"The Last of Us Part II": il lato oscuro di Ellie

Giovedì, 05 Gennaio 2017 00:00
  

È di circa un mese fa, ovvero del 3 dicembre 2016 la notizia di un sequel del videogioco horror-survivor più bello di sempre: a distanza di 4 anni dall'uscita di The Last of Us in Giappone nel lontano giugno 2013, è stato reso noto l'avvenimento che tutti i gamer aspettavano. All'evento Sony PlayStation Experience 2016 è stata annunciata da parte di Naughty Dog la tanto attesa uscita di The Last of Us Part II.


Probabilmente il titolo più venduto al mondo, il videogioco per piattaforma PS4, che anche stavolta vedrà i protagonisti nei panni di Joel ed Ellie, uscirà probabilmente nel 2018. Ma attenzione, non si tratta del capitolo 2 ma del completamento della prima storia. Probabilmente la scelta di inserire " PART II " nel titolo presagisce l'idea che si voglia brandizzare o crearne almeno una trilogia.


Nel link il Teaser Trailer Ufficiale del gioco:


https://www.youtube.com/watch?v=XlGhXNLN7G8


Nei 4 minuti di presentazione, il video si apre con una ripresa del bosco, sottofondo: silenzio assoluto. Già così nella prima manciata di secondi lo scenario è abbastanza inquietante. Macchine arrugginite, case abbandonate e un segnale stradale col simbolo delle luci, l'ansia cresce, ci si aspetta l'arrivo di un clicker da un momento all'altro. Dal bosco si passa al dettaglio di una mano tremolante e insanguinata, ma chi è appassionato di The Last of Us quella mano la riconosce subito. Ci si aspetterebbe un attacco, una scena di guerriglia, e invece la nostra Ellie accorda una chitarra e comincia a intonare una canzone. Dettaglio su un'altra mano insanguinata, (un po' più morta stavolta) ed ecco che camminando su un pavimento rosso e lucido, (no non è marmo) ... arriva impugnando una pistola lui, il re del nuovo mondo: Joel. Dopo aver dato una rapida occhiata in giro, e aver constatato che Ellie si è difesa molto bene le chiede: «What are you doing, kiddo? You think they gonna go throught this?» – Ellie risponde: «I'm gonna find and I'm gonna kill. Every. Less. One of them». Pochissime parole tra i due, che però fanno percepire la nuova natura della ragazza. Non è più l'adolescente spaventata e "dipendente" da Joel, è piuttosto una giovane donna (19enne ormai ) consapevole della propria condizione e che lotta con le unghie e i denti. Sembra quasi non aver più bisogno del suo salvatore, diventato ormai una figura paterna (almeno per come la vede lui), vuoi la condivisione delle esperienze, vuoi la lotta alla sopravvivenza, la fuga o più semplicemente i sensi di colpa; il distacco lo si percepisce chiaramente dallo sguardo cinico e gelido che Ellie gli rivolge durante il dialogo. Tutto ciò ci fa intendere che in Part II, la vera indiscussa protagonista sarà lei.


The Last of Us Part II


La nuova avventura di The Last of Us è ambientata 5 anni dopo la fuga dal Laboratorio delle Luci. Il creative director Neil Druckmann ha precisato che sarà presente un elemento caratterizzante nella narrazione ovvero : L' ODIO, a differenza del primo gioco dove era l'amore che si sviluppava e cresceva tra i due protagonisti, portando Joel a decidere di diventare il padre di quella piccola ragazzina spaventata. Inutile parlare della grafica che è a dir poco eccelsa, il gioco girerà sullo stesso motore grafico del primo capitolo ideato da Naughty Dog opportunamente aggiornato, e, come anticipa Shaun Escayg:«Il gioco vanta l'introduzione di diversi miglioramenti tecnologici, ed è straordinario.»


The Last of Us Part II b


Dopo aver visto il trailer, non c'è molto altro da dire, però se l'attesa è troppo snervante, sappiate che esiste una web serie ispirata a The Last of us, dal titolo What Remains ed è ambientata circa dieci anni prima del videogioco, così, mentre aspettiamo...

Vota questo articolo
(0 Voti)
Letto 911 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.