Stampa questa pagina

Il 60° anniversario della Fondazione Istituto Antoniano

Mercoledì, 10 Aprile 2019 09:11
Il 60° anniversario della Fondazione Istituto Antoniano
  

Aiutare le persone più fragili ad avere una vita soddisfacente; offrire opportunità di formazione a operatori del settore socio-sanitario; sviluppare ricerca scientifica: sono queste le attività che la Fondazione Istituto Antoniano porta avanti, con successo, da 60 anni, seguendo la tradizione della carità cristiana e della solidarietà. È per celebrare l'ente che il prossimo 11 aprile, a partire dalle ore 10, sarà il S.E.R. Cardinale Crescenzio Sepe ad officiare la Santa Messa che inaugurerà i festeggiamenti, nella Parrocchia di San Pietro Apostolo a Portici. Subito dopo, i ragazzi del Semiconvitto porteranno in scena nel Teatro della Fondazione (via Madonnelle, 15 – Ercolano) La Parabola del Buon Samaritano. Per finire, sulla Terrazza sarà offerto un rinfresco a tutti i partecipanti.

 

Foto inaugurazione con card. Sepe

 

Con oltre 130 professionisti e operatori del settore e 350 utenti, la struttura si conferma il fiore all'occhiello della "sanità che funziona" in Campania: è qui che chi si trova in difficoltà, chi ha una disabilità grave o un disturbo del neurosviluppo, può trovare ristoro. Grazie al lavoro sinergico del Centro Medico Riabilitativo, la Casa Famiglia, il Centro Studi collegato alle Università Federico II e Luigi Vanvitelli, la Cooperativa Sociale Padre Ferdinando Brachini e il servizio di accoglienza immigrati la solidarietà opera a 360°, fornendo un valido aiuto a tutto il comparto del Terzo Settore.


Il Dio degli ultimi si manifesta tra le stanze della Fondazione più che altrove ma, tra opere compassionevoli e misericordia, c'è spazio anche per un momento di spensierata serenità. Quella di giovedì è, dunque, l'imperdibile occasione per toccare con mano quanto l'affetto e la tenacia possano essere fondamentali nel processo di recupero:«Sono passati 60 anni ma per il futuro abbiamo tanti progetti in cantiere. – spiega il direttore sanitario, Goffredo Scuccimarra – Siamo ottimisti sulla loro realizzazione perché tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati in passato sono stati raggiunti. Oggi la difficoltà principale è muoversi al pari di una società che cambia, con realtà molto diverse rispetto a prima. Oltre a fare una programmazione adeguata, dobbiamo impegnarci ad affrontare problemi contingenti ma manteniamo una prospettiva felice».

Vota questo articolo
(0 Voti)

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.