Marguerite e Julien, soporifera storia d'amore tra fratelli

Martedì, 31 Maggio 2016 00:00
  

Probabilmente sono la persona meno adatta a recensire questo film, essendo ormai un anziano e cinico nerd. Non amo il genere melò e ho un certo pregiudizio nei confronti della cinematografia francese. È un fatto però che ieri pomeriggio, alla fine della proiezione stampa, tra i volti di quasi tutti colleghi fosse comune un’espressione di perplessità e di malcelata insofferenza.

Può una storia d’amore incestuosa essere noiosa e priva di alcun coinvolgimento?

Sì, se raccontata e messa in scena come la storia vera e tragica dei fratelli Julien (Elkaim) e Marguerite (Demoustier) de Ravalet, vissuti in Francia nel '600 e travolti fin da bambini da un grande affetto che negli anni si è trasformato in travolgente e drammatica passione.

Se François Truffaut ha desistito dall’intento di realizzarne un film, probabilmente i problemi strutturali e narrativi erano davvero insormontabili.

Valerie Donzelli ha scelto invece di andare dritta per la sua strada, realizzando un progetto che mescola melò e fantasy non avendo però i pregi di nessuno dei due generi.

Lo spettatore osserva la storia d’amore impossibile tra i due fratelli e l’ostilità e il conseguente stupore e sdegno della società e della loro famiglia, senza riuscire a essere partecipe. La storia è fredda, scritta a tavolino e senz’anima.

La struttura narrativa scelta, a metà strada tra una piecè teatrale e un fotoromanzo, convince poco, soprattutto per via di un ritmo compassato, lento e pressoché statico.

La chiave registica usata dalla Donzelli per descrivere la passione e i sentimenti dei due personaggi è poco incisiva e solo in parte riesce a trasmettere pathos e calore allo spettatore.

La coppia di innamorati formata da Anais Demoustier e Jeremie Elkain appare fredda, trattenuta e priva della forza e personalità necessaria a bucare lo schermo e travolgere lo spettatore.

Marguerite e Julien sono due anime infelici e destinate a non poter stare insieme perché il loro amore è insano e sbagliato. Non è un film che scandalizza nelle scene di sesso incestuoso tra fratelli, al contrario queste appaiono inutili e prive di mordente.

Forse questo film potrà essere apprezzata dalle persone romantiche e sognatrici, ma chi non ha questa predisposizione alla fine della proiezione prova solo un sentimento di liberazione da questa storia d’amore tragica ma quanto mai noiosa.

 

Il biglietto d’acquistare per “Marguerite e Julien- la leggenda degli amanti impossibili.” è : 1) Neanche regalato (con riserva) 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre

 

“Marguerite e Julien – la leggenda degli amanti impossibili” è un film del 2015 diretto da Valerie Donzelli, scritto da Valerio Donzelli e Jerèmie Elakim tratto da un’idea originale e dalla sceneggiatura scritta da Jean Grualt, con: Anais Demoustier e Jèrèmie Elkain.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.