"The Ancient Magus' Bride": flop o novità assoluta?

Giovedì, 24 Marzo 2016 07:58
  

L'Inghilterra è da sempre stata considerata la patria del fantasy. Maghi, stregoni, folletti, sono molti i personaggi che animano le favole inglesi, e che affascinano ancora oggi tanti di noi. I più sensibili ed ispirati da questo genere sono certamente scrittori ed artisti, non è un caso, quindi, che la mangaka, Kore Yamazaki, abbia deciso di ambientare la propria opera in questa terra così florida.


Pubblicato in Italia dalla Star Comics, The Ancient Magus' Bride, è riuscito in poco tempo ad imporsi tra i manga più consigliati dai lettori. Anche se si tratta di uno shonen (genere di azione ed avventura prettamente per maschi), non segue le linee guida della categoria, (colpi di scena, combattimenti e donne "abbondanti" nei punti giusti), ma assume aspetti più delicati.

 

The Ancient Magus Bride 2


I protagonisti disegnati dalla Yamazaki, frutto dell'influenza subita dalla sua scrittrice inglese preferita, J.K. Rowling, sono un mago molto potente ed una ragazzina, che da schiava remissiva e sottomessa, diventa non solo sua apprendista, ma anche sua futura moglie (due piccioni con una fava!). I riferimenti al mago più famoso del globo sono chiari e cristallini, a partire dall'ambientazione, Londra (scontato), per arrivare ai richiami a creature della cultura celtica e passando per il background della protagonista: ha perso i genitori quand'era piccola, anche i famigliari adottivi, i suoi ricordi sono offuscati... (ricorda qualcosa?). Tutte cose già lette e viste, nessuna novità.


Apparentemente sembra una ragazza come tante altre, ordinaria, che non possiede nessuna dote particolare, fino a quando non viene catapultata nel mondo di Elias Einsworth, un mago alquanto eccentrico ed elegante e che ha un teschio caprino al posto della testa. Ora, cosa sia questa adolescente non è stato ancora svelato, d'altronde è stato pubblicato soltanto il primo numero, ma s' intuisce che possa avere anch'essa grandi doti come il suo futuro compagno.


I disegni sono l'unico elemento accattivante di quest'opera, d'altronde anche l'occhio vuole la sua parte. La Yamazaki ha un bellissimo tratto, ogni scena, ambientazione, personaggio è bene caratterizzato e sviluppato, con una cura tanto minuziosa da conferirgli una vena molto realistica.


Riuscirà mai ad avere fortuna anche in Italia questo fumetto?

 

The Ancient Magus Bride 3

Vota questo articolo
(3 Voti)
Letto 1610 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.