Novità su Spotify: l'app musicale più scaricata del 2020

Spotify è il servizio di musica digitale più utilizzato e più in voga degli ultimi mesi. Ci permette...

PIU’ ACQUA SULLA SUPERFICIE DELLA LUNA: LO COMUNICA CON CERTEZZA LA NASA

“Solo nell’oscurità puoi vedere le stelle” così diceva Martin Luter King, e a quanto pare proprio da...

Barbari: buon inizio per la serie Netflix su Teutoburgo

Teutoburgo.No, tranquilli. Non è l'ora di interrogare, non siamo a scuola. Ve la rinfreschiamo noi l...

Proteste a Napoli nella notte: la reazione al nuovo lockdown di De Luca

La pandemia ha cambiato il nostro stile di vita: c’è chi ha imparato a fare la pizza o il pane, chi ...

Future State: il nuovo evento annunciato dalla Dc Comics

Il 2021 si preannuncia esplosivo, a partire da gennaio la DC Comics pubblicherà Future Sta...

"Among Us": il nuovo trionfo di internet per gli amanti della deduzione

Vi piace Lupus in Tabula o giochi simili ma vorreste giocarci anche a distanza? Bene, allora amerete...

Ultimi Articoli

Previous Next
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Novità su Spotify: l'app musicale più scaricata del 2020
Ottobre 28
Spotify è il servizio di musica digitale più utilizzato e più in voga degli ultimi mesi. Ci permette di riprodurre milioni di canzoni di ogni genere, potendo scegliere se ascoltarle gratuitamente in riproduzione casuale o a pagamento saltando da una canzone all'altra.   Se anche voi siete tra i trecento milioni di utenti che usano Spotify ogni giorno, allora vi interesseranno le novità apportate di recente all'applicazione.Vi è mai capitato di avere una canzone nella testa per giorni ma non conoscerne il titolo? In tal caso,ultimamente, è stata aggiunta l'opzione che permette di trovare nella barra di ricerca una canzone su Spotify, scrivendo anche solo una sua frase o una porzione di brano. Altra feature ridimensionata è il nuovo design per le playlist collaborative, molto usate durante il lockdown da COVID-19.   Due funzionalità introdotte per quanto riguarda i podcast sono "Explore Episode" e "Show". Tramite la prima si possono salvare i propri brani preferiti, ascoltarli e leggere le informazioni relative a una determinata canzone dall'apposita sezione in ogni momento. La seconda nuova esperienza di ascolto chiamata 'Show', combina invece musica e contenuti di conversazione; questa funzione trasforma i podcast in una sorta di programma radiofonico, potendo così inserire le tracce che desideriamo tra i commenti, senza dover lasciare la pagina del podcast o cercarle manualmente. Per quanto riguarda l'ultimissima modifica applicata pochi giorni fa, data la prevedibile rimozione di Google Play Music, Spotify ora permette agli utenti di accedere con il proprio account Google. L'app ha così aggiunto un modo più facile e rapido per permettere ai possessori di un account Google di potersi registrare al suo servizio. Ottima idea per poter fare a meno di ricordare un'altra password!   In realtà però, gli utenti non possono passare da un account Spotify tradizionale alla nuova soluzione d'accesso. Inoltre, al momento, tale funzione è disponibile solo per i dispositivi Android, ma non su iOS o Windows 10, anche se l'intenzione è quella di renderla disponibile a tutti gli utenti. Spotify è sicuramente un'app pratica, utile e comoda ma purtroppo ha qualche difetto. Molti ricorrono alla semplice modalità gratis e, anche se chiaramente non dà gli stessi vantaggi della versione a pagamento, presenta di sicuro una quantità eccessiva di pubblicità che si ripresentano più frequentemente di ogni mezz'ora, come invece indica la stessa applicazione. Nel caso in cui si scelga la versione a pagamento, questa prevede delle tariffe un po' troppo alte. Anche per questo sono necessarie e appropriate una serie di modifiche all'app, così da rendere migliore la qualità del servizio streaming e più equilibrato il rapporto tra il prezzo e ciò che l'applicazione offre.         Link all'immagine originale: https://images.unsplash.com/photo-1589962680501-37c89b034040?ixlib=rb-1.2.1&ixid=eyJhcHBfaWQiOjEyMDd9&auto=format&fit=crop&w=1883&q=80
PIU’ ACQUA SULLA SUPERFICIE DELLA LUNA: LO COMUNICA CON CERTEZZA LA NASA
Ottobre 27
“Solo nell’oscurità puoi vedere le stelle” così diceva Martin Luter King, e a quanto pare proprio dallo studio delle regioni oscure del nostro satellite condannate al buio eterno, è emersa la possibilità che sia presente più acqua sulla luna di quanto si fosse ipotizzato. Il 26 ottobre alle ore 17:00 la NASA ha annunciato la presenza di molecole d’acqua sulla superficie lunare illuminata dal sole. Gli scienziati hanno chiarito che oltre 40.000 chilometri quadrati di superficie lunare intrappolano l’acqua sotto forma di ghiaccio, in piccole cavità ombreggiate dette trappole fredde. Questi angoli oscuri, inoltre, dovrebbero essere molto più numerosi di quanto ci mostravano i dati precedenti. Anche se l’acqua intercettata è sotto forma molecolare e dunque da ricavare dal suolo, gli studiosi sottolineano che, se l’ipotesi è veritiera, l'acqua sarà più accessibile per bere, come carburante per missili e per tutto ciò di cui la Nasa ha bisogno. Questa in ogni caso risulta essere un’ottima notizia anche in previsione della missione Artemis, che ha l’obiettivo di trasferire l’uomo sulla luna in colonie autonome. In realtà non si è ancora stabilito se sarà possibile utilizzare quest’acqua come risorsa, ma sarà obiettivo degli scienziati riuscire a comprendere se e come sarebbe possibile farlo. Un gruppo di astronomi dell’università delle Hawaii a Mānoa e dell’università del Colorado a Boulder, hanno reso possibile questa fondamentale scoperta, grazie all’analisi dei dati di SOFIA, un osservatorio aereo con un telescopio infrarosso di 2,5 metri montato su un Boeing747. Anche se già in passato si erano svolte ricerche che ipotizzavano la possibile presenza di più acqua sul satellite, solo adesso, grazie all’impeccabile accuratezza di questa sonda, ne abbiamo avuta la certezza. Nello specifico, SOFIA ha individuato le molecole di H20 nel Cratere “Clavius”, il terzo cratere più grande presente sulla superficie della luna, che si trova nell’emisfero Sud del satellite. L’osservatorio aereo stima inoltre la presenza di 340 grammi d’acqua ogni metro cubo di suolo lunare, intrappolata in tantissimi ma minuscoli serbatoi. L’affascinante scoperta richiede comunque verifiche certe che, secondo i ricercatori, richiedono un viaggio al cratere Shackleton vicino al polo sud della Luna. Questo enorme cratere raggiunge diversi chilometri di profondità e, a causa della posizione della Luna rispetto al Sole, gran parte della parte interna del cratere è perennemente oscurata. Questo fa sì che le temperature siano molto basse, tanto da accreditare la futura e ipotetica presenza di ghiaccio, che persisterebbe per milioni se non miliardi di anni. L’origine dell’acqua presente sulla Luna resta un mistero ancora analizzabile ma i dati forniti dal telescopio SOFIA rappresentano un ottimo punto di partenza per le ricerche e una visuale speranzosa per ulteriori scoperte future.     Link immagine: https://images.unsplash.com/photo-1554138421-4ac123c58b55?ixlib=rb-1.2.1&ixid=eyJhcHBfaWQiOjEyMDd9&auto=format&fit=crop&w=1189&q=80
Barbari: buon inizio per la serie Netflix su Teutoburgo
Ottobre 25
Teutoburgo.No, tranquilli. Non è l'ora di interrogare, non siamo a scuola. Ve la rinfreschiamo noi la memoria: Teutoburgo, o meglio la foresta di Teutoburgo, in Germania, è il luogo in cui l'impero romano, nel 9 d.C., subì una cocente sconfitta ad opera dei barbari.Perché ne parliamo? Beh perché si tratta dell'ambientazione di una nuova serie Netflix, Barbari, una produzione tedesca molto attesa dagli abbonati al colosso dello streaming.La trama quindi la conosciamo: i romani avanzano pressoché inarrestabili nell'attuale Germania poiché le tribù locali sono divise e deboli, impreparate dinanzi alla potenza militare romana. Eppure sono dotate di grande orgoglio, perciò gli esiti dello scontro non sono così prevedibili. Due tenaci e audaci giovani barbari, Thusnelda (Jeanne Goursaud) e Folkwin (David Schutter) riusciranno a riunire le tribù e a realizzare un'impresa davvero impensabile, grazie anche ad un'arma segreta imprevedibile, ma vincente.La serie si mostra molto piacevole: la vicenda è romanzata quel tanto che permette di avere dei notevoli colpi di scena e di restare incollati allo schermo per le sei puntate di cui è composta. La ricostruzione storica dei costumi e delle ambientazioni è magistrale; l'interpretazione del cast è pressoché impeccabile.Manca tuttavia l'aura di epicità che ci aspettiamo debba accompagnare produzioni storiche di questo tipo e a cui serie come Vikings – spesso evocata nella fase di promozione di Barbari, con il tacito assenso di Netflix – ci hanno abituato. Le tribù germaniche, infatti, ci appaiono come infantilmente divise, con capi appiattiti nell'intento di sostenere o avversare i romani per propri interessi economici. I due protagonisti barbari mostrano un coraggio e un'intraprendenza che inizialmente affascinano, ma non sono poi supportati dal altri elementi che ne farebbero dei personaggi a tutto tondo, dimostrando una lacuna a livello di sceneggiatura. L'unica eccezione è forse Arminio/Ari (Laurence Rupp), [SPOILER ALERT] il barbaro cresciuto in seno all'impero romano, che mostra la conflittualità di questa vita, il tormento emotivo nel dover scegliere da che parte stare e la sofferenza che le conseguenze di tale scelta comportano.Vogliamo credere che tali pecche siano riconducibili al ridotto numero di episodi e alla complessità delle tematiche trattate, ma anche che in una seconda stagione (ci sarà vero? Il finale questo fa credere e la vogliamo!) alzeremo l'asticella e ci godremo una serie davvero meravigliosa.Ad maiora!Link alle foto: https://www.controcampus.it/2020/10/barbari-anticipazioni-trama-cast-e-trailer-della-nuova-serie-di-netflix/ https://www.netflix.com/it/title/81024039 https://www.quotidiano.net/magazine/barbari-netflix-1.5639911/amp
Proteste a Napoli nella notte: la reazione al nuovo lockdown di De Luca
Ottobre 24
La pandemia ha cambiato il nostro stile di vita: c’è chi ha imparato a fare la pizza o il pane, chi ha recuperato quella serie lasciata in sospeso, chi ha finito quel libro che ormai aveva preso la cittadinanza sul comodino; ma c’è anche chi ha sofferto l’ansia e il panico, chi si è ammalato di covid o di altro, chi è morto. Azzardo un parallelo, forse forzato: quando i soldati di ritorno da una delle due guerre mondiali sentivano rumori forti, ricordavano i rumori delle bombe e soffrivano, pativano il panico. Oggi è il sentire la parola ‘lockdown’ a far scattare il panico. Ieri, 23 ottobre 2020, come ogni venerdì, il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ha tenuto la consueta diretta sui social, nel primo pomeriggio. Già da tempo lamentava l’aumento dei casi nella regione, la necessità di misure restrittive per cercare di fermare il contagio, il bisogno estremo di prudenza da parte di tutta la popolazione. Ieri, venerdì 23 ottobre 2020, ha dichiarato di aver in programma un nuovo lockdown. Questo è quello che ha detto. Non ha parlato di misure economiche che sostenessero coloro che, per il lockdown, sono impossibilitati a lavorare e, di conseguenza, a trovare fonti di sostentamento. Non ha parlato di tempistiche: l’ordinanza ancora bisogna iniziarla a scrivere. Ha detto la temibile parola: lockdown. Come ha reagito la popolazione campana? Panico. Il panico di chi, nello scorso lockdown, quello nazionale, ha sofferto e patito emotivamente, fisicamente ed economicamente. Il panico di coloro che, nello scorso lockdown, sono riusciti a barcamenarsi ma, in un nuovo lockdown, non sanno se possono farcela. Ed ecco che una folla scende in piazza, protesta, si ribella, intasa le vie del centro storico fino al lungomare, luogo simbolo della città. Chiedono garanzie, chiedono rassicurazioni, vogliono certezza, vogliono poter lavorare, poter sostenere le proprie famiglie. Sono tantissimi, vogliono far sentire la propria voce alle autorità, sentite sempre come lontane, chiuse nei loro uffici e ignare di come vive la gente comune. Sono tanti, ma non altrettante sono le mascherine. Alcuni non le hanno. E la distanza di un metro? Non c’è. Ad un certo punto, però, scatta la violenza: auto della polizia urtate e colpite, fumogeni, un cassonetto dato alle fiamme, un inviato di Sky Tg24 spintonato. E stamattina la città si è svegliata con una valanga di post e commenti sui social: c’è chi sostiene la manifestazione di ieri sera, chi ne critica la svolta violenta, chi sostiene che forse si poteva far sentire la propria voce in altri modi, modi pacifici (ad esempio quello di tenere i negozi aperti tutte la notte),chi sostiene che in realtà i contagi si diffondono per la situazione inumana in cui si è costretti a viaggiare sui mezzi pubblici. Stamattina, però, la città si è svegliata anche sotto una fitta nebbia, che sembra quasi voler sedare gli animi o forse porre un velo su ciò che è successo. Link alla foto: https://www.ilmessaggero.it/italia/coprifuoco_napoli_de_luca_proteste_corteo-5542287.html
Future State: il nuovo evento annunciato dalla Dc Comics
Ottobre 22
Il 2021 si preannuncia esplosivo, a partire da gennaio la DC Comics pubblicherà Future State, ambientato nel futuro e incentrato sulla prossima generazione di eroi, che comprende alcuni personaggi già conosciuti, come Jon Kent, figlio di Superman e Lois Lane e altri creati ad hoc per l’occasione, tra i quali un nuovo Batman. DC Future State inizierà dal finale di Dark Nights: Death Metal (che sarà in vendita negli Stati Uniti il 5 gennaio).   È una sorta di rinnovo del Multiverso della casa editrice e sarà composto da miniserie mensili e antologici bimestrali dall’alta foliazione, oltre a contare alcuni albi autoconclusivi. Tra gli autori che faranno parte del team ci sono Mariko Tamaki, Brian Michael Bendis, Gene Luen Yang e Joëlle Jones, oltre ai disegnatori italiani Emanuela Lupacchino, Carmine di Giandomenico e Simone Di Meo.   «L’Universo DC è sempre stato terreno fertile per versioni nuove e rinfrescanti dei nostri personaggi, e DC Future State proseguirà di certo questo retaggio» ha affermato Marie Javins, editor esecutivo di DC Comics. L’evento, in ogni caso, non sarà del tutto slegato dalla continuity attuale: «Quando l’evento avrà inizio, a gennaio, i lettori più esperti non solo raccoglieranno le briciole di pane che abbiamo seminato nelle nostre testate attuali, ma troveranno anche nuovi indizi su ciò che arriverà nel 2021.»   Ecco il link per sapere tutte le uscite:   https://www.dccomics.com/blog/2020/10/15/dc-future-state-a-glimpse-into-the-future-of-the-dc-universe#:~:text=DC%20Future%20State%20features%20an,new%20arcs%20for%20the%20year             Link alle immagini: https://www.meganerd.it/dc-future-state-tutto-sul-nuovo-maxi-evento-dc-comics/  -  https://www.comixisland.it/2020-10-dc-comics-annuncia-dc-future-state/ 
"Among Us": il nuovo trionfo di internet per gli amanti della deduzione
Ottobre 19
Vi piace Lupus in Tabula o giochi simili ma vorreste giocarci anche a distanza? Bene, allora amerete Among Us. Il videogioco in realtà è uscito due anni fa, ma solo da un paio di mesi è diventato un vero tormentone, conquistando una platea davvero ampia e variegata. Among Us è un gioco online dai 4 ai 10 giocatori; i membri sono degli astronauti che devono portare a termine una serie di missioni (minigiochi) per la manutenzione di una navicella spaziale, mentre uno o due personaggi sono degli impostori. Il vero scopo di questi ultimi è uccidere gli altri partecipanti e viceversa ma, mentre i primi possono eliminare direttamente gli altri giocatori, i restanti membri devono votare chi ritengono sospetto per escluderlo. Durante una riunione dell'equipaggio, per un tempo limitato è possibile discutere in una chat scritta, spiegando il proprio alibi e quali sono le motivazioni che spingono a pensare che uno dei personaggi sia l'impostore. Tuttavia, quando un crewmate viene ucciso dall'impostore, non può fare nulla ma solo aspettare il termine della partita. Inizialmente, gli ideatori del gioco avevano intenzione di creare Among Us 2, ma l'ipotesi è stata bocciata e sostituita dall'introduzione di modifiche all'attuale versione già esistente. Proprio per questo, ultimamente, il team di sviluppo sta cercando di cambiare delle funzioni. Già questo mese si è pensato di dare la possibilità di nascondere il proprio nome durante le riunioni, così da aumentare il fattore inganno e rendere il gioco più avvincente. Un'ulteriore modifica riguarda la task bar che mostra le mansioni da svolgere; quest'ultima potrà essere sempre attiva o si potrà scegliere di rimuoverla. Un cambiamento ideale ma non ancora reale sarebbe quello di introdurre anche gli Angeli Custodi. In questo modo i giocatori, invece di annoiarsi post mortem attendendo la fine del match senza poter fare nulla, potrebbero tentare di intervenire per proteggere gli altri dal traditore. Among Us è divertente con gli sconosciuti ma sarà senz'altro esilarante con gli amici: è un vero e proprio gioco di società ma in versione virtuale, che non richiede troppo impegno ed è adatto agli amanti della strategia, dell'inganno e della deduzione. Il videogioco sta riscuotendo tanto successo perché rappresenta un semplice ma travolgente modo per passare qualche minuto in compagnia digitale, anche quando non è possibile incontrare gli amici di persona. Soprattutto ora, durante questa seconda ondata di Covid-19, è preferibile evitare di ritrovarsi in grandi gruppi e presto potremmo anche essere vicini ad un nuovo isolamento. Data la situazione, dunque, questo videogioco potrebbe essere un piccolo modo per sentirsi più vicini a persone irraggiungibili e una possibilità per passare un po' di tempo stando virtualmente "among us".         Link all'immagine originale: https://cdn-2.tstatic.net/tribunnews/foto/bank/images/game-among-us-yang-menjadi-viral.jpg
Qualcosa di nuovo: il ritorno di Max Pezzali
Ottobre 18
Dopo 5 anni di pausa dall'ultima fatica discografica "Astronave Max", l'ex frontman degli 883, Max Pezzali, darà alle stampe, il 30 ottobre, il nuovissimo e atteso disco "Qualcosa di nuovo" per la Warner Music Italy, gia disponibile in pre-order.Un ritorno anticipato da due bellissimi singoli, "In questa città" e "Sembro matto", ai quali il 16 ottobre, se n'è aggiunto un altro, "Qualcosa di nuovo", che ha lo stesso titolo dell'album ed è ascoltabile sulle varie piattaforme di streaming e in molte stazioni radio che lo stanno promuovendo. Per la sua sonorità stiamo di fronte ad una ballad romantica piena di speranza e positività verso il futuro.E infatti è proprio Max Pezzali a dirci che: "Finché riusciamo a intravedere qualcosa di nuovo oltre la prossima curva, nelle relazioni sentimentali come nella vita, possiamo dire di essere vivi, anche in un tempo difficile come quello che stiamo attraversando". Questa estate era programmato il suo ritorno alle esibizioni dal vivo, allo stadio San Siro, ma tutto è stato poi rinviato all'anno prossimo per una causa che tutti conosciamo: la Covid-19.Così il cantante ha approfittato del tempo morto per dare ritocchi ad un album ricco di collaborazioni, quali quelle con J-Ax, Tormento, Gionny Scandal e South Beach.Sul suo profilo Instagram è stata svelata sia la copertina che la tracklist del nuovo lavoro discografico:   1. Qualcosa di nuovo2. Non smettere mai3. 7080902000 (feat. J-Ax)4. I ragazzi si divertono5. Più o meno a metà6. In questa città7. Se non fosse per te8. Sembro matto (feat. Tormento)9. Noi c'eravamo10. Siamo quel che siamo (feat. Gionny Scandal)11. Il senso del tempo12. Welcome to Miami (South Beach)   Parallelamente alla registrazione dell'album, Max ha dato vita anche ad una superband con Lo Stato Sociale per sostenere economicamente i lavoratori dell'industria musicale italiana, che proprio una settimana fa sono scesi in piazza, a Milano, per protestare contro le restrizioni previste nel Dcpm del Governo.     L'immagine di copertina è stata presa dalla pagina pubblica del cantante Max Pezzali
Coraggio: Carl Brave torna a mettersi in gioco con il suo nuovo album
Ottobre 13
I generi musicali sono in continua evoluzione e vanno al passo con il vivere moderno.Di recente sono emersi molti cantanti che, miscelando tipi di musica disparati come il pop, il rock o il folk, hanno dato vita a generi completamente nuovi come l'indie e il trap. Alcuni artisti emergenti meritano una certa attenzione, come per esempio il cantante romano Carl Brave, cantautore molto amato dai giovani per il suo particolare modo di fare musica e che il 23 settembre ha finalmente svelato il titolo del suo nuovo e attesissimo album "Coraggio", uscito il 9 ottobre. Il romano ci aveva già preannunciato su Instagram che sulla cover del nuovo album sarebbe stato raffigurato, agghindato con le collane da trapper, il nonno da ragazzo, poiché gli aveva sempre trasmesso il "coraggio" necessario per andare avanti.   Nell'album sono presenti 17 tracce di insolita lunghezza (oltre un'ora) e ben 7 di queste sono il frutto di collaborazioni con vari artisti, Elodie, Ketama126, Mara Sattei, Guè Pequeno, Tha Supreme, Taxi B e Pretty Solero e tutte presentano una varietà di temi: dal tipico amore instabile, ai problemi di droga, all'amore per Roma, fino ad arrivare ai social che impediscono di vivere appieno le relazioni. Brave, insomma, ci descrive il caos in cui siamo immersi, mixando vari generi musicali tra il trap, l'indie e il rap, che si possono adattare a ogni tipologia di ascoltatore. Evidenzia ancora una volta la sua capacità di fotografare anche i dettagli della realtà, senza far sì che questi risultino superficiali. Con quest disco si riesce a riassaporare la leggerezza alla quale si appellava Carl già due anni fa, che adesso è riuscito ad alternare ritmi più lenti e rilassanti ad altri più intensi e forti con uno stile indie che presenta maggiore maturità ed esperienza musicale.   La carriera dell'artista è iniziata nel 2015 con alcuni singoli e nel 2017 ha proseguito con la collaborazione di vari artisti. Quella più famosa è stata con il rapper Franco126, con cui incide l'album "Polaroid". Nel 2018, Carl ha poi pubblicato il suo primo CD da solista "Notti Brave" e nello stesso anno è uscito l'EP "Notti Brave (After)". Da allora il cantautore ha conquistato ben 12 Dischi di Platino e superato i 2.7 milioni di ascoltatori mensili su Spotify e su YouTube.In questo momento storico c'è proprio bisogno di un'artista che ci aiuti a riflettere, a tenerci compagnia e a darci qualche minuto di spiensieratezza. E Carl Brave con le sue canzoni ci riesce benissimo.Speriamo di cantare presto insieme dal vivo le sue nuove canzoni e intanto le sentiremo in sicurezza grazie alle nostre cuffie.     La foto di copertina è stata presa dalla pagina Facebook di Carl Brave
È morto Izumi Matsumoto, l'autore di Orange Road (È quasi magia Jhonny)
Ottobre 13
La settimana scorsa è venuto a mancare il fumettista giapponese Izumi Matsumoto, divenuto famoso in tutto il mondo grazie alla serie manga Orange Road,che in Italia è conosciuto grazie al cartone animato È quasi magia Johnny.   Izumi Matsumoto aveva iniziato la carriera di fumettista nei primi anni Ottanta, realizzando fumetti brevi. Il successo arrivò nel 1984 con Orange Road, serializzato fino al 1987 nella rivista Shonen Jump della Shueisha. Il manga fu pubblicato in Italia tra il 1992 e il 1994 da Star Comics e più di recente edito dalla J-Pop. L’anime ispirato a Orange Road fu realizzato nel 1987 arrivò in Italia due anni dopo, col titolo È quasi magia Johnny. Ottenne grandi consensi da parte del pubblico ed è tristemente famoso per aver subito molte censure in fase di adattamento.   Orange Road racconta le vicissitudini quotidiane di un adolescente, Kyosuke, dotato di poteri paranormali, che conosce la bella Madoka Ayukawa e tra i due nasce un’attrazione. Presto Kyosuke fa la conoscenza anche di Hikaru Hiyama, amica del cuore di Madoka, che si innamora di lui. Kyōsuke si fidanzerà con Hikaru, restando però attratto da Madoka. La storia sarà poi vivacizzata da equivoci e fraintendimenti generati dall’ambiguo rapporto tra i tre e amplificati dalle incertezze del protagonista, che però riuscirà sempre a uscire dalle situazioni più imbarazzanti grazie all’uso dei suoi poteri.     Link alle immagini: https://www.meganerd.it/orange-road-tutte-le-differenze-tra-fumetto-e-serie-tv/  -  https://it.wikipedia.org/wiki/Episodi_di_Orange_Road  -  https://www.amazon.it/Kimagure-Orange-Road-Complete-Edizione/dp/B07MT1VRSS
Road to Lucca Changes 2020: tutte le mostre in programma
Ottobre 11
Nonostante tutte le restrizioni di quest’anno, a Lucca Comics & Games 2020 si terranno diverse mostre. Una sarà dedicata al grande Gianni Rodari, saranno esposte circa 100 illustrazioni inedite tratte dal volume “Cento Gianni Rodari. Cento storie e filastrocche”.   La mostra sarà ospitata a Villa Bottini, che per l’occasione diventa “Casa Rodari”, molti saranno gli ospiti: Pino Boero, fra i maggiori studiosi rodariani, Vanessa Roghi, storica, Gaia Stock, direttrice di Einaudi Ragazzi, gli attori Ascanio Celestini, che porterà in scena La Freccia Azzurra, e Giulio Scarpati. Per i più piccoli lo spettacolo L’Albero Azzurro: Dodò e l’avventura spaziale a cura di RAI Ragazzi.   La seconda mostra si terrà sabato 24 ottobre, a Palazzo Ducale di Lucca. Dream On di Lucca Comics & Games 2020, dedicata a tutti i creatori dei poster dell’edizione. Il manifesto di quest’anno curato da Roberto Recchioni e pensato per essere disegnato da tutti. L’organizzazione del festival, poi, lo ha fatto interpretare da 11 autori. che rappresentano ufficialmente l’edizione 2020 della manifestazione.   L’esposizione presenterà dunque opere dei seguenti autori: Roberto Recchioni, Gigi Cavenago, FumettiBrutti, Fraffrog, Sio, Rachele Aragno, Vincenzo Filosa, Teresa Radice e Stefano Turconi, Agnese Innocente, Samuel Spano, Rita Petruccioli e Leo Ortolani.   La mostra è realizzata in collaborazione con la Fondazione Banca del Monte di Lucca che quest’anno sostiene anche il Premio Changes, destinando al miglior fumettista esordiente, un riconoscimento in denaro dell’ammontare di 3.500 euro.   Link alle immagini: https://techprincess.it/lucca-changes-comics-games/  -  https://www.comingsoon.it/cinema/news/lucca-changes-le-novita-di-lucca-comics-e-games-2020/n110868/
Sull’onda dei Beach Boys
Ottobre 11
Se, in campo musicale, si pensa ai magnifici anni ‘60, la mente corre alla British Invasion, ovvero a tutte quelle band e a quei cantanti britannici che hanno dominato le classifiche dentro e fuori la madrepatria. Ma in verità bisognerebbe pensare anche agli artisti d'oltreoceano che non hanno mai avuto nulla da invidiare a quelli inglesi e certamente senza gli americani non avremmo, probabilmente, mai sentito parlare di Rock, Blues e Jazz. Nella storia della musica ci sono state spesso rivalità tra vari artisti che si sono combattuti a suon di brani, così proprio nel periodo in questione i musicisti delle due sponde dell’atlantico, spronandosi a vicenda, facevano rimbalzare la loro musica di paese in paese. E se il gruppo di punta della Gran Bretagna era quello dei Beatles, negli Usa c’era una band californiana famosa sopratutto per le canzonette da spiaggia, ma che ben presto sarebbe diventata il punto di riferimento per tutte le band vocali che in seguito sarebbero apparse sulla scena musicale: i Beach Boys . Al loro esordio si poteva credere di ascoltare un un gruppo come un altro – all’epoca ce n’erano tanti – che intonava semplici canzonette dedicate al surf e alle ragazze in costume, cosa in parte vera, ma dietro l'innocenza giovanile di quei ragazzi si nascondeva la consapevolezza di voler dimostrare qualcosa di nuovo. Infatti la band, capitanata dai fratelli Wilson, pian piano cominciò a proporre  qualcosa di originale senza però perdere l’imprinting che contraddistingueva i gruppi vocali dell’epoca. Il loro stile armonico non contrappos e semplicemente la voce alta a quella bassa, ma le loro voci si amalgamarono perfettamente tra di loro proprio come un babbà che ha avuto un’ottima lievitazione. Allo stesso modo gli arrangiamenti musicali, da semplice supporto dei brani, diventarono sempre più complessi anticipando quello che sarebbe stato il rock sinfonico.  Il loro famoso album Pet Sounds p iacque così tanto ai Fab Four  che si misero di tutto punto e accettarono la disputa artistica, non dichiarata apertamente, con i Beach Boys dando vita  al super famoso Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band. La gara la vinsero i Beatles.  E come se la vinsero. Appena Brian Wilson ascoltò in macchina "Strawberry Fields Forever" cadde in un’immediata depressione tanto che decise di gettare la spugna e “dedicarsi” all’alcol e alla droga restando per un po’ fuori dall’universo musicale. Ma questa è un’altra storia…       La foto è stata presa dalla Pagine ufficiale dei Beach Boys
Shockdom, Zarax2: il debutto dell'autrice italiana Talita
Ottobre 09
Non molti mesi fa la casa editrice Shockdom ha pubblicato un fumetto made in Italy, ZaraX2,opera di esordio di Talita Riberi, giovanissima autrice che ha studiato alla Accademia Europea di Manga. È il primo volume di quella che vuole essere una serie di più volumi per il marchio Kasaobake, acquisito dalla Shockdom nel 2019. La storia ha per ambientazione uno scenario apocalittico, che attinge molto dalla realtà del momento storico che stiamo vivendo.   ZaraX2 inscena non solo un’epidemia di enormi proporzioni, ma vede l’Italia come epicentro e racconta di una nazione interamente isolata dal resto del mondo a causa di un lockdown serrato. Il virus, diverso dal covid-19, si diffonde attraverso un morso o ingerendo sangue infetto. È molto interessante vedere come Talita ha messo in risalto nella storia le conseguenze sociali di questa pandemia, come le reazioni dei paesi stranieri alla diffusione del virus in Italia e le dinamiche del potere e della sopravvivenza in una nazione che è completamente isolata dal resto del mondo.    Anche se si tratta della sua prima opera, Talita ha puntato su un fumetto shonen dal concept molto articolato, che può essere un’arma a doppio taglio se non gestita al meglio per non cadere in qualche cliché.     Link alle immagini: https://it-it.facebook.com/ShockdomSrl/photos/a.145780738846496/2734246589999885/?type=3&theater  -  https://fumetti.badtaste.it/2020/03/zarax2-shockdom-presenta-litalia-in-quarantena-ma-con-gli-zombi-di-talita-riberi/282830/
Le CLAMP compiono 30 anni: Sakura e Hikaru insieme per la grande occasione
Ottobre 08
Molte appassionate di manga sanno che CLAMP è un gruppo di autrici di manga, character designer e sceneggiatrici giapponesi composto da Nanase Ōkawa, Mokona, Tsubaki Nekoi e Satsuki Igarashi.   Dalla seconda metà degli anni novanta, il team ha ottenuto sempre più consensi e un grande successo, diventando uno dei nomi più conosciuti a livello internazionale e vendendo nel mondo oltre 100 milioni di manga. Le loro serie manga più conosciute sono Magic Knight Rayearth, Card Captor Sakura e le più recenti xxxHOLiC e TsubasaReservoir Chronicle oltre che i character design per Code Geass: Lelouch of theRebellion e Blood-C.    Per festeggiare i loro 30 anni hanno deciso di organizzare un grande evento. È stata indetta una lotteria in Giappone che verrà presentata a fine febbraio 2021. Al costo di 980 yen (circa 8 euro), i premi che si alterneranno nel corso della lotteria saranno palette di colori di diverse tonalità, una polvere traslucida e rossetti, che saranno a tema Card Captor Sakura, CLAMP o Rayearth. Spesso dopo queste lotterie è possibile trovare gli oggetti in vendita su siti come Ebay, quindi tutti quelli che per ovvi motivi non sono in Giappone avranno la possibilità di trovare qualche articolo disponibile. In Giappone le lotterie dedicate ai beniamini di manga e anime sono piuttosto frequenti, le stesse Sakura e Hikaru non sono nuove a questo genere di eventi, ma questa è la prima volta che si ritrovano insieme.     Link alle immagini: https://www.curemoon.com/sakura-e-rayearth-insieme-per-i-30-anni-delle-clamp/  -  https://it.wikipedia.org/wiki/CLAMP
Bao Publishing: alcune anticipazioni sulle prossime uscite di dicembre
Ottobre 07
Il mese di dicembre sarà un periodo molto proficuo per la casa editrice milanese Bao Publishing. Nei giorni scorsi ha annunciato i titoli che saranno pubblicati in Italia. Eccone alcuni.   Su un raggio di sole Graphic novel di Tillie Walden. “Un equipaggio spaziale viaggia nel cosmo alla ricerca di strutture abbandonate. Mia, nuovo membro dell’equipaggio, che è salita a bordo spinta dalla ricerca del suo amore perduto. Una storia emozionante piena di sentimenti.”   Middlewest 2 di Skottie Young e Jorge Corona. “Narra la storia di Abel, un giovane costretto a scappare ogni volta che suo padre si arrabbia e distrugge tutto. Ma ben presto scopre di avere gli stessi poteri del padre, grazie all’aiuto dei suoi nuovi amici della compagnia circense che viaggia per tutto il Middlewest.”   The Wicked + The Devine 7 di Kieron Gillen e Jamie McKelvie, settimo volume di una serie che ha riscosso sempre consensi. “Quando sei al culmine dei tuoi poteri, c’è solo un modo in cui andrà a finire. La domanda: quante persone sei disposto a trascinare a fondo con te? Gli dei sono alla resa dei conti e il loro tempo sta per finire..”   L’età dell’oro 2 di Roxanne Moreil e Cyril Pedrosa. “Una storia che tratta i temi di giustizia sociale, impegno civile, senso della democrazia e dell’amicizia, mentre racconta un’epica lotta per conuistare il trono del regno”.       Link alle immagini: https://in.pinterest.com/pin/494903446553496743/?nic_v2=1a5JmDHYL  -  https://www.mangaforever.net/655229/bao-publishing-le-uscite-di-settembre-2020  -  https://www.amazon.it/Middlewest-2-Skottie-Young/dp/1534313648  -  https://www.mangaforever.net/676128/uscite-bao-publishing-dicembre-2020 
Campfire Lucca Comics: pubblicato l'elenco e come acquistare i biglietti
Ottobre 07
Gli organizzatori di Lucca Comics hanno affidato all’illustratore Andrea Piparo l’incarico di realizzare una mappa in stile fantasy in cui sono indicati tutti i Campfire che saranno presenti su tutto il territorio nazionale.   Il numero complessivo è 115, tra fumetterie, librerie e negozi di giochi coinvolti nei giorni del festival dal 1al 4 novembre. Ospiteranno un palinsesto di eventi creato in collaborazione con la direzione di Lucca Comics. Tra tutte le iniziative approvate, la Funko distribuirà due Funko Pop in una speciale edizione limitata: Iron Man e Zombie Wolverine Glow in the Dark .   Inoltre si potranno acquistare i Campfire Pass, che permetteranno di ritirare gadget e pubblicazioni esclusive.   Ci sono due tipi di “Campfire Pass”: - standard (al costo di 3 euro), che dà diritto all’accesso di attività esclusive e a numero chiuso che si terranno nel negozio indicato in fase di acquisto. - special (al costo di 8 euro), che, oltre all’accesso al negozio, include anche la Bag of Lucca, una scatola contenente diversi gadget: dai 2 mazzi del gioco di carte KeyForge a uno speciale quaderno dei giochi con 3 giochi creati appositamente dai game designer Pierluca Zizzi e Marta Tuveri, Stefano Castelli e Alan D’Amico e il team di Acchiappasogni; il fascicolo delle nuove uscite di BD Edizioni; il numero 0 del fumetto “7 Crimini” di Tunué; uno speciale assortimento delle miniature di “Krosmaster” di Ghenos Games; e altri gadget offerti da Lucart e EK shop.     Link alle immagini: https://www.tomshw.it/culturapop/lucca-changes-campfire/  -  https://leganerd.com/2020/10/02/lucca-changes-mappa/ 
Petra: promossa la mini-serie Sky con Paola Cortellesi
Ottobre 06
Delicato, Petra Delicato. C’è un nuovo ispettore in città. Stiamo parlando di Petra, miniserie tv in quattro puntate trasmessa con cadenza settimanale dal 14 settembre 2020 al 5 ottobre (se ve li siete persi potete recuperarli sicuramente su Sky Go). La serie trae spunto dal personaggio creato dall’autrice spagnola Alicia Gimenez-Bartlett,  ma l’ambientazione tutta nostrana, in una movimentata Genova. Qui l’ex avvocato e ora ispettore Petra Delicato, interpretata con maestria da Paola Cortellesi, deve svolgere quattro indagini su quattro casi sempre più complessi, ma tutti ugualmente affascinanti. Gli episodi si caratterizzano più come mini-film pressoché autoconclusivi e presentano le giuste dosi degli elementi classici del poliziesco: omicidi, rapimenti, (un po’ di) violenza, suspense, intermezzi più lievi, un ritmo in accelerazione. Le trame, infatti, risultano sostanzialmente originali, ben calibrate e suscitano un certo interesse nel pubblico. Forse qualche colpo di scena in più non avrebbe guastato. La figura dell’ispettore è solo apparentemente stereotipata: Petra è sì cinica, algida e distaccata, ma sa essere anche imprevedibile, sottilmente ironica e buona più a livello di fatti che di parole. Insomma, si rivela un personaggio ben costruito a tutto tondo, o quasi. La sua spalla, il vice-ispettore Antonio Monte (Andrea Pennacchi), risulta forse un po’ bidimensionale nella sua adorabile goffaggine, ma ciò non sembra imputabile all’interpretazione, ma più ad una carenza di attenzioni a livello di sceneggiatura. In conclusione, i quattro episodi di Petra permettono di trascorrere una piacevole serata e forse si presterebbero bene anche ad una maratona. Vogliamo altri episodi? Sì, dai. Link alla foto: https://corrieredellumbria.corr.it/news/spettacoli/24534857/petra-paola-cortellesi-pubblico-gia-diviso.html
ComicOut presenta: Lo spogliatoio. Il bullismo nella scuoladi Timothé Le Boucher
Ottobre 05
Negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso di bullismo e di mobbing, due parole che usiamo per descrivere lo stesso atteggiamento distruttivo nei confronti di una persona, che può essere sia un ragazzino che un adulto.   Edito in Italia nel 2020 grazie alla ComicOut, Lo spogliatoio. Il bullismo nella scuola di Timothé Le Boucher  è un’opera che tratta il tema del bullismo, raccontando come sia sottile il confine tra vittima e carnefice. Il senso di inadeguatezza è la chiave del rapporto di violenza. Lo sperimenta sulla sua pelle Corentin, un adolescente in sovrappeso e introverso, che diventa ben presto oggetto di scherno da parte dei bulli della sua scuola. Lo spogliatoio in questo racconto è il porto sicuro di Coentin, un’oasi felice.   Nel 2014 Timothé Le Boucher non era ancora molto conosciuto, ma aveva dimostrato di essere un autore maturo, proponendo storie di vita quotidiana che sfociavano nel dramma. Un chiaro tratto distintivo della sua penna. A 6 anni dalla sua prima pubblicazione e dopo il successo di opere come I giorni che scompaiono (pubblicato in Italia da Bao Publishing) e Le Patient (inedito da noi), è importante he un’opera come Lo spogliatoio sia stato tradotto e pubblicato in Italia, dove il problema del bullismo dilaga e sta attecchendo in molti strati sociali, non solo quelli meno abbienti, ma anche in ceti medio-alti.       Link:https://www.fumettologica.it/2020/09/spogliatoio-timothe-le-boucher/  -  https://www.facebook.com/101474944960654/photos/a.101489321625883/131079575333524
Attaccapanni Press: la nuova campagna crowdfunding
Ottobre 04
L’etichetta Attaccapanni Press ha avviato una nuova campagna di crowdfunding sulla piattaforma Indiegogo fino al 21 ottobre. Quest’anno hanno deicos di fare le cose in grande, non finanzierà un solo libro, ma bensì tre.   Il libro più “sostanzioso” dei tre proposti è Grimorio III, albo conclusivo della trilogia soprannaturale che narra di streghe, fantasmi e mostri. La copertina è stata disegnata da Simone D’Armini, contiene illustrazioni e storie create da autori affermati che esordienti: Alessandra Marsili, Andrea De Dominicis, Ariel Vittori, Dimitri Fogolin, Eleonora Bruni, Erneste, Fabio Mancini, Helena Masellis, Laura Guglielmo e Sara Silvera Darnich, Loris De Marco, Margherita Castello, Marta Bertello, Martina Batelli, Martina Fari, Martina Mastroieni, Mirko Failoni e Veronica Ciancarini.   All’interno del crowdfunding è presentato inoltre il terzo numero conclusivo de la serie Clessidra. Un periodico annuale sul tempo, si concentra stavolta sulle misure microscopiche e macroscopiche, con storie di 12 pagine ciascuna: un minuto (di Lorenzo Ghetti), un giorno (di Arianna Climaci), un anno (di Sara Marino) e un secolo (di Laura Guglielmo).   Ultimo volume è quello di Day Off, composto da 68 pagine a colori con una copertina dell’illustratrice Veronica Ruffato. La’lbo contenente storie incentrate sul tema del giorno libero dei supereroi, firmate da Martina Naldi, Ste Tirasso, Williams Obrou Zouzouo, Veronica “Veci” Carratello, Susanna Rumiz e Laura Guglielmo, Gabriele Peddes e Ariel Vittori.     Link alle immagini: https://gliaudaci.blogspot.com/2018/05/attaccapanni-press-gli-autori-di.html  -  https://www.facebook.com/attaccapanni.press/  -  https://www.fumettologica.it/2020/10/crowdfunding-attaccapanni-press/  -  https://www.fumettologica.it/2020/10/crowdfunding-attaccapanni-press/
Il Giorno Sbagliato
Ottobre 01
  SPOILER ALERT - attenzione  questo articolo contiene informazioni circa la trama del film .     Le riprese erano state completate prima della pandemia Covid 19 , nell'estate dello scorso anno, ma finalmente dopo un anno è approdato nelle sale italiane “Il giorno sbagliato” (Unhinged), film numero 6 per il regista per Derrick Borte,  tratto da un remake di Carl Ellsworth de "L’ultima casa a sinistra". interpretato da un immenso Russell Crowe che nella parte del cattivo fa veramente paura.    Ed ecco che in pochi minuti, una noiosa routine quotidiana come semplicemete portare i figli a scuola si trasforma in un incubo per una mamma, stressata da un divorzio e da un lavoro precario che sbadatamente strombazza al semaforo alla persona piu' sbagliata di tutta New Orleans, un omicida psicopatico reduce dalla sua ultima performance, nella peggior giornata della sua vita.       Lo sfortunato incontro tra i due si trasforma in una caccia adrenalinica sin dal principio, che travolge anche vittime innocenti la cui colpa è solo quella di essere presenti nella rubrica telefonica di Rachel, la mamma sempre in ritardo,che non riesce forse troppo spesso a comprendere le situazioni, così quando rifiuta di fare le scuse all'omone barbuto che la segue e la perseguita per tutta la città sul suo  minaccioso suv, da il via ad un escalation di violenza e sangue. Le azioni di Tom cooper sono nella sua mente contorta una sorta di lezione morale e di come si dovrebbe vivere nella società civile, anche se i metodi per ricevere delle scuse non sono proprio quelli canonici. Per "insegnare" qualcosa alla mammina, l'ex gladiatore sparge fuoco e sangue dalle tavole calde a colazione fin dentro il salotto della povera Rachel che deve suo malgrado vivere in diretta telefonica l' evolversi  drammatico della situazione. Inizialmente viene quasi automatico il parallelo con "Un giorno di ordinaria follia" anche se procedendo nella storia ci si rende conto di quanto sia piu' brutale e ansioso rispetto alla pellicola di Michael Douglas, poichè la violenza inaudita del personaggio è fin troppo verosimile.   . La pellicola prosegue sempre in chiave adrenalinica, però purtroppo alla fine ci si rende conto di come sia stata chiusa troppo sbrigativamente. Lo scontro finale tra i due antagonisti, è paragonabile a " Davide e Golia" tanto da lasciare interdetto il pubblico che a dieci minuti dalla fine arriva a chiedersi come sia possibile che. un villain caratterizzato cosi profondamente, che riesce a incutere per 90 minuti tanto timore, possa essere battuto cosi grossolanamente e in maniera superficiale. Forse allo scontro finale doveva essere dato un pò più di spazio. immancabile la frase ironica di chiusura al filmtipica delle piuù classiche americanate.   Una cosa è certa dopo la visione di questo film la gente ci penserà due volte prima di attaccarsi al clacson  per "svegliare" l'automobilista distratto quando il semaforo diventa verde e userà molto di più il sistema bluetooth dell'auto piuttosto che dimenticare il cellulare.Tenendo sempre e mente il simpatico messaggio che viene gentilmente ricordato ricorda dal banner nel trailer.        
TRA GREENLAND E I PIANETI: AD OTTOBRE LO SPAZIO SAPRA’ “DARE SPETTACOLO”
Ottobre 01
      Ritorna Gerald Butler che, dopo la trilogia di “Attacco al potere”, si cimenterà nell’interpretazione di John Garrity, il protagonista del nuovo film “Greenland” che in Italia uscirà nei cinema dal prossimo 8 ottobre. L’attore si troverà di nuovo contro il suo più grande nemico, ossia la fine del mondo. Il Thriller è stato girato in soli due mesi e l’uscita, prima a causa della pandemia e dopo per evitare il sovrapporsi con il tanto atteso “Tenet” di Christopher Nolan, è slittata fino ad ottobre. La pellicola, inoltre, sarebbe dovuta uscire nei cinema statunitensi il 25 settembre ma, a causa del peggioramento delle condizioni del paese, l’apertura dei cinema è stata rinviata e con essa anche la proiezione del film che arriverà negli USA in una data da destinarsi entro la fine dell’anno. Nell’adrenalinico film l’umanità è minacciata dalla caduta di una cometa distruttiva e così John Garrity, sua moglie Allison e loro figlio Nathan, decidono di fuggire in un bunker in Groenlandia per salvarsi. Qui Butler impersona un uomo comune che si trasforma in un eroe per proteggere la propria famiglia, il protagonista sa mantenere la calma anche mentre fuori è l’apocalisse. In un anno come questo, in cui la natura ci ha sicuramente mostrato di cosa è capace quando viene maltrattata e perde la pazienza, forse un film come Greenland potrebbe non essere il massimo.   Nonostante ciò, sembra che invece i produttori non credano nella scaramanzia e che anzi con questo disaster-movie vogliano affrontare una paura molto comune: quella delle minacce nascoste nel buio dello spazio più ignoto, dove i meteoriti possono avvicinarsi al pianeta Terra. Il film d’azione mette in scena eventi improbabili ma non del tutto, dove l’unica cosa davvero prevedibile e modificabile è l’atteggiamento degli esseri umani. Magari, tramite questa proiezione, si intende sottolineare anche il comportamento sbagliato dell’uomo che spesso vuole sfidare la natura superando i limiti. E allora Greenland sarà solo uno dei tanti film che parlano di catastrofi con meteoriti, oppure saprà ricollegarsi bene alla realtà che viviamo e ci sorprenderà con effetti speciali inaspettati? In realtà gli appuntamenti nello spazio nel mese di ottobre potranno essere anche reali e non solo cinematografici. Le splendide stelle e la congiunzione tra i pianeti ci hanno fatto puntare gli occhi al cielo e torneranno a farlo anche il mese prossimo. Si potrà iniziare infatti, già dalla notte del 3 ottobre durante la quale si vedrà ad occhio nudo la congiunzione della Luna e di Marte. Nella stessa notte Venere incontrerà Regolo, una luminosissima stella grazie alla quale otterremo una visione mozzafiato. Gli amanti di questi “show” potranno inoltre vedere una pioggia di stelle cadenti nella notte dell’8 ottobre e la magia si ripeterà anche il 21 ottobre. E ancora il 22 del mese, ci sarà la congiunzione di ben 3 corpi celesti cioè la Luna, Giove e Saturno: il momento migliore per osservarle sarà il crepuscolo. Infine avremo la visione di Urano che il 31 ottobre apparirà ad occhio nudo come un piccolo cerchio verde. Tutte visioni da non perdere!
Licia Troisi presenta il suo primo fumetto, Strix
Settembre 30
Negli ultimi anni, alcune delle case editrici nostrane stanno dirottando le proprie attenzioni sulle proposte molto interessanti di fumetti creati da autori italiani. Una di esse è Licia Troisi, autrice della saga Il mondo emerso, che oggi sta lavorando su Strix.   Si tratta di un innesto, un progetto multimediale fatto di una serie televisiva live action e di un manga, entrambi di produzione italiana. L’editore del fumetto sarà la casa perugina, Edizioni Star Comics, per la prima volta alla produzione di una serie tutta italiana. Creato insieme ad Alessandro Regaldo, il fumetto, dal titolo Strix, ci racconterà di una storia fantasy. Ambientata a Roma, la protagonista è la diciottenne Gea, amante della pittura e con un background molto forte e duro. La sua vita è scandita da i test di orientamento universitario e le sedute di psicoterapia. La sua via di fuga dalla quotidianità sta nel trasportare sulla tela tutto il suo immaginario e sarà la chiave per scoprire lati di sé ancora sconosciuti. Il destino la porterà a vivere un’avventura che la condurrà fino ad Atlantide, una città leggendaria che si credeva persa per sempre e che, invece, si scopre semplicemente nascosta.   La serie live action di Strix è ancora in fase di creazione da parte di Paco Cinematografica, in associazione con la Grey Ladder Productions. Il fumetto, invece, sarà pubblicata come una miniserie nel 2021.      Link alle immagini: https://anime.icrewplay.com/strix-nuovo-progetto-multimediale-di-licia-troisi/  -  https://www.mangaforever.net/674761/edizioni-star-comics-annuncia-strix-di-licia-troisi
Star Days, giorno 2: i nuovi manga annunciati dalla Star Comics
Settembre 29
Continua la rassegna di tutti i manga nuovi annunciati dalla casa editrice perugina.   Hitorikime Boyfriend Manga di Memeco Arii, Volume unico, sarà disponibile a dicembre in fumetteria, libreria, store online. Si tratta di un manga yaoi, l'opera narra la storia d'amore tra un insegnante e un suo allievo nonché quella del fratello minore dell'insegnante con un suo amico d'infanzia.   Dr. Stone Reboot: Byakuya Manga di Riichiro Inagakai, Boichi, Volume unico. sarà disponibile a marzo 2021 in fumetteria, libreria, store online. È la prima serie spin-off pubblicata in contemporanea con la storia principale nella storia della casa editrice Weekly Shonen Jump. Un albo molto interessante per i suoi disegni incredibili, ma anche perché aggiunge elementi in più al filone centrale.   Solo Leveling Manga di Chugong, DUBU (Redice Studio), 4 volumi, serie ancora in corso. Sarà disponibile da aprile 2021 in fumetteria, libreria, store online. La Edizioni Star Comics “debutta” con una serie webtoons, portando finalmente su carta una delle serie più lette ed apprezzate dagli internauti.   The Poetry of Ran Manga di Yusuke Osawa. Cofanetto di 2 volumi, concluso. Sarà disponibile a maggio 2021 in fumetteria, libreria, store online. Una piccola serie seinen che ha un potente impatto visivo, disegni bellissimi e molto accurati anche nei minimi dettagli.     Link alle immagini: https://sbamcomics.it/blog/category/news/  -  https://anime.icrewplay.com/boyslovers-hitorijime-my-hero/  -  https://fumetti.badtaste.it/2019/12/dr-stone-inagaki-e-boichi-raccontano-la-genesi-del-manga-e-del-suo-spin-off/271654/  -  https://www.youtube.com/watch?v=9qgfV-gLKps  -  https://www.animeclick.it/manga/32601/kegare-no-uta
Le prime serie manga annunciate agli Star Days
Settembre 28
È calato il sipario dell’evento Star Days, che si è tenuto il fine settimana scorso. Edizioni Star Comics ha annunciato in conferenza stampa tutte le serie manga nuove e vecchie che vedranno la luce nei prossimi mesi.   Dragon Ball GT Anime Comics – La saga dei draghi malvagi Manga di Akira Toriyama, composto da 3 volumi. Da febbraio 2021 sarà disponibile in fumetteria, libreria e store online. Ambietato dopo la fine sella saga Dragon Ball full color, narrerà la nuova avventura che attende i protagonisti di sempre!   Zero’s Tea time Manga di Gosho Aoyama, Takahiro Arai, pubblicati ad oggi 4 volumi, ancora in corso. Da febbraio 2021 sarà disponibile in fumetteria, libreria e store online. Spin-off del manga Detective Conan, avrà come protagonista Tooru Amuro, l’uomo dalla mille identità.   Aau No Esa Kimi Dakara – It’s Time To Go To His Stomach, Ok? Manga di Kiminori Wakasugi, pubblicati ad oggi  4 volumi, anora in corso. Da marzo 2021 sarà disponibile in fumetteria, libreria e store online. Storia incentrata su mostri atroci che trucidano tutti quelli che provano a combatterli. Ma qualcosa accadrà quando dei ragazzi decidono di offrirsi in sacrificio…   Mars Manga di Fuyumi Soryo, composto da 8 volumi, serie conclusa. Da aprile 2021 sarà disponibile in fumetteria, libreria e store online. Grande ritorno di uno dei manga shojo più letti e amati di sempre.         Link alle immagini: https://www.meganerd.it/star-comics-tutte-le-novita-manga-annunciate-agli-star-days/  -   https://multiplayer.it/notizie/dragon-ball-gt-gogeta-draghi-malvagi-cover-volumi-manga.html  -  https://www.animeclick.it/manga/25214/zero-s-tea-time  -  https://www.animeclick.it/manga/28603/ashita-no-esa-kimidakara  -  https://www.pinterest.nz/pin/481040803923890367/ 
Re Giorgio e il suo popolo. L'arrivo della nuova collezione Armani in diretta sugli schermi televisivi nazionali
Settembre 26
Il 2020 è stato di certo un anno significativo: impegnativo, demoralizzante, pesante, ma allo stesso tempo pieno di novità e tra queste mette il suo zampino il “Re” Giorgio Armani che sulla rete La7 porta la sua moda direttamente (e in diretta) nelle case degli italiani. L’evento, in onda oggi 26 settembre alle 21.15, sarà anticipato da una puntata speciale di “Otto e Mezzo”, dedicata a Milano, seguita da un docu-film di venti minuti con la voce narrante di Pierfrancesco Favino, per poi passare alla presentazione vera e propria della nuova collezione. Un evento che sancisce la democratizzazione della moda e la rende ancora più accessibile, se non economicamente, almeno da un punto di vista identitario. Si è già parlato in altri articoli della nostra rivista di come la moda si stia avvicinando o stia tornando sempre più verso il popolo: già Alessandro Michele è riuscito a ridare a Gucci un’identità più ampia in cui vari strati della popolazione, se non tutti, possono rivedersi ed apprezzarla. La moda sviluppa in sé un senso di appartenenza e chi se non Re Giorgio può contribuire a tale sviluppo?! L’arrivo della grande moda italiana, e di uno dei brand che ha fatto storia, sul piccolo schermo ne è la dimostrazione; inoltre, mentre a differenza di Michele che punta sul web, Armani rimane in un ambito televisivo, fedele al suo mondo e all’Italia da cui proviene, dove la rete televisiva è il più valido strumento di diffusione. La moda non è mai apparsa così democratica come in questo momento. Che questo 2020 abbia portato anche qualcosa di positivo?!           Link alla foto: https://artslife.com/2017/03/09/al-cifa-la-storia-nelle-fotografie-mauro-galligani/milano-1980giorgio-armani-nel-suo-atelier/

Il 60° anniversario della Fondazione Istituto Antoniano

Mercoledì, 10 Aprile 2019 09:11 Pubblicato in Napoli

Riapre l'M.S.O.I. a Napoli: presentazioni

Venerdì, 22 Febbraio 2013 08:33 Pubblicato in Napoli

Caccia al bianco rapace

Martedì, 02 Ottobre 2012 13:45 Pubblicato in Fotografia & grafica

Agorà

Palcoscenico

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.