Giustizia per i beagle di Green Hill!

Venerdì, 23 Gennaio 2015 13:40
  

È con gioia che apprendiamo la notizia della sentenza, emessa dal Tribunale di Brescia, che riconosce colpevoli di maltrattamento di animali tre dei quattro imputati del Processo Green Hill. Ghislane Rondot, uno dei gestori della struttura e il veterinario Renzo Graziosi sono stati condannati a un anno e mezzo di reclusione, il direttore Roberto Bravi a un anno, mentre Bernard Gotti, l'altro gestore è stato assolto. Inoltre, è stato disposto un risarcimento di 30.000€ per la LAV, e gli imputati non potranno allevare cani per i prossimi due anni.

 

Beagle

 

Oltre che rendere giustizia ai 6023 beagle morti all'interno del canile lager, questa condanna ha una grande importanza, dal momento che, come ha sottolineato l'On. Brambilla, riconosce che il rispetto e la tutela degli animali sono principî validi anche quando si ragiona in termini economici/scientifici. Gianluca Felicetti, presidente della LAV, ha inoltre ricordato che la sentenza è un riconoscimento a tutti i cittadini che nel corso degli ultimi anni hanno partecipato alla battaglia contro Green Hill.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.