Alla riscoperta delle nostre eccellenze:"Il prodotto agroalimentare campano tra lingua, cultura e tradizione"

Mercoledì, 14 Giugno 2017 00:00
  

Nell'epoca di un apparentemente irreversibile appiattimento culturale, che è andato ad intaccare finanche le nostre abitudini alimentari e il consumo di quelle eccellenze che da sempre rappresentano un motivo d'orgoglio per la nostra regione, sentir parlare di "consumo consapevole" o di prodotti "a km zero" è una piacevole ventata di freschezza.

 

Agroalimentare - Cover

 

Il volume Il prodotto agroalimentare campano tra lingua, cultura e tradizione (un progetto delle Edizioni Aracne, finanziato dal Dipartimento di Studi Economici e Giuridici dell'Università degli studi di Napoli "Parthenope" e dal CEICC-Europe Direct, con il patrocinio della Regione Campania) intende valorizzare le nostre eccellenze dal punto di vista linguistico-culturale e terminologico, poiché, come sostiene la Professoressa Carolina Diglio nell'introduzione, "partire dal prodotto agroalimentare campano e analizzarlo linguisticamente significa rinsaldare il vincolo con il nostro territorio, per indagarne il potenziale evocativo nelle differenti lingue straniere."

 

Agroalimentare Claudio Grimaldi

 

Le lingue straniere giocano infatti un ruolo di primissimo piano nell'economia del volume, curato da Claudio Grimaldi (con una prefazione delle Professoresse Daniela Covino e Angela Mariani) e realizzato col contributo dei dottorandi in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche della "Parthenope" Fortuna Amato, Francesca Brancaccio, Micol Forte, Sara Longobardi, Francesco Nacchia, Marina Niceforo, Jacopo Varchetta e Silvia Domenica Zollo. In questo senso, risulta particolarmente significativa la creazione di un glossario plurilingue, alla cui realizzazione hanno contribuito tutti i dottorandi, che risponde alla sempre crescente richiesta di informazioni da parte del consumatore consapevole.

 

Far conoscere le eccellenze agroalimentari campane vuol dire anche e soprattutto valorizzare il Made in Italy, non solo dal punto di vista economico, ma come già detto, anche da quello linguistico-culturale, nell'ottica della trasmissione di una serie di prodotti e saperi che, legati indissolubilmente al nostro territorio, contribuiscono a creare la nostra identità.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.