Agorà

Agorà (478)

È qui la Festa?

Ottobre 24

Star attesa in questa quarta giornata di Festa del Cinema è lo sceneggiatore e regista statunitense Barry Jenkins, che ha ottenuto il plauso per aver scritto e diretto il film “Moonlight”, vincitore di tre Premi Oscar nel 2017, oltre che anche vincitore della statuetta come migliore sceneggiatura non originale.

Jenkins si presenta sul tappeto rosso del Roma Cinema Fest, nonostante la scrosciante pioggia dilagante, in un impeccabile completo grigio con cravatta, cintura e scarpe perfettamente coordinate. Con lui non ci si è di certo annoiati, difatti il regista si diverte scherzando con tutti gli addetti ai lavori sfoggiando spaccate in aria sbalorditive e sorrisi a tutti i presenti.

Img 01

A seguire l’attrice Italiana, con alle spalle un premio L’Orèal Paris per il cinema, Stella Egitto, che per l’occasione decide di indossare una lunga camicia a texture bianca e nera e un pantalone marrone con rifiniture fiorate alle caviglie. Un outfit firmato De Vincenzo che ha colpito nel segno!

Img 02

In chiusura, una meravigliosa Isabella Ferrari, che come sempre mostra uno charme impeccabile e una gentilezza degna di una grande

donna.

La Ferrari sceglie un outfit delicato e monocolore firmato Armani, che, nonostante la semplicità, non passa mai di moda

Img 03 copia

Una quarta giornata, quindi, all’insegna della semplicità mixata alla particolarità.

 

Buona la terza!

Ottobre 24

In apertura di questa terza giornata di Festa del Cinema di Roma 2018 l’attrice Isabelle Huppert, con un abito firmato Armani che emana una luccante di glitter. I gioielli Pomellato impreziosiscono ancor più l’intero outfit e lo rendono omogeneo e adatto per l’occasione. La Huppert si dimostra affettuosa e disponibile a fotografi e fan che la applaudono con entusiasmo, non mostrando nessun segno di cedimento all’obiettivo. Una vera star!

Img   01

Casa Alice (sezione autonoma e parallela della festa del Cinema di Roma) fa approdare sul Red carpet anche Micaela Ramazzotti Fabio De Luigi con la presentazione del film “Ti presento Sofia” del regista Guido Chiesa.

De Luigi si presenta per l’occasione con un completo Armani, abbinato ad una cravatta color indaco. La Ramazzotti invece, con uno scintillante abito di Prada e un sorriso raggiante conquista tutti. I capelli raccolti in un’alta coda di cavallo aggiungono quel tocco di classe in più che certamente in questi primi giorni di Festa non manca.

 

Img   02

Img   03

L’attrice Caterina Guzzanti (sempre facente parte del cast del film “Ti presento Sofia” invece, con la sua avvenenza e con un abito total white firmato Chiglo, è stata capace di strappare un sorriso anche agli spettatori presenti più scettici. Una bellezza semplice ma che cattura lo sguardo.

Img   04

Una kermesse “stellare”

Ottobre 22

In questa seconda giornata di Roma Cinema Fest ospiti a dir poco “scintillanti” hanno calcato il Red Carpet dell’Auditorium Parco della Musica. Star di punta, l’attrice australiana Cate Blanchette con la presentazione del film The House With a Clock in its Walls che la vede interprete. Per l’occasione del Red Carpet serale, la Blanchette, indossa un abito firmato Maison Margiela creato appositamente solo per lei da John Galliano. Capello corto e aria sbarazzina, le donano particolarmente incorniciandole il viso; inoltre, la sua disponibilità e cordialità con i fan è stata apprezzata e gradita da tutto il pubblico presente.

IMM 1

Anche l’attrice italiana Claudia Pandolfi con un abito di Federica Tosi e una brillante scarpa Jimmy Choo ha incantato e fatto parlare di sè.

Una donna che si è dimostrata simpatica e alla mano con tutti (fotografi compresi), e forse inizialmente un po' imbarazzata per la troppa attenzione nei suoi confronti. L’eleganza, d'altronde, non è acqua!

IMM 2

A calcare il tappeto rosso anche l’emergente Miss Italia 2018, Carlotta Maggiorana, impreziosita dai gioielli Miluna che da sempre contraddistinguono il concorso di bellezza. Una ragazza acqua e sapone la Maggiorana, che non dimostra nessuna vergogna nel farsi fotografare, al contrario, appare sicura e in sintonia con l’obiettivo.

IMM 33

Si chiude così il secondo giorno di Festa. Gli outfit dei prossimi Red Carpet manterranno le alte aspettative di questi primi giorni? Staremo a vedere!

Festa del Cinema di Roma 2018

Ottobre 22

Apre la fashion kermesse di questa 13° edizione della Festa del Cinema di Roma il film “7 sconosciuti a El Royale”. Sfilano per Photocall e Red Carpet il regista Drew Goddard e l’attrice Cailee Spaeny. La Spaeny si presenta in mattinata all’occhio attento dei fotografi con un elegante lungo abito bianco firmato Miu Miu. Il taglio estremamente corto dei capelli le dona un aspetto ancor più angelico, e la totale assenza di gioielli rende il suo charme in armonia con i lineamenti delicati del viso.

IM 1 ROMA copia copia copia copia

Ma è per il Red Carpet serale che avviene la magia, difatti l’attrice si scosta dai toni leggeri del primo vestito, optando per un meraviglioso abito verde smeraldo di Valentino. Stavolta però, ad accompagnare l’intero outfit non mancano anelli e orecchini che non sembrano mai eccessivi, al contrario, risultano anch’essi raffinati e sobri.

Img 02

 

La sfilata di star continua con la presenza dell’attrice Eliana Miglio, indossando per l’occasione un dorato abito di Vivien Westwood che le fascia alla perfezione il corpo esile, evidenziando anche un vertiginoso spacco. Sorriso contagioso, capelli sciolti e trucco praticamente inesistente la rendono naturale e splendida in ogni scatto.

Img 03

Anche attrici del calibro di Elena Sofia Ricci e l’amata Chiara Francini (Perla della serie in onda su Rai 1 “Non dirlo al mio capo 2”) hanno sfilato in questo Red Carpet di apertura.

La prima, con un abito nero (straordinario nella sua semplicità) firmato Armani, il capello raccolto che mette in risalto un lungo mono-orecchino sulla spalla del vestito come fosse tutt’uno.

Img 04 

La seconda, con una mise nera di Paolo Isoni che sottolinea ancor più le sue generose curve avvolgendole completamente. La Francini, che da sempre si contraddistingue per la sua innata simpatia sia fuori che dentro al set, non risparmia ai fotografi battute e facce buffe che tanto sono amate dal suo pubblico.

Img 05

Termina così la passerella di questa prima giornata del Roma Cinema Fest. Non resta che aspettare gli outfit dei prossimi giorni e sperare che l’eleganza e il buon gusto siano i punti focali di questa edizione.

 

 

Ci volevano nove anni per svelare il "segreto" sul caso Cucchi!Tutti sapevano, tutti sospettavano, ma nessuno aveva il coraggio di ammettere che Stefano, arrestato per possesso illecito di stupefacenti, non era morto, come qualche esponente politico aveva detto, per inedia causata dal suo "sciopero della fame" o in seguito ad…
«Mi è saltato il Ferragosto!»... Queste ed altre, che per misericordia non riportiamo, sono state le parole che il portavoce dei 5Stelle ha proferito solo dopo tre giorni dal crollo del ponte Morandi.Peccato che il Ferragosto sia saltato sopratutto per le vittime di Genova che, a differenza di Casalino, non…
Un simpatico ex ministro, rimasto nel “cuore” degli italiani, invitava i giovani a non essere troppo choosy (schizzinosi) e ad accettare qualunque lavoro venisse loro offerto. Ma il ministro, dall'alto del suo posto in paradiso, non si rendeva conto che non sono i giovani ad essere choosy, ma sono i…
"La fortuna aiuta i prodi; dirigiti sulla dimora di Pomponiano" (Epistolarum libri, Plinio il Giovane). Pomponiano viveva a Stabiae, l’attuale Castellammare di Stabia. Stava per ricevere Plinio il Vecchio. Era il 24 agosto del 79 d.C., il Vesuvio eruttava. Lo scrittore romano si recava sul posto per assistere al drammatico…

Jorit the Facestar

Luglio 30

 

copertina jorit

 

E’ tornato in libertà Jorit Agoch. La facestar olandese-partenopea era stata arrestata  mentre lavorava  insieme ad altri due ragazzi, un italiano Salvatore Tukios e un palestinese al ritratto di  Ahmed Tamimi, l’attivista palestinese di appena 17 anni che 8 mesi fa ha  schiaffeggiato un soldato dell’ FDI (forze di difesa israeliana), per essersi introdotto illecitamente e con la forza in casa sua . Gli street artist si trovavano a Betlemme nella zona della Barriera di difesa quando sono stati tratti in arresto con l’accusa era di aver “danneggiato e imbrattato” la parete, chiamata dai locali “il muro della vergogna”, divide la Cisgiordania dai territori occupati dalle forze israeliane. Sembra strano pensare che sia stata imbrattata  dal momento in cui la parete in questione è ricoperta da murales, lo stesso Banksy due anni fa raffigurò una sua opera e per di più aprì un albergo proprio all’ombra di quella parete, cos’ha lo sguardo di un’adolescente che ha solo difeso la propria casa e la propria famiglia di cosi offensivo o pericoloso? Israele forse un giorno lo spieghera al mondo. Intanto Jorit e gli altri due ragazzi hanno riottenuto la libertà, dopo che l’ambasciata italiana e la Farnesina si sono messi all’opera ma anche il comune di Quarto si è mobilitato con un corteo per richiederne il rilascio e Napoli organizzando un sit-in di solidarietà in piazza municipio, dove ha partecipato anche il papà dell’ artista, che ha dichiarato : “Arrestato come un criminale, aiutatemi a farlo tornare in libertà”.

img1 jorit

 

La notizia della liberazione è stata diffusa e confermata proprio dalla Farnesina che ha rassicurato anche circa le sorti della ragazza liberata ieri e che ormai è divenuta il simbolo della lotta palestinese. Ahmed reclusa insieme alla madre e alle altre donne che hanno portato avanti le proteste, ha rilasciato una dichiarazione proprio di fronte alla casa di una vittima dell FDI «Le altre prigioniere sono forti, ringrazio chi mi ha sostenuto mentre io stessa ero incarcerata. La resistenza continuerà finché l’occupazione non sarà stata rimossa».

 

img 2 jorit

 

La notizia dell’arresto di Jorit e gli altri due ragazzi era stata diffusa proprio dall’artista che con un appello su facebook ha fatto subito circolare l’informazione, il post che ritrae di spalle un soldato recita : “We are in arrest in betlemme from israeli army Who can help us please do it” ( siamo in arresto a Betlemme da parte delle forze armate israeliane, chi può aiutarci, per favore lo faccia). Sul profilo instagram invece è comparsa un’ immagine ben più rassicurante, uno sfondo nero dove campeggia la scritta “Free thank all of you”. (Liberi, grazie a tutti voi) nella descrizione un ringraziamento speciale al legale che li ha seguiti “Special thank Azmi Masalha advocate!” e un hastag a favore di un popolo oppresso #freepalestine

img 3 jorit

img 4 jorit

 

La prima dichiarazione dopo la scarcerazione è stata: «Sto bene, un po’ di paura c’è stata ma in fondo non è stata questa esperienza così segnante. Lo rifarei, perché va denunciato quanto accade quotidianamente nei territori occupati da Israele che sta spezzettando la Cisgiordania per impedire la nascita dello Stato di Palestina. Il mio era un modo per far conoscere il più possibile la realtà delle cose. Mentre noi occidentali siamo stati sì arrestati ma poi liberati, ogni giorno in Palestina continuano a morire persone e quanto accade agli arabi di quei posti è qualcosa di indicibile».

Altaroma GiugnoLuglio 2018

Luglio 04

Si è conclusa l’1 Luglio l’edizione estiva della manifestazione Altaroma 2018 (cominciata il 28 Giugno), un evento organizzato per la Fashion Week romana nei set e teatri degli Studios di Cinecittà.

La manifestazione ha ospitato nella capitale grandi nomi del campo della moda, cominciando dallo stilista Renato Balestra, che, con l’eleganza che contraddistingue i suoi capi e la location sul set dell’antica Roma a dir poco meravigliosa, ha incantato tutti. La collezione Haute Couture di Balestra, ricca di colori e lustrini, è riuscita a far brillare gli occhi a tutti gli ospiti presenti. Neanche la pioggia è riuscita a fermare il grande show, anzi, al contrario, ha reso lo spettacolo ancora più emozionante e carico di entusiasmo collettivo. Insomma, un grandissimo successo!

Img 01


Img 02


Dal canto suo, lo stilista Sylvio Giardina, che ha puntato tutto sull’oscurità della location, ha ammaliato con i suoi abiti dai colori sgargianti.

Capo di punta un abito da sposa semplice nelle linee, ma che allo stesso tempo appare elaborato nella composizione dell’ampia gonna. Le scarpe indossate dalle modelle in passerella, opera di Gianluca Peverada, hanno riscosso notevole successo, apparendo comode e sempre adeguate ad ogni abito.


Img 03


Img 04


Img 05


Arriviamo alla stilista Marianna Cimini, che con la sua collezione “Feeling colors” è riuscita a mostrare l’anima delle sue creazioni. Le tonalità usate per gli abiti hanno colpito nel segno e la scelta stilistica dei fumogeni a sfilata conclusa, per mettere al centro della scena l’idea che ruota attorno alla collezione, ovvero il colore, ha suscitato moltissime reazioni positive negli spettatori, i quali hanno mostrato il loro apprezzamento con fragorosi applausi finali.


Img 06

Img 07


Img 08


Img 09


Hanno inoltre sfilato a Cinecittà i finalisti della 14° edizione di “Who Is On Next?”, i quali si sono dati filo da torcere per tutta la manifestazione. Eccezionali tutte le collezioni presentate, ma a trionfare nella sezione abbigliamento è MRZ by Simona Marziali. Qualità, dettagli e un’italianità in chiave internazionale sono le caratteristiche principali della collezione di MRZ; una collezione dove gli elementi sportwear si incontrano perfettamente con una classica linea sartoriale vecchio stampo che l’hanno portata inevitabilmente alla vittoria.

Non resta quindi che augurarle un grosso in bocca al lupo per il futuro!


Img 10


Img 11


Img 12


Img 13


Img 14

Per tutte le altre foto dell'evento correte sulla pagina facebook di MYGENERATION cliccando qui!

Sono stati gli americani. No, sono stati i russi. No, è stata la CIA. No, è stato Kim Jong-un... No, a creare il caos è stato Zuckerberg!I burocrati hanno scoperto finalmente l'uovo di Colombo: i nostri dati personali, messi su Internet, vengono manipolati e utilizzati, quando tutto va bene, per…
Pagina 1 di 30

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.