"The Art of the Brick": come tornare bambini ed essere giustificati!

Lunedì, 16 Novembre 2015 08:40
  

Chi di noi in tenera età non si è ingegnato nel costruire e creare mostri, eroi, castelli, astronavi, e a sognare mondi fantastici con i mattoncini piu' adorabili esistenti del pianeta? Ricordate L. Ego? O meglio Leonard Ego ritrovato su una spiaggia in Florida a Sarasota ormai 4 anni fa? Indossava una maglietta con lo slogan: "No real than you are'" (Non più reale di te) e induceva a sognare seppur spiaggiato, dando l'impressione di essere avvolto da quell'aura di mistero che solo i giochi a cui siamo piu' affezionati sembrano possedere. Beh, a volte «I sogni si realizzano... un mattoncino alla volta!» proprio come dice Nathan Sawaya.

 

Lego 1

 

«E chi diavolo è Nathan Sawaya?» vi chiederete giustamente voi. Beh è un avvocato che nel 2004 ha deciso di averne fin sopra i capelli della giurisprudenza e che era arrivato il momento di dare sfogo alla sua creatività e passione, perciò ha collezionato oltre 4 milioni di mattoncini e nel 2007 ha presentato la prima expo di opere artistiche interamente realizzate di Lego. Inutile dire che la mostra ha riscosso un successo enorme.

 

Lego 2


Giustappunto la CNN ha inserito "The Art of the Brick" nelle dieci mostre imperdibili a livello mondiale . «Il lavoro di Nathan Sawaya – afferma Fabio Di Gioia ( curatore della mostra ) - colpisce immediatamente, forse anche più l'adulto che il bambino. Le opere infatti sembrano tutte facilmente realizzabili: basta avere a disposizione un buon numero di mattoncini e attaccarli secondo uno schema. Ma in "The Art of The Brick" c'è soprattutto l'elemento del genio, nascosto dal divertissement, che esprime sia l'arte, reinterpretandola, sia la condizione umana. E questo è piuttosto un gioco da adulti».

 

Lego 3

 

Lego 4

 

Man mano che ci si addentra nel percorso si viene rapiti dalla bellezza e dalla complessità di oltre 80 coloratissime sculture 3D che vivono di vita propria, con le luci e i piani prospettici che fanno da cornice a queste opere mirabili. La varietà è impressionante: si può ammirare Il Bacio di Klimt o il sorriso rettangolare della Gioconda, L'Urlo di Munch, Il Pensatore di Rodin, 7 metri di Tirannosaurus Rex, figure umane a grandezza naturale, immagini che sembrano vere e proprie fotografie a figure umane a grandezza naturale, ricostruite talmente minuziosamente da pensare che lo spettacolo che abbiamo davanti non possa realmente essere opera di un solo uomo.

 

Lego 5

 

Lego 6

 

"The Art of the Brick" fa tuffare lo spettatore in un mare di fantasia e gioco partendo dal percorso espositivo. Ci si ritrova inizialmente ad osservare, per poi ammirare e stupirsi della capacità artistiche del creatore fino a ritrovarsi impantanati nello stimolo di dover creare qualcosa anche noi e ci ritroviamo catapultati in un processo creativo che porta con se quel tipico sapore d'infanzia. Adesso che abbiamo la vostra attenzione, prenotate il primo treno per la capitale perché "The Art of the Brick" è arrivata in Italia, ospitata presso un' area espositiva di circa 1220 mq per la prima volta, a Roma. Dal 28 ottobre al 14 febbraio 2016 sarà visitabile allo Spazio Eventi SET, in via Tirso 14 Info: +39 366 30 44 785 – www.artofthebrick.it – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Se non siete ancora del tutto convinti, allora sappiate che alla fine del percorso è stata allestita un'area gioco dove piccoli e "meno piccoli" potranno sfogarsi e creare con i mattoncini LEGO ed i videogiochi della DM Comics messi a disposizione degli ospiti (Tranquilli ci saranno centinaia di testimoni pronti ad affermare che non stavate assolutamente giocando, ma che quello a cui hanno assistito era piuttosto un percorso artistico e di riflessione, introspezione, filosofico...).

 

Lego 7

 

Nathan afferma:«Credo che le mie opere conquistino il pubblico perché i Lego sono giocattoli familiari: così propongo un'arte democratica e accessibile a tutti, in cui ognuno trova il suo approccio e attraverso una genialità giocosa racconta le emozioni e gli stati d'animo che prova viaggiando o vivendo esperienze quotidiane.»

 

Lego 8

 

L'intramontabile mattoncino Lego rappresenta l'oggetto delle innumerevoli opportunità,impossibile resistere alla tentazione di giocare a prescindere dall'età del fruitore, non lasciarsi rapire dalle forme dai colori e dalle possibilità che offe il mondo squadrato dei piccoli strumenti della creatività è più difficile che portare perfettamente a termine una dieta, quindi perché andare contro noi stessi e il nostro Genio? FORZA GIOCHIAMO!

 

Lego 9

 

Nathan, Originario dell'Oregon laureato in Legge, dopo anni di servizio nello studio Winston&Strawn nel 2004 abbandonò la carriera di avvocato per inseguire il suo grade sogno: diventare artista di mattoncini LEGO nel suo studio di New York City. Oggi molte delle sue opere sono divenute parte integrante di alcune collezioni di arte contemporanea in molti musei del Nord America. Oggi è indicato come uno dei più stimati, pregevoli e premiati artisti dell'arte contemporanea.

 

Lego 10

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.