"Tom Clancy's The Division"

Giovedì, 28 Gennaio 2016 00:00
  

Immaginate un apocalisse senza zombie, una calamità dove tutto quello che c'è di male non sono i mostri, ma le persone come noi. Immaginate una squadra di agenti che deve ripristinare l'ordine a Manhattan, ricostruire rifugi sicuri e recuperare tecnologie estremamente pericolose. Immaginate una Zona Oscura, dove le persone rischiano la vita e persino gli agenti più insospettabili diventano traditori. Di chi ci si può fidare, se non dei propri compagni?

 

Si perché The Division promette un'esperienza multi giocatore proprio di questo tipo: quattro amici, che condividono gioco e console, pronti a darsi una mano e a dividersi in classi pur di portare a casa la pellaccia. E anche un po' di loot. L'idea di Ubisoft si rivela ancora una volta puntata sul creare squadre, gruppi di gioco, ma questa volta apprende una lezione da alcuni illustri concorrenti: i legami umani. Avere una squadra di amici con cui giocare, e che quindi sai che non ti tradiranno mai, è entusiasmante, ma immaginate la sensazione che si può provare nel costruirsi un gruppo del genere giorno dopo giorno mentre giochiamo e saliamo di livello. Parlare in chat vocale con i nostri compagni appena conosciuti cercando di capire se vogliono tradirci o se giocano pulito, nella speranza che non diventino Rogue Agents proprio durante la spartizione del bottino.

 

Dal punto di vista tecnico, il gioco si annuncia impressionante: pur essendo stato "ridimensionato" parecchie volte, si dice che comunque la Manhattan da riconquistare sarà sterminata e le opzioni moltissime. La meccanica sparatutto in terza persona si fonde ad uno stile "gioco di ruolo" eccezionalmente valido e che probabilmente porterà su schermo tante dinamiche tipiche dei giochi fantasy, specie viste e considerate le tecnologie a cavallo tra modernità e futurismo. Quindi healer, dps e tank torneranno alla ribalta ancora una volta, ma con la grande differenza che finiranno per essere personalizzati in toto come i nostri alter ego della vita reale: un po' come se fossimo noi a dover salvare l'America, sfoderando la personalità e lo stile di gioco che ci ha sempre contraddistinti.

 

Tom Clancys The Division

 

In teoria sarebbe possibile anche giocare una beta di questo titolo, ma solo per tre giorni e, visto che per avere la garanzia di superare lo sbarramento (le key sono limitate) occorre prenotare il gioco da subito, tanto vale attendere la data di release, fissata per l'8 di Marzo. In fondo, si tratta solo di un po' di hype.

Vota questo articolo
(3 Voti)
Letto 1119 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.