Presidenti per tutti i gusti

Lunedì, 05 Novembre 2012 08:44
  

Sì, cari lettori, sono state due settimane dense di emozioni, e tale sarà anche la prossima. Se lunedì scorso abbiamo preferito, piuttosto che fare come al solito le pulci ai politici, concentrarci sugli scienziati, oggi vi proponiamo un breve aggiornamento di ciò che è successo/sta succedendo in questi ultimi giorni.

Cominciamo da dove ci eravamo interrotti, ovvero dai casi giudiziari: il primo, più clamoroso, è la condanna del cavalier Bananoni per frode fiscale nel processo Mediaset; 4 anni di reclusione e 5, e qui viene il bello, di interdizione dai pubblici uffici. Solo in primo grado, ma è già troppa grazia; ci sorprende l'esserci risparmiati l'ennesima legge ad personam scritta da Ghedini e infarcita di trucchetti per legulei, e per l'occasione brindiamo cantando L'Internazionale.

Per un ex Presidente condannato ce n'è uno attualmente in carica che viene assolto. Costui è il buon Nikita, Presidente della Regione Puglia; è stato assolto nel processo per sospetto abuso d'ufficio nella nomina di un primario. Sospettiamo che i giudici gli siano stati grati per il non aver voluto difendersi da solo (altrimenti il processo sarebbe durato molto di più e sarebbe stato molto più prolisso), fatto sta che anche per questo, come sopra, possiamo brindare cantando L'Internazionale.

Non ci dilunghiamo oltre nel sottolineare il diverso atteggiamento, noto a tutti, che questi due indagati hanno avuto verso le inchieste in cui erano coinvolti, e passiamo avanti.

In Sicilia, Rosario Crocetta (PD) ha vinto le elezioni per la Presidenza; mentre tutti commentano il gran risultato del M5S (che Grillo vorrebbe usare come trampolino per candidarsi, anche lui, a Presidente del Consiglio), a noi sembra più interessante rimarcare che Crocetta è ex comunista (iniziò nel PCI e in seguito fu membro di Rifondazione), gay dichiarato e nemico giurato della mafia, che da sindaco di Gela ha strenuamente combattuto, attirandosi anche alcune poco amichevoli attenzioni. Leggasi: attentati, e anche parecchi.

Un risultato straordinario quasi quanto l'elezione di un nero alla presidenza degli Stati Uniti; a questo proposito, in settimana ci sarà il voto finale: voi scegliereste Obama o Romney?

Il primo è dato in leggero vantaggio negli stati-chiave, e comunque prima di decidere sappiate che il secondo una volta tenne il cane sul tettuccio dell'auto per tutto il viaggio, perché all'interno secondo lui non c'era spazio. Altre pregevoli chicche le potrete leggere nel prossimo numero cartaceo di MYGENERATION, in pubblicazione a breve.

Per questa settimana, cari lettori, vi salutiamo: ma ricordate sempre che il potere logora chi non ce l'ha...

Vota questo articolo
(2 Voti)
Lorenzo Fattori

Dottore in Sociologia, laureato alla Facoltà di Sociologia dell'Università degli Studi di Napoli - Federico II.

Presidente del Consiglio degli Studenti e membro studentesco del Consiglio di facoltà della Facoltà di Sociologia.

Membro dell'Esecutivo provinciale dell'UdU - Unione degli Universitari.

In precedenza, ho collaborato con la pubblicazione studentesca SpazioTempo, con il giornale online AgoraVox Italia e con la rivista scientifica Quaderni d'Altri Tempi.

 

- "Homo sum: nihil humanum est a me alienum puto" -

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.