pubblicità sul settimanale Sorrisi e Canzoni che lui non avrebbe mai accettato: raffigurava la copertina del disco che immerso in una tazzina di caffè con la didascalia “così dolce così amaro”. Per Pino era un messaggio falso e fuorviante, poco adatto al contenuto del suo disco ma per il target di pubblico del giornale era un buon veicolo di comunicazione.   •Parlando di talenti, c’è un artista con cui le piacerebbe lavorare?   Ce ne sono tanti, alcuni molto interessanti nell’area napoletana che stanno iniziando a farsi notare come Flo, Tommaso Primo o la Maschera. Tuttavia a me piacciono le sfide, per cui preferisco lavorare con quei giovani alle prime armi che hanno delle capacità e che cercano, in un panorama italiano molto difficile per gli emergenti, di uscire allo scoperto per farsi notare dal grosso pubblico. Il loro entusiasmo e la voglia di farcela mi riporta agli esordi con Pino e oggi, con oltre 40 anni di esperienza, spero di poter fare qualcosa di più per loro. In passato ho avuto la fortuna di lavorare con un grandissimo artista come Richie Havens, l’eroe di Woodstock, ma niente mi può ripagare di più di pubblicare il primo lavoro di un nuovo artista in cui credo.   •Dal suo punto di vista professionale che ne pensa del fatto che, da una generazione a un’altra, Napoli sia passata dalla fase in cui emergevano cantanti amati da tutti come Pino Daniele, Enzo Avitabile, James Senese, Edoardo Bennato, Tony Esposito a quelli neomelodici che molti amano, ma molti odiano?    Io penso che la musica si qualcosa che ti deve arrivare dentro, ti deve coinvolgere l’anima. Credo che oggi non ci sia, come accadeva nei ‘70, una netta distinzione tra i generi musicali. La musica rappresenta la colonna sonora della vita ed è facile trovare un amante del genere neomelodico che ami anche Pino Daniele. Ma non mi scandalizzo perché anch’io oggi ho una visione più eterogenea rispetto a una volta. Amo tutta la musica. Passo dall’ascolto di quella classica al jazz al rock, ai classici napoletani, ma quella neomelodica proprio no! Del resto la musica è frutto dei tempi che viviamo e le nuove forme musicali come il rap, la trap etc. rappresentano gli usi e costumi dei giovani.   •Nella nostra rubrica mensile di My generation, parliamo di personaggio fondamentale nella storia della musica, abbiamo inserito anche il nome Phil Spector, e poiché lei è stato produttore discografico alla EMI, sarei curioso di sapere da lei chi è o è stato il Phil Spector italiano.   È difficilissimo rispondere perché un personaggio come Phil Spector è vissuto in un’epoca e con artisti che hanno cambiato completamente l’alfabeto musicale mondiale. Oggi, tra l’altro, è cambiato il ruolo e il significato del produttore discografico, che era considerato più un regista dell’artista e non un contabile o un investitore economico. Entravano nel vivo di scelte musicali e artistiche, oggi invece questa parte è demandata soprattutto al produttore artistico. Ci sono stati in passato grande produttori come Alessandro Colombini che ha lavorato con artisti come Edoardo Bennato, Antonello Venditti e Roberto Dané con Dalla, Rettore, e altri personaggi che hanno determinato il successo di grandi artisti. Oggi non saprei identificare qualcuno in Italia che possa ricoprire questo ruolo.     Ringraziamo Claudio Poggi per la sua cortesia, per la sua disponibilità, per le sue risposte esaustive e per averci permesso di prelevare, dal suo profilo Instagram, la foto della mitica cassetta su cui Pino Daniele registrò i primi demo.      Come foto iniziale si è deciso di scattare una foto alla copertina del 33 giri di Terra Mia in nostro possesso.
"A Beautiful Mind": verso la creazione di una Community per la salute mentale
Aprile 01
Riflettere sul disagio psichico causato dal bullismo e fare il punto sulla tutela legale prevista dal nostro ordinamento per combattere uno dei maggiori problemi che affliggono i più giovani: è questo l'obiettivo del convegno che si terrà il prossimo 4 aprile, alle 19.30, al Royal Continental di Napoli. Organizzata dal Rotary Club Napoli Castel dell'Ovo, la tavola rotonda sarà non solo occasione di confronto ma, soprattutto, un momento conviviale nel quale si darà vita a una community di persone, una vera e propria rete di servizio: psichiatri, assistenti sociali, psicologi, docenti, giuristi e gente comune metteranno a disposizione le proprie competenze e il proprio tempo al fine di abbattere lo stigma sociale e offrire nuova speranza alle vittime. L'evento si inquadra nell'ambito del progetto del Rotary Club Napoli Castel dell'Ovo "A Beautiful Mind", in fase di attuazione, con la partnership dell'Associazione Itaca Napoli Onlus che ha, fra i suoi obiettivi, anche quello di creare un tavolo interdisciplinare permanente proprio sul disagio psichico.   Nel corso della serata sarà, tra l'altro, dato spazio a una testimonianza diretta di cyberbullismo perpetrato attraverso un profilo fake di Instagram, si parlerà delle modalità operative con le quali la Polizia Postale cerca di fronteggiare il fenomeno e sarà presentata l'app "NoBullismo!" realizzata dall'Inner Wheel Italia: un'applicazione gratuita, scaricabile su tutti i cellulari, che fornisce una serie di collegamenti rapidi ai numeri di emergenza, al link del sito dedicato del Miur (Ministero Università e Ricerca) e alle principali associazioni che in Italia si occupano di tutela minorile. L'evento vanterà gli indirizzi di saluto del sindaco Gaetano Manfredi, del presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati, Antonio Tafuri e di Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Campania. Modererà il presidente del Rotary Club Napoli Castel dell'Ovo, avv. Fulvio De Angelis. Tanti i relatori coinvolti: Patrizia Esposito, già presidente del Tribunale dei Minori, Cristina Gallo, avv. e consigliere dell'Ass. Telefono Azzurro, Paola De Ciuceis, docente e giornalista, Vincenzo Barretta, psichiatra e presidente di "Noesis – associazione per la lotta al disagio psicologico e alla malattia mentale", l'avv. Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli e la past president Inner Wheel Annamaria Falconio, Maria Rosaria Romano, dirigente del Compartimento Polizia Postale della Campania.
Trend sposi 2022: il settore riparte con femminilità e nuove geometrie
Marzo 30
Agostino Amore e Genny Ronchi di “Forma & Colore”:«Facciamo brillare i tiktoker più famosi con il nostro stile»   Giocare con le forme, le lunghezze e le simmetrie: il trend sposi 2022 pretende la novità, d’effetto ma sempre con garbo. Colori sfumati, caldi e mediterranei, trecce e raccolti per i capelli, che danno vita ad un susseguirsi di suggestioni preziose rendendo ancora più indimenticabile il giorno del “sì”. Anche l’acconciatura maschile segna il passo e seduce con un taglio strutturato che fa apparire i capelli compatti.     È l’anno del ritorno: non solo in senso metaforico, attraverso continui richiami al romanticismo del passato; anche da un punto di vista reale, dopo due anni di rallentamento forzato che ha impedito alle coppie di suggellare al meglio il proprio amore.   «È proprio pensando a loro, agli sposi e al loro desiderio di bellezza mortificato per tanto tempo a causa della pandemia che abbiamo deciso di organizzare uno shooting fotografico tutto incentrato sul matrimonio – spiegano gli hair stylist Agostino Amore e Genny Ronchi dell’atelier “Forma & Colore» che, per primi, hanno avuto l’idea di un evento a tema. Una sessione di trucco e parrucco, nell’incantevole cornice dell’hotel La Tripergola di Pozzuoli, durante la quale protagonisti sono stati i principali tiktoker campani: Veronica Acquaviva, Carmen e Rosaria Borriello, coadiuvati dalla partecipazione dell’attore Andrea Merisi. Lanciatissime sul web tra giovani e meno giovani, le star che vantano migliaia di follower hanno sfilato con gli abiti della maison Albero, raccontando la specificità di un settore, quello del wedding, che negli anni e soprattutto in Campania (dove la cerimonia è particolarmente sentita) ha saputo accogliere e fare propri i sogni degli innamorati, raccontando, però, anche un po’ se stessi attraverso rimandi e suggestioni.     «Ci siamo rivolti nuovamente a loro, dopo il successo ottenuto con le precendenti collezioni: i social sono diventati determinanti per lanciare ogni tipo di messaggio, poiché riescono a raggiungere un pubblico ad ampio raggio e diversificato ed è questo il nostro obiettivo”- aggiungono gli stylist, che in qualità di look maker hanno scelto personalmente anche i capi per il servizio fotografico -. “Inoltre oggi, quando si parla di matrimonio, l’attenzione è sempre focalizzata sulla donna, invece riteniamo che anche gli uomini debbano concentrarsi sulla cura della persona».   Per maggiori info: https://www.facebook.com/FormaeColoreNapoli  

"Captain America: Civil War"

Giovedì, 12 Maggio 2016 00:00 Pubblicato in Nessuna delle precedenti

FLASHMOB: ISTRUZIONI PER L’USO - Seconda Parte

Domenica, 04 Novembre 2012 13:49 Pubblicato in Napoli

FLASHMOB: ISTRUZIONI PER L’USO - Prima Parte

Mercoledì, 17 Ottobre 2012 08:35 Pubblicato in Napoli

Nerd Zone

Progetti & Territorio

Agorà

Palcoscenico

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.