Rock: oltre ai Maneskin c’è di più

Domenica, 13 Giugno 2021 00:00
  

Oggi nel bene e nel male tutti parlano dei Maneskin, tutti li vogliono e tutti li cercano, specialmente dopo le brillanti vittorie di Sanremo e dell’Eurofestival.

Orietta Berti, già prima che vincessero, espresse più volte, a mezzo stampa, il fatto che le sarebbe piaciuto cantare assieme alla band romana, altri invece come i Vendettas li hanno tirato in ballo, giusto qualche giorno fa, per presunti plagi che dovranno comunque essere provati in aule di tribunali al cospetto di periti e giudici.

 

A leggere i vari dibattiti sui giornali, pare che questa Maneskinmania sia nata perché la band di Zitti e buoni ha colmato finalmente un vuoto nel panorama musicale del Belpaese, un vuoto rappresentato dal fatto che in Italia veri cantanti rock non ci siano mai stati.

 

Una assurda fake news!

 

Ora senza ricordare periodi risalenti alle guerre puniche in Italia abbiamo avuto ottimi cantanti/band che hanno ben raffigurato gli archetipi di rockers, non solo per la musica prodotta, ma perché essi stessi si comportavano da ribelli antisistema.

E negli ultimi 20 anni non sono stati pochi gli artisti che si sono cimentati in questo genere, basti pensare soltanto a quanto abbiano spopolato negli anni ‘90 Ligabue o i Negrita o nei anni primi anni duemila i Verdena, senza dimenticare che proprio sulle pagine di MyGeneration ci siamo occupati proprio di un’etichetta discografica che porta la bandiera del Rock italiano per il mondo: la Vulcano records, e sempre in questo spazio ci siamo voluti soffermare su qualche band del suo roster. Quindi diffidate di chi vi dice che il Rock non è mai esistito in Italia o che addirittura vi dice che sia morto e sepolto.

 

Alla fine della fiera i Maneskin potranno piacere o no, tuttavia bisogna ammettere che hanno una fortissima presenza scenica e soprattutto hanno un grandissimo talento riconosciuto anche da fans stranieri che stanno streammando e comprando la loro musica che è arrivata nella top 30 di Billboard. Addirittura, tra i commenti postati sotto ai loro video su Youtube, ci sono molti ragazzi anglofoni che desiderano, adesso più che mai, imparare l’italiano per comprendere meglio i testi del gruppo romano.

 

Per arrivare a questo livello di gradimento, ripetiamo, non basta avere un bel look o una bella voce, ci vuole davvero una marcia in più e la prova sta nel fatto che molti artisti nostrani, tra cui Laura Pausini o Eros Ramazzotti, per ottenere il giusto riconoscimento internazionale, incidono versioni ad hoc per il mercato estero.

 

link alla foto di copertina : https://pixabay.com/it/photos/chitarra-musica-banda-strumento-1245856/

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.