Stampa questa pagina

#unasettimanadioscar -2: momenti celebri

Venerdì, 22 Febbraio 2019 00:00
#unasettimanadioscar -2: momenti celebri
  

Come promesso, oggi parliamo di alcuni momenti celebri che hanno segnato la storia degli Academy Awards.

 

Senza andar troppo indietro con gli anni, forse tutti ricorderete che cosa accadde nel 2017 al momento della premiazione più attesa della serata degli Oscar, quella al Miglior Film… No? Allora vi rispolveriamo noi la memoria. Quell’anno in lizza per il Premio Miglior Film c’erano La La Land, Arrival, Lion – La strada verso casa, Hell or High Water, Il diritto di contare, Moonlight, Hacksaw Ridge, Manchester by The Sea, Barriere. Al momento della premiazione accadde qualcosa di davvero insolito: Warren Beatty e Faye Dunaway estrassero il solito nome dalla busta e annunciarono che il film vincitore del Premio Oscar per il Miglior Film del 2017 era La La Land. L’intera troupe salì sul palco come di consueto. Ci furono scrosci d’applausi e stavano quasi per iniziare il discorso di ringraziamento quando la cerimonia fu bruscamente interrotta. I presentatori avevano annunciato il vincitore sbagliato! Gli organizzatori degli Academy Awards invitarono tutti a scendere dal palco e annunciarono il vero film vincitore: Moonlight di Barry Jankins!

 

benigni

 

Un altro momento indimenticabile che ci riguarda molto da vicino è quello di Roberto Benigni che cammina sulla testa di Steven Spielberg. Eh, sì. Quando l’osannato attore e regista nostrano ottenne il Premio al Miglior Film Straniero nel 1999 con La vita è bella , inscenò uno dei momenti più divertenti e sconvolgenti della storia degli Oscar. Dopo che Sophia Loren ebbe annunciato il suo nome sventolando la busta in aria piena di orgoglio nazionale, Benigni si alzo in piedi e raggiunse il palco camminando sulle poltrone dei suoi vicini di posto, tra cui quella del celebre regista di ET.

 

Ma gli Oscar sono costellati di momenti celebri. Ne citeremo ancora qualcuno per stuzzicare la vostra curiosità. C’è il celebre discorso di Julia Roberts, che quando vinse l’Oscar come Miglior Attrice per Erin Brockovich, forte come la verità nel 2000, pronunciò un discorso di quasi quattro minuti, il più lungo nella storia degli Academy. Ma c’è stato anche Charlie Chaplin, che al momento di ricevere l’Oscar alla carriera nel 1972, si esibì sul palco nel famoso ballo dei panini de La febbre dell’oro. E Marlon Brando, che rifiutò di ritirare l’Oscar come Miglior Attore nel ’73 per una protesta a favore degli amerindi e mandò sul palco una finta squaw indiana a pronunciare il discorso. E tante, tante altre storie che ogni anno fanno parlare un po’ di più della cerimonia degli Oscar.

 

E chissà se questa nuova edizione non ci riservi nuove sorprese. Qualcosa di insolito in realtà c’è già… ma ve ne parliamo nel prossimo articolo! 

#Una settimanadioscar #staytuned

 

 

 

 

 

 

link immagini:

http://oubliettemagazine.com/wp-content/uploads/Oscar-2019-1-2.jpghttp://oubliettemagazine.com/wp-content/uploads/Oscar-2019-1-2.jpg

https://www.ocregister.com/wp-content/uploads/migration/min/minm4n-b781069452z.120130222193305000gie1cddnv.1.jpg?w=620


 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Anna Fusari

Ultimi da Anna Fusari

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.