“Anno nuovo, vita nuova”: Welcome 2015!

Venerdì, 02 Gennaio 2015 00:00
  

Abbiamo salutato il 2014. Ciascuna di noi porta con sé gli avvenimenti importanti dell’anno trascorso o le semplici emozioni vissute in, apparentemente anonimi, momenti della quotidianità. Si sa, ogni fine è l’occasione di un bilancio e fare il bilancio di un anno intero non è propriamente un’operazione semplice. Sconfitte e successi, sorrisi e lacrime, nuovi incontri e separazioni, tristezze e gioie, tutto, per ognuna di noi, ha sicuramente dato diverse sfumature di colore (in attesa, a quanto pare, delle 50 di grigio) a ben 365 giorni vissuti. Sicuramente oggi, non siamo le stesse di un anno fa.

 

10898163 10205444474700833 5695619772470877090 n

 

Abbiamo brindato al nuovo anno che viene, custodendo in noi la speranza che il 2015 sia un anno migliore del precedente; nulla importa se le premesse sono le stesse ogni anno, a noi piace continuare sempre a sperare e vivere con un approccio positivo alla vita. Che abbiate scelto di festeggiare in famiglia, con la vostra metà-magari con un bel viaggio all’estero-con una comitiva di amici o con sconosciuti ai quali vi siete aggregate all’ultimo momento o che abbiate deciso di andare a dormire(come la sottoscritta), che abbiate riabbracciato un fratello lontano o cullato il vostro bambino, che abbiate fatto follie in abiti luccicanti di paillettes o abbiate optato per un comodo pigiamone di pile, che abbiate indossato lingerie sexy rigorosamente rossa o siate crollate dopo aver riassettato casa dopo la cena di San Silvestro, dubitando fortemente di avere ancora sembianze femminili, tutte avrete sicuramente espresso un desiderio in particolare. Aspettare un colpo di fortuna, perché pensate di non averne mai abbastanza? Terminare il vostro percorso di studi, mantenendo un minimo di sanità mentale? Trovare lavoro in questo momento di crisi(lo so, sembra un miraggio, ma continuiamo a credere all’esistenza dei miracoli)? Costruire un nuovo progetto di vita, nonostante nessuno sia disposto a credere in voi? Lasciare il vostro partner perché avete capito di non essere più innamorate o al contrario fortificare la vostra relazione intraprendendo una convivenza o preparandovi all’importante passo del matrimonio? Disfarsi, con l’adeguato tatto, di persone che apportano solo negatività alle vostre vite? Qualunque sia il desiderio che abbiate espresso, abbiate la fiducia che potrete in qualche modo realizzarlo, se portate avanti un obiettivo con tenacia e perseveranza, rialzandovi ogni volta che cadete (perché, diciamocela tutta, si cade, l’importante è rialzarsi!), evitando inutili conflitti, distrazioni e sterili competizioni(soprattutto con altre donne, permettetemelo, lo trovo un atteggiamento pietoso!), concentrandovi su voi stesse senza dimenticare di donare un po’ del vostro tempo, non solo alle persone importanti per voi, ma anche a quelle che incontrerete sul vostro cammino. Quante nuove energie e che scambio produttivo di idee derivano dal confrontarsi con le persone che la vita ci regala, senza che neppure le chiediamo! Ricordatevi di essere umane senza perseguire la stupida utopia di essere perfette, le donne vere siamo noi e non le star fotoshoppate; date poco retta al peso(lo so, in questi giorni di festa molte bilance stanno piangendo, ma le lacrime possono sempre essere asciugate!) e più alla vostra salute, non vi fate cogliere dallo shopping compulsivo, anche perché l’inizio della stagione dei saldi potrebbe far piangere i vostri portafogli molto di più delle bilance, ma imparate a valorizzare quello che già possedete: una donna originale nel look è sempre molto più apprezzata di una donna vestita con capi firmati dalla testa ai piedi. Ma soprattutto amate voi stesse, tanto nelle vostre fragilità quanto nei vostri punti di forza, abbiate il coraggio di fare sempre autocritica(si cresce!) senza dar peso alle maldicenze e alle critiche immotivate(di solito sono l’espressione becera dell’invidia!), ritenetevi sempre in grado di bastare a voi stesse, perché ne siete sicuramente capaci(non vi sto proponendo una vita eremitica, ovviamente), non fate scelte affrettate, ma seguite meno la ragione e più il vostro istinto, che di solito non mente. Amate, abbracciate, baciate, ringraziate, gioite, chiedete perdono, non date nulla per scontato ma siate sempre grate alla vita. Viaggiate(se potete!), scoprite, siate curiose, leggete, andate al cinema, al teatro, a concerti e mostre, coltivate ciò che vi appassiona. Non abbiate timore della solitudine, non disprezzate i momenti di silenzio, è in quei momenti che si ascolta la propria anima, è da lì che nascono le cose migliori. E come consigliava la bella Marylin: “Che facciate quello che vi piace e che possiate amare ciò che fate”.

 

IMG 1341638627642323

 

Ho parlato a ciascuna di voi, parlando a me stessa, pertanto l’augurio che voglio fare a me e a voi per il 2015 è che possiamo dispiegare le nostre ali e volare verso la meta che desideriamo raggiungere e, se ancora non dovessimo conoscerla, iniziamo almeno a scoprire quale possa essere.

 

Felicissimo anno nuovo alla “Pink Generation”!

Ultima modifica il Venerdì, 02 Gennaio 2015 09:23
Vota questo articolo
(2 Voti)
Letto 1495 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.