Dalla A alle Zzzzzz: cronache di un noioso mercato di riparazione

Martedì, 31 Gennaio 2017 00:00
  

 

Diciamoci la verità, il mercato di gennaio non è più quello di una volta, quando Davids passava alla Juve, il Milan comprava gente come Desailly, Van Bommel o Pato e all'Inter arrivava Stankovic dalla Lazio. Ormai, i colpi a effetto sono soprattutto in uscita, con le grandi estere che vengono a fare shopping da noi, o, addirittura... non ci sono proprio! Col risultato che passiamo un mese veramente tristanzuolo.

 

E quest'anno? Com'è andata? Cerchiamo di fare il punto, in ordine alfabetico, e... con un po' d'ironia! Partiamo dalla "A" di

 

Africa (Coppa d'). La rassegna, che non passerà certo alla storia per la qualità del gioco espresso, ha avuto effetti profondi sul mercato. Esempio: trovandomi senza Ghoulam e Benatia, con Calabria e Cannavaro infortunati, ho dovuto correre ai ripari per puntellare la mia difesa. Come dite? Questo è Fantamercato? Allora parliamo di...

 

Biglietti, come quelli di Napoli-Real Madrid, per i quali i tifosi hanno fatto file interminabili sfidando il gelo della notte e arrivando – chi l'avrebbe mai detto? – a dei veri e propri assalti ai forni, anzi alle biglietterie. C'è crisi, si sa. Ma visto che nemmeno alla "B" abbiamo parlato di mercato, occupiamoci di chi la crisi non la conosce e cioè i

 

Cinesi: dopo aver preso gente come Tevez o Oscar e aver tentato Aubameyang, pare abbiano lanciato l'assalto nientemeno che a Wayne Rooney con un'offerta da quasi 56 milioni all'anno! Che dire? In attesa delle nuove norme contro le spese pazze promesse dalla CFA (Chinese Football Association) prepariamoci agli assalti dall'Estremo Oriente, e in tema di vendite, passiamo alla

 

Dea, cioè l'Atalanta che cedendo Caldara alla Juve (rimarrà a Bergamo fino al 2018) per 15 milioni più 6 di bonus, e dando Gagliardini all'Inter in prestito per 2 milioni con riscatto a 20, mette tanti, ma tanti soldini da parte. Un po' come

 

Eto'o, che, per la gioia dei tifosi dell'Antalyaspor, dopo Malaga e Marsiglia è stato accostato all'Hull City. L'ultima parola spetta alla moglie Georgette, e chissà che in queste ultime ore di mercato qualcosa non si muova, sempre a patto che il club compratore sia a posto col

 

Calciomercato 2017 1

 

Fair Play Finanziario, nato come strumento per tutelare i meno ricchi, e sulla cui utilità in molti iniziano a porsi domande. Certo, spese folli se ne vedono di meno, ma la forbice tra i club si è tutt'altro che ridotta. Ma torniamo a concentrarci sul calcio giocato e parliamo di

 

Gabigol, pagato fior di milioni dall'Inter la scorsa estate e guardato un po' come il classico oggetto misterioso. La rete messa a segno in Coppa Italia e i ripetuti rifiuti della società alle richieste di prestito fanno pensare che i nerazzurri vogliano però puntare sul giovane brasiliano nella seconda parte della stagione. Parlando di rifiuti, come non menzionare l'

 

Hebei China Fortune, che si è visto dire di no da Kondogbia, Pastore, Payet e James Rodriguez! Non male, davvero. Ma ritorniamo in

 

Italia, anzi in Coppa Italia, con Napoli e Juve come prime semifinaliste. L'altra coppia uscirà tra Inter e Lazio da una parte e Roma e Cesena dall'altra. Mmmmmmhhh... abbiamo detto praticamente tutto qui, quindi spostiamoci in Spagna, dove in Coppa del Re

 

Jovetic con la maglia del Siviglia ha esordito segnando al Real Madrid! Il montenegrino è praticamente rinato e a Milano già si fregano le mani pensando ai 14 milioni di riscatto. O forse, col senno di poi, stanno pensando che avrebbero potuto concedergli qualche chances in più? E chissà che starà pensando

 

Kalinic, che ha detto di no agli yuan del Tianjin, e che, domenica, contro il Genoa si è fatto male al ginocchio, tenendo tutti in apprensione a Firenze. Il che succederà anche quest'estate, quando la telenovela ricomincerà, un po' come succedeva con

 

Calciomercato 2017 2

 

Lavezzi (e in misura minore Lamela) che – in ogni sessione di mercato – veniva accostato all'Inter, prima di accasarsi in Cina! E questa, dovrebbe essere la penultima volta che il paese asiatico viene menzionato, anche perché c'è da parlare del

 

Mondiale a 48 squadre! Una follia che diventerà realtà dal 2026 e sulla quale per ora, spendere parole sarebbe del tutto inutile, quindi passiamo a

 

Napoli, dove Maradona è tornato per il trentesimo anniversario dello scudetto, con uno spettacolo al San Carlo con Siani. Già. Il San Carlo. Con Siani. E che dire dello Stadio

 

Olimpico di Roma dove ai tifosi della Sampdoria è stato sequestrato uno striscione di solidarietà per le vittime del terremoto nel Centro Italia? Meglio tacere, e spostarsi sul

 

PSG e sul suo mercato stranamente in sordina, in cui l'unico grande nome è stato quello di Draxler. Tempi di vacche magre anche lì? Ora una lettera difficile, la "Q" di

 

Quaison, che benché non coinvolto in alcuna trattativa di mercato, è l'unico calciatore con questa lettera che mi è venuto in mente, nonché una delle poche cose buone del Palermo di quest'anno. Andiamo avanti parlando di

 

Calciomercato 2017 3

 

Rinnovi, con quello di Mertens che tiene banco a Napoli e quello di Donnarumma a Milano, con Raiola che chiede una cifra vicina ai 200.000€ a settimana per il suo assistito. Restando in tema portieri, trattiamo di

 

Simulatori. Sì, portieri simulatori. Il presidente della Samp Ferrero così ha definito Pepe Reina, invocando addirittura la prova TV! Ci avviciniamo alla fine dell'articolo – e del mercato! – ed a quella della

 

Telenovela Gabbiadini, col buon Manolo che lascia Napoli per accasarsi al Southampton. Un vero peccato che un altro giovane italiano non trovi spazio qui da noi. Chi invece investe sui giovani è l'

 

Udinese, che anche questa volta ha comprato dei ragazzini per pochi spiccioli per poi rivenderli tra qualche anno a peso d'oro. Un po' come fece il Pescara con

 

Verratti, il quale pare abbia snobbato il Napoli, non ritenendo importante il progetto dei partenopei! Dicono che quest'estate si scatenerà un'asta all'ultimo rilancio sull'azzurro, ma... siamo sicuri che a Parigi lo lasceranno andare? La Juve sembra in prima fila dopo lo smacco di

 

Calciomercato 2017 4

 

Witsel, il quale si è sistemato – indovinate un po' – in Cina! Andiamo alle lettere difficili, cioè la "X" di

 

Xhaka, che fa notizia non per il mercato o le prodezze in campo ma per aver insultato una hostess, la "Y" di

 

Yao, che sembrava dover andare al Crotone e ora pare vicino al Bastia, e la "Z" di

 

Zaza, che, dopo essere stato accostato a varie squadre, si è accasato, come Jovetic, in Spagna, e precisamente al Valencia. Tornerà mai in Italia?

 

Il nostro excursus alfabetico termina qui, ma fino a mezzanotte tutto può ancora accadere, per cui allacciatevi le cinture e preparatevi per le prossime ore in cui tutto può ancora accadere...

 

Mamma, butta la pasta! Ci sentiamo in estate!

Vota questo articolo
(2 Voti)
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.