“Mia amata Yuriko”, il Giappone tra il ricordo e l’incanto

Sabato, 10 Dicembre 2016 12:26
  

Il 1945 fu l’anno in cui si pensò che la follia umana avesse toccato il limite, l’anno in cui la prima bomba atomica toccò il suolo ad Hiroshima. Sembrò, mentre nel mondo si diffondevano le immagini di quell’orrore, che l’umanità avesse imparato la lezione, ma pare, al contrario, che ci sia ancora qualcuno in grado di minacciare l’intero pianeta con quella stessa turpe arma di distruzione di massa.

In questo particolare momento storico, in cui ogni Paese in possesso di armi nucleari, si atteggia a capo del mondo, il libro di Antonietta Pastore, Mia amata Yuriko, fornisce una testimonianza e un promemoria di quali furono le conseguenze di quel terribile errore umano.

Immagine 1 copia

Antonietta Pastore è una scrittrice italiana e traduttrice dal giapponese per Einaudi; Mia amata Yuriko (2016) è il suo ultimo romanzo e racconta una storia d’amore ambientata negli anni della seconda guerra mondiale.

Yuriko e Yoshi imparano ad amarsi negli stessi anni in cui il Giappone decide di intraprendere una folle corsa agli armamenti, che lo condurrà ad un’epocale sconfitta, di cui tutti conosciamo il tragico finale.

Immagine 2 copia copia copia

Il legame tra i due giovani è il nerbo della storia, ma è intorno ad esso che si sviluppano i veri elementi d’interesse del romanzo: la cultura giapponese negli anni successivi alla guerra; la ferita lasciata aperta dalla caduta della bomba; il malcelato disprezzo di alcuni giapponesi per gli amerikajin (gli “americani”, intesi in generale come “occidentali”); il fascino delle case tradizionali con i pavimenti in tatami e fusuma e shoji al posto di porte e finestre.

Il romanzo di Antonietta Pastore ricorda il Giappone nei suoi anni più difficili e ne racconta, con grande sensibilità e ammirazione, l’incanto dei luoghi, la storia e la cultura dei suoi abitanti.

Vota questo articolo
(2 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.