Il tuo cervello non pesa un chilo

Giovedì, 30 Agosto 2012 18:18
  

Anni fa si pensava che il cervellofosse un organo stabile: ‘cresce, ma non è plastico’. Evidentemente la teoria non ha convinto un gruppo di studiosi della Gran Bretagnache ha dimostrato come la presenza di determinate patologieconferisca all’organo una certa plasticità. La più pericolosa imputata: depressione. E’ stato provato come questa patologia produca una riduzione del volume cerebrale nelle aree del lobo frontale, responsabile della pianificazione, dei gangli della base, che influenzano il movimento, e dell’ippocampo, indispensabile per la memoria. Uno straordinario passo in avanti per la medicina che sembra aumentare significativamente le potenzialità diagnostiche per questa malattia. Gli esperti confermano: “Possiamo pensare a nuovi metodi di trattamento della malattia” , una svolta per il mondo della diagnostica medica, una scoperta che aiuterà ad abbattere per sempre le barriere della depressione.

La depressione è un’epidemia di portata mondiale (…) E’ più facile liberarci del problema dando una diagnosi e una scatola di farmaci.”( Patch Adams)

Vota questo articolo
(3 Voti)
Federica De Marco

"Essere donna è così affascinante. E' un'avventura che richiede coraggio, una sfida che non annoia mai. Avrai tante cose da intraprendere se nascerai donna. Per incominciare, avrai da batterti per sostenere che se Dio esiste potrebbe anche essere una vecchia con i capelli bianchi o una bella ragazza. Poi avrai da batterti per spiegare che il peccato non nacque il giorno in cui Eva mangiò la mela. quel giorno nacque una splendida virtù chiamata disubbidienza. Infine avrai da batterti per dimostrare che dentro il tuo corpo liscio e rotondo c' é un'intelligenza che chiede di essere ascoltata" O. Fallaci

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.