ANTEPRIMA. "Se mi lasci non vale": l'uomo propone, l'amore dispone... nell'ultimo film di Salemme

Martedì, 19 Gennaio 2016 08:53
  

Che cosa significa essere uomo oggi? Esiste ancora l’uomo romantico e sensibile che soffre per amore?

Le donne diranno che un maschio del genere può vivere solo nelle favole. Forse sì, ma in fondo le pene d’amore sono comuni a entrambi i sessi. E se ci pensate bene, la donna soffre ma poi ricomincia una nuova storia di slancio, invece l’uomo si abbrutisce diventando l’ombra di se stesso.

L’uomo innamorato, se lasciato, non capisce la scelta della donna e medita vendetta.

L’uomo di oggi evita il matrimonio come la peste, eppure non vuole rimanere da solo.

Partendo da queste considerazioni semplici e mai scontate che lo spettatore conosce Vincenzo (Salemme) e Paolo (Calabresi), due uomini di mezz’età, appena lasciati dalle rispettive compagne e con il morale sotto i tacchi. I due s’incontrano, per caso, in un locale di Napoli rivedendo l’uno negli occhi dell’altro l’amara condizione di single infelice. Se però Paolo, operatore informatico, è una persona buona e gentile che ha accettato di tornare a Napoli e di convivere con il vecchio padre (Giuffrè), Vincenzo, proprietario di un’agenzia di viaggi, sogna di vendicarsi di Sara (Auteri), ex fidanzata, rompiscatole e vegana.

Vincenzo decide di coinvolgere Paolo nel piano di risarcimento delle sofferenze subite con la stessa moneta, in altre parole di frequentare le rispettive ex, di farle innamorare perdutamente e poi di lasciarle senza pietà.

I due si scambiano le informazioni sui gusti e inclinazioni di Sara e Federica (D’Aquino), quest’ultima, donna ambiziosa in carriera che mal sopportava la “mediocrità” di Paolo, chiedendo aiuto, per questa vendetta del cuore, ad Alberto (Buccirosso) attore squattrinato e vanesio.

Lo spettatore assiste così a una commedia garbata, pulita in cui gli equivoci e le piacevoli gag dei protagonisti tentano di svelare come funzioni davvero il misterioso ingranaggio dell’amore.

Un mistero che resiste nel tempo e nessun piano e accortezza dell’uomo può fermare.

Vincenzo Salemme e gli altri due autori hanno il merito di aver scritto un testo frizzante e divertente che riesce, nel complesso, ad intrattenere con più di una risata il pubblico e a regalare allo stesso tempo lo spazio per una riflessione su cosa significhi essere oggi coppia. L’intreccio narrativo di per sé convince nella sua semplicità, sebbene presenti dei limiti strutturali e, in alcuni passaggi, risulti frettoloso. I dialoghi sono comunque vivaci e spumeggianti, soprattutto per merito dei valenti protagonisti.

La regia di Salemme, sebbene lui stesso in conferenza stampa abbia decisamente smentito, appare da una parte di taglio televisivo, anche se di discreto livello, e dall’altra, nella messa in scena della storia e soprattutto nel guidare il cast, rievoca molto uno stile e approccio teatrale.

Il pregio maggiore del film risiede nella solidità recitativa e nel talento artistico dell’intero cast. La formazione teatrale degli attori si nota nella recitazione che dona consistenza e forza ai personaggi che, sebbene in alcuni momenti risultino pittoreschi, non perderlino di credibilità e naturalezza.

Il finale, anche abbastanza prevedibile, piace per la sua vena romantica e poetica, dimostrando, se ce ne fosse ancora bisogno, che in amore nessuno possiede tutte le risposte e che al cuore non si comanda.

“Se mi lasci non vale” è un film del  2016 di Vincenzo Salemme, scritto da Martino Coli, Paolo Genovese, Vincenzo Salemme, con :Vincenzo Salemme,Paolo Calabresi, Carlo Buccirosso,.Serena Autieri, Tosca D’Aquino, Carlo Giuffrè.

Il biglietto d’acquistare per “Se mi lasci non vale” è : 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.